Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
psicologia

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

La psicologia è spesso sottovalutata nelle scienze per via della ricerca disordinata e controversa, ma ha portato a intuizioni interessanti

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Uno dei più famigerati esperimenti di psicologia mai condotti riguardava una forma accuratamente pianificata di abuso sui minori. Lo studio si basava su un semplice schema che oggi non sarebbe mai stato approvato o finanziato. Nel 1920, due ricercatori riferirono di aver ripetutamente sorpreso un bambino ignaro, che divenne noto come Little Albert, per vedere se poteva essere condizionato come i cani di Pavlov, ed è solo l’inizio.

Lo psicologo John Watson della Johns Hopkins University e la sua studentessa Rosalie Rayner hanno considerato il loro laboratorio della paura come un passo verso il rafforzamento di una branca delle scienze naturali in grado di prevedere e controllare il comportamento delle persone e di altri animali.

All’inizio, il bambino di 9 mesi, identificato come Albert B., sedeva placidamente quando i ricercatori gli mettevano davanti un topo bianco. Nei test due mesi dopo, un ricercatore ha presentato il roditore e, proprio mentre il bambino portava la mano per accarezzarlo, l’altro scienziato era in piedi dietro ad Albert e faceva risuonare un’asta di metallo con un martello.

psicologia

Il loro obiettivo: vedere se un bambino poteva essere condizionato ad associare un topo bianco emotivamente neutro a un rumore spaventoso, proprio come il fisiologo russo Ivan Pavlov aveva addestrato i cani ad associare i clic insignificanti di un metronomo alla gioia di essere nutriti.

I cani di Pavlov sbavavano al semplice suono di un metronomo. Allo stesso modo, Little Albert alla fine pianse e si ritrasse alla sola vista di un topo bianco. La paura condizionata del ragazzo non era limitata ai roditori. Si è arrabbiato quando gli sono state presentate altre cose pelose: un coniglio, un cane, una pelliccia e una maschera di Babbo Natale con una barba pelosa.

I dettagli cruciali dell’esperimento Little Albert rimangono poco chiari o controversi, come chi fosse il bambino, se avesse delle condizioni neurologiche e perché il ragazzo è stato rimosso dall’esperimento, forse da sua madre, prima che i ricercatori potessero tentare di invertire il processo delle paure acquisite. È anche incerto se abbia avuto effetti a lungo termine della sua esperienza.

Sebbene la psicologia sperimentale sia nata in Germania nel 1879 (dato smentito e approfondito nel video alla fine dell’articolo), il famigerato studio di Watson prefigurò un approccio disordinato e controverso alla “scienza del sé” che si è svolto negli ultimi 100 anni. Tribù scientifiche in guerra, armate di presupposti contrastanti su come le persone pensano e si comportano, hanno lottato per il dominio nella psicologia e in altre scienze sociali.

Alcuni hanno raggiunto una grande influenza e popolarità, almeno per un po’, altri hanno faticato in relativa oscurità. Le tribù in competizione raramente hanno unito le forze per sviluppare o integrare teorie su come pensiamo o perché facciamo quello che facciamo, e tali sforzi non attirarono molta attenzione.

Ma Watson, che ha avuto una seconda carriera come dirigente pubblicitario di successo, sapeva come attirare i riflettori. Ha aperto la strada a un campo chiamato comportamentismo, lo studio delle reazioni esterne delle persone a sensazioni e situazioni specifiche. Solo il comportamento contava nella scienza di Watson, i pensieri inosservabili non lo riguardavano.

Anche se il comportamentismo era al centro dell’attenzione, Watson ha scritto un libro best-seller su come allevare i bambini sulla base dei principi del condizionamento, alcuni psicologi si sono occupati della vita mentale. Lo psicologo americano Edward Tolman ha concluso che i ratti hanno appreso la disposizione spaziale dei labirinti costruendo una “mappa cognitiva” dell’ambiente circostante.

A partire dagli anni ’10, gli psicologi della Gestalt hanno studiato come percepiamo gli interi in modo diverso dalla somma delle loro parti, ad esempio, a seconda della prospettiva, vedere un calice o i profili di due volti in primo piano in un disegno.

A partire dall’inizio del XX secolo, Sigmund Freud, il fondatore della psicoanalisi, esercitò una grande influenza sul trattamento dei disturbi psicologici attraverso i suoi scritti su argomenti come conflitti inconsci, nevrosi e psicosi.

I clinici freudiani hanno guidato la stesura del primo sistema di classificazione ufficiale dell’American Psychiatric Association per i disturbi mentali. Le edizioni successive della “bibbia” psichiatrica hanno abbandonato i concetti freudiani come non scientifici, aveva basato le sue idee sull’analisi di se stesso e dei suoi pazienti, non su studi di laboratorio.

Poco dopo l’ascesa della stella intellettuale di Freud, ci fu anche quella dello psicologo dell’Università di Harvard B.F. Skinner, che potrebbe far risalire il suo lignaggio accademico al comportamentismo di Watson. Collocando ratti e piccioni in camere di condizionamento note come scatole Skinner, Skinner ha studiato come il tempismo e il tasso di ricompense o punizioni influenzano la capacità degli animali di apprendere nuovi comportamenti.

Scoprì, ad esempio, che le ricompense regolari accelerano l’apprendimento, mentre le ricompense intermittenti producono comportamenti difficili da estinguere in laboratorio. Ha anche suscitato polemiche definendo il libero arbitrio un’illusione e immaginando una società utopica in cui le comunità distribuissero ricompense per produrre cittadini ben educati.

Le idee di Skinner, e il comportamentismo in generale, persero favore alla fine degli anni ’60. Gli scienziati hanno iniziato a nutrire l’idea che i calcoli, o calcoli statistici, nel cervello potrebbero consentire il pensiero.

Allo stesso tempo, alcuni psicologi sospettavano che i giudizi umani si basassero su scorciatoie mentali errate piuttosto che su elaborazioni di dati simili a computer. La ricerca sui presunti difetti dilaganti nel modo in cui le persone prendono decisioni individualmente e in situazioni sociali è diventata famosa negli anni ’70 e rimane popolare oggi. Negli ultimi decenni, una linea di ricerca opposta ha riportato che, invece, le persone esprimono buoni giudizi utilizzando semplici regole empiriche adattate alle situazioni rilevanti.

A partire dagli anni ’90, la nostra scienza si è ramificata in nuove direzioni. Sono stati compiuti progressi nello studio di come si sviluppano i problemi emotivi nel corso di decenni, di come pensano le persone nelle culture non occidentali e del motivo per cui le morti legate alla disperazione sono costantemente aumentate negli Stati Uniti. L’attenzione scientifica è stata anche reindirizzata alla ricerca di modi nuovi e più precisi per definire i disturbi mentali.

Nessuna teoria unificata della mente e del comportamento unisce questi progetti di psicologia. Per ora, come hanno scritto nel 2017, gli psicologi sociali William Swann dell’Università del Texas ad Austin e Jolanda Jetten dell’Università del Queensland in Australia, forse gli scienziati dovrebbero ampliare le loro prospettive per “testimoniare i numerosi modi sorprendenti e ingegnosi in cui lo spirito umano si afferma .”

Psicologia: rivoluzione e razionalità

L’attenzione odierna sullo studio dei pensieri e dei sentimenti delle persone, nonché dei loro comportamenti, può essere ricondotta a una “rivoluzione cognitiva” iniziata a metà del XX secolo. L’ascesa di computer sempre più potenti ha motivato l’idea che programmi complessi nel cervello guidano “l’elaborazione delle informazioni” in modo che possiamo dare un senso al mondo.

Questi programmi neurali, o insiemi di regole formali, forniscono strutture per ricordare ciò che abbiamo fatto, imparare una lingua nativa ed eseguire altre imprese mentali, hanno sostenuto una nuova generazione di scienziati cognitivi e informatici.

Gli economisti hanno adattato l’approccio della scienza cognitiva alle proprie esigenze. Erano già convinti che gli individui calcolassero i costi e i benefici di ogni transazione nel modo più egoistico possibile, o dovrebbero farlo ma non possono farlo a causa dei limiti mentali umani. I teorici finanziari hanno accettato quest’ultimo argomento e hanno iniziato a creare formule costi-benefici per investire denaro che sono troppo complesse perché chiunque possa pensare, e ancor meno calcolare, da solo.

L’economista Harry Markowitz ha vinto il Premio Nobel per le scienze economiche nel 1990 per la sua serie di regole matematiche, introdotte nel 1952, per allocare il denaro di un investitore in diverse attività (diversificazione), con più denaro destinato a scommesse migliori e più sicure.

Ma negli anni ’70, gli psicologi hanno iniziato a condurre studi che documentano che le persone raramente pensano secondo regole razionali di logica amate dagli economisti. Gli psicologi Daniel Kahneman della Princeton University, che ha ricevuto il Premio Nobel per le scienze economiche nel 2002, e Amos Tversky della Stanford University hanno fondato quell’area di ricerca, inizialmente chiamata euristica (che significa scorciatoie mentali) e bias (pregiudizi).

Kahneman e Tversky hanno reso popolare l’idea che i decisori si basino su scorciatoie mentali altamente fallibili che possono avere conseguenze disastrose. Ad esempio, le persone scommettono sulla bancarotta ai tavoli di blackjack in base a ciò che ricordano facilmente, grandi vincitori, piuttosto che sulla stragrande maggioranza dei perdenti. Esattamente come succede oggi riguardo le percentuali di ricaduta nei vaccinati COVID.

L’economista dell’Università di Chicago Richard Thaler ha applicato questa idea allo studio del comportamento finanziario negli anni ’80. È stato insignito del Premio Nobel 2017 per le scienze economiche per i suoi contributi nel campo dell’economia comportamentale, che incorporava precedenti ricerche su euristica e bias. Thaler ha sostenuto la pratica del nudging (spinta gentile), in cui il governo e le istituzioni private trovano modi per spingere le persone a prendere decisioni ritenute nel loro interesse.

Meglio spingere, sostengono gli economisti comportamentali, che lasciare le persone alle loro scorciatoie mentali potenzialmente disastrose. I nudge sono stati utilizzati, ad esempio, per iscrivere automaticamente i dipendenti ai piani di risparmio pensionistico, a meno che rinunciassero. Questa tattica ha lo scopo di prevenire i ritardi nel risparmiare denaro durante gli anni di lavoro iniziali, prima di arrivare a problemi finanziari più avanti nella vita.

Un’altra tattica di spinta tenta di ridurre il consumo eccessivo di dolci e altri cibi malsani, e forse anche l’aumento dei tassi di obesità, ridisegnando le mense e i negozi di alimentari in modo che le verdure e altri alimenti nutrienti siano più facili da vedere e raggiungere.

Con l’aumento della popolarità delle spinte, la ricerca di Kahneman e Tversky ha anche stimolato la crescita di un campo di ricerca opposto, fondato negli anni ’90 dallo psicologo Gerd Gigerenzer, ora direttore dell’Harding Center for Risk Literacy presso l’Università di Potsdam in Germania.

Gigerenzer e colleghi hanno studiato semplici regole empiriche che, quando orientate verso spunti cruciali in situazioni del mondo reale, funzionano notevolmente bene per il processo decisionale. Il loro approccio si basava sulle idee sul processo decisionale nelle organizzazioni, che hanno fatto vincere all’economista Herbert Simon il Premio Nobel 1978 per le scienze economiche.

Nel mondo reale, le persone in genere possiedono informazioni limitate e hanno poco tempo per prendere decisioni, sostiene Gigerenzer. I rischi precisi non possono essere conosciuti in anticipo o calcolati in base a ciò che è accaduto in passato perché molti fattori interagenti possono innescare eventi imprevisti, ad esempio, nella propria vita o nell’economia mondiale.

In mezzo a così tante incertezze, tattiche decisionali semplici ma potenti possono superare enormi operazioni di calcolo numerico come la formula di investimento di Markowitz. Utilizzando 40 anni di dati del mercato azionario statunitense per prevedere i rendimenti futuri, uno studio ha scoperto che la semplice distribuzione di denaro equamente tra 25 o 50 titoli, di solito ha fruttato più denaro di 14 strategie di investimento complesse, inclusa quella di Markowitz.

A differenza della procedura di Markowitz, dividere equamente i fondi tra diversi acquisti distribuisce i rischi di investimento senza scambiare modelli finanziari accidentali e casuali del passato, per buone scommesse.

Gigerenzer e altri ricercatori di potenti regole empiriche enfatizzano l’educazione pubblica in alfabetizzazione statistica e strategie di pensiero efficaci rispetto agli schemi di spinta. Gli effetti previsti dei nudge sono spesso deboli e di breve durata, sostengono.

Possono verificarsi anche effetti indesiderati, come il rammarico per aver accettato il tasso di investimento standard nel piano di risparmio di un’azienda perché risulta essere troppo basso per le proprie esigenze di pensionamento. “Spingere le persone senza educarle significa infantilizzare il pubblico”, ha scritto Gigerenzer nel 2015.

Psicologia e manipolazione

psicologia

Quando gli studi di psicologia sul processo decisionale irrazionale sono decollati circa 50 anni fa, così ha fatto un campo di ricerca con implicazioni particolarmente preoccupanti. Gli psicologi sociali mettono i volontari in situazioni sperimentali che, a loro avviso, rivelano una debolezza umana nel seguire la folla e nell’obbedire all’autorità.

Con i ricordi della campagna nazista per sterminare gli ebrei d’Europa ancora freschi, due di questi esperimenti sono diventati famosi per aver mostrato l’apparente facilità con cui le persone si attengono a ordini atroci e abusano del potere.

In primo luogo, lo psicologo di Yale Stanley Milgram riferì nel 1963 che il 65% dei volontari obbediva alle richieste di uno sperimentatore, di somministrare quelle che pensavano fossero scosse elettriche sempre più potenti e possibilmente letali a una persona invisibile, che stava effettivamente lavorando con Milgram, come punizione per aver sbagliato a parlare. Questa scoperta ampiamente pubblicizzata sembrava svelare una spaventosa volontà della gente comune di eseguire i comandi delle autorità malvagie.

Un inquietante seguito al lavoro di Milgram fu lo Stanford Prison Experiment del 1971, che lo psicologo Philip Zimbardo interruppe dopo sei giorni a causa dell’escalation del caos tra i partecipanti. Gli studenti universitari maschi assegnati a fare la guardia in una prigione simulata avevano sempre più abusato di finti prigionieri, spogliandoli nudi e negando loro il cibo. Gli studenti “prigionieri” si ritiravano e si deprimevano.

Zimbardo ha sostenuto che situazioni sociali estreme, come assumere il ruolo di una guardia carceraria, bypassano l’autocontrollo. Anche i ragazzi del college dai modi miti possono diventare duri quando indossano le uniformi delle guardie e hanno il controllo dei loro coetanei imprigionati, ha detto.

I progetti di Milgram e Zimbardo contenevano drammi umani e conflitti che avevano un fascino pubblico diffuso e duraturo. Un film del 1976 realizzato per la televisione basato sull’esperimento di Milgram, intitolato The Tenth Level, aveva come protagonista William Shatner. Un film del 2010 ispirato all’esperimento della prigione di Stanford, chiamato semplicemente The Experiment, vide come vincitori dell’Oscar Adrien Brody e Forest Whitaker.

Nonostante il duraturo impatto culturale dell’obbedienza all’autorità e degli esperimenti in prigione, alcuni ricercatori hanno messo in dubbio le conclusioni di Milgram e Zimbardo. Milgram ha condotto 23 esperimenti di obbedienza, anche se solo uno è stato pubblicizzato.

Nel complesso, i volontari di solito somministravano scosse più forti, quando venivano incoraggiati a identificarsi con la missione scientifica di Milgram per comprendere il comportamento umano. Nessuno ha seguito l’ordine dello sperimentatore: “Non hai altra scelta, devi andare avanti”.

In effetti, è più probabile che le persone che seguono gli ordini di danneggiare gli altri lo facciano perché si identificano con una causa collettiva che giustifica moralmente le loro azioni, hanno affermato gli psicologi S. Alexander Haslam dell’Università del Queensland e Stephen Reicher dell’Università di St. Andrews in Scozia, 40 anni dopo il famoso studio di obbedienza.

Piuttosto che seguire ciecamente gli ordini, i volontari di Milgram hanno collaborato con uno sperimentatore quando consideravano la partecipazione scientificamente importante, anche se, come molti in seguito dissero a Milgram, non volevano dare shock e si sentivano male dopo averlo fatto.

I dati del genocidio etnico del 1994 nella nazione africana del Ruanda hanno confermato la versione rivista dell’esperimento di Milgram. In un arco di 100 giorni, i membri della popolazione hutu a maggioranza del Ruanda hanno ucciso circa 800.000 persone di etnia tutsi.

I ricercatori di psicologia che in seguito hanno esaminato i dati del governo ruandese sugli autori di genocidi, hanno stimato che solo il 20% circa degli uomini hutu e una percentuale molto inferiore di donne hutu hanno ferito gravemente o ucciso almeno una persona durante l’episodio sanguinoso. La maggior parte degli hutu ha respinto le pressioni dei leader politici e della comunità per unirsi al massacro.

Né i prigionieri e le guardie di Zimbardo accettarono passivamente i ruoli loro assegnati. I prigionieri in un primo momento hanno sfidato e si sono ribellati alle guardie. Quando i prigionieri hanno appreso da Zimbardo che avrebbero dovuto rinunciare ai soldi che avevano già guadagnato se se ne fossero andati prima della fine dell’esperimento, la loro solidarietà è crollata e le guardie hanno schiacciato la loro resistenza.

Tuttavia, la maggioranza delle guardie si rifiutava di esercitare il potere in modo tirannico, favorendo tattiche dure ma giuste o amichevoli. In un secondo esperimento carcerario condotto da Haslam nel 2002, alle guardie fu permesso di sviluppare le proprie regole carcerarie piuttosto che sentirsi dire di far sentire i prigionieri impotenti, come aveva fatto Zimbardo.

In una rapida catena di eventi, scoppiò un conflitto tra un gruppo di guardie e prigionieri che formavano un gruppo comune che condivideva il potere e un altro con guardie e prigionieri che volevano istituire un governo autoritario. Il morale nel gruppo affondò rapidamente. Haslam ha interrotto l’esperimento dopo otto giorni. “È la rottura dei gruppi e il conseguente senso di impotenza che crea le condizioni in cui la tirannia può trionfare”, ha concluso Haslam.

Gli esperimenti di Milgram e Zimbardo hanno posto le basi per ulteriori ricerche secondo cui le persone non possono controllare determinati atteggiamenti e comportamenti dannosi. Un test della velocità con cui gli individui identificano parole e immagini positive o negative, dopo che gli sono state mostrate facce bianche e nere, è diventato popolare come indicatore di pregiudizi razziali inconsci.

Alcuni ricercatori considerano quel test come una finestra sul pregiudizio nascosto e la formazione sui pregiudizi impliciti è diventata comune in molti luoghi di lavoro. Ma altri scienziati si sono chiesti se attinga davvero al bigottismo sottostante. Allo stesso modo, la minaccia degli stereotipi, l’idea che le persone agiscano automaticamente in modo coerente con le convinzioni negative sulla loro razza, sesso o altri tratti, quando vengono sottilmente legati ai ricordi di quegli stereotipi, ha anche attirato sostenitori e critici accademici.

La psicologia come terapia per migliorare la vita e durata della vita

psicologia

C’è voluta una crisi della salute pubblica per stimolare un livello di cooperazione tra le discipline all’interno e anche al di fuori delle scienze sociali raramente raggiunto nell’ultimo secolo. Dopo un lungo periodo di crescente longevità, la durata della vita è diminuita negli ultimi anni, alimentata da overdose di droga e altre “morti da disperazione” tra i poveri e la classe operaia afflitti da perdite di posti di lavoro e futuro incerto.

Economisti, psicologi, psichiatri, sociologi, epidemiologi e medici hanno iniziato a esplorare le potenziali ragioni delle recenti perdite di longevità, con l’obiettivo di arginare una marea crescente di morti precoci.

Due economisti dell’Università di Princeton, Anne Case e Angus Deaton, hanno evidenziato questa preoccupante tendenza nel 2015. Dopo aver esaminato le statistiche sulla morti negli Stati Uniti, Case e Deaton hanno osservato che la mortalità è aumentata notevolmente tra i bianchi di mezza età e non ispanici a partire dalla fine degli anni ’90. In particolare, i bianchi della classe operaia di età compresa tra 45 e 54 anni, bevevano sempre di più fino alla morte con l’alcol, soccombendo a overdose da oppiacei e commettendo suicidi.

Secondo gli economisti, le perdite di posti di lavoro causate dal declino dell’attività mineraria e dallo spostamento degli impianti di produzione all’estero, gli elevati costi sanitari, la disintegrazione delle famiglie e altre fonti di stress hanno reso più persone, suscettibili alla morte per disperazione. Una tendenza simile aveva alimentato le morti tra i neri dei centri urbani negli anni ’70 e ’80.

Se Case e Deaton avevano ragione, allora i ricercatori avevano urgente bisogno di trovare un modo per misurare la disperazione. Due grandi idee hanno guidato i loro sforzi. Primo, non dare per scontato che la depressione o altre diagnosi corrispondano alla disperazione.

Le circostanze tragiche della vita al di fuori del proprio controllo, dalla disoccupazione improvvisa alla perdita dei propri cari abbattuti dal COVID-19, possono innescare demoralizzazione e dolore che non hanno nulla a che fare con la depressione preesistente o qualsiasi altro disturbo mentale. Ed è a questo che serve la psicologia oggi.

In secondo luogo, studiare le persone per tutta la vita per districare come si sviluppa la disperazione chee provoca morti precoci. È ragionevole chiedersi, ad esempio, se la dipendenza da oppiacei affligge più spesso i giovani adulti che hanno sperimentato la disperazione fin dall’infanzia, rispetto a coloro che per primi hanno affrontato la disperazione nell’anno precedente.

Una scala preliminare di disperazione è costituita da sette indicatori di questa condizione, tra cui sentirsi senza speranza e impotenti, sentirsi non amati e preoccuparsi spesso. Questa scala si è dimostrata promettente come un modo per identificare coloro che potrebbero pensare o tentare il suicidio e abusare di oppiacei e altre droghe.

I decessi per disperazione appartengono a una più ampia crisi economica e sanitaria pubblica, ha concluso un comitato di 12 accademie nazionali delle scienze, dell’ingegneria e della medicina nel 2021. Dagli anni ’90, le overdose di droga, l’abuso di alcol, i suicidi e le condizioni legate all’obesità hanno causato la morte di quasi 6,7 milioni di adulti statunitensi di età compresa tra 25 e 64 anni, ha rilevato il comitato. Se l’obesità è raramente o spesso associata alla disperazione è una questione aperta.

I decessi per queste cause colpiscono in modo particolarmente duro le minoranze razziali e la classe operaia di tutte le etnie fin dall’inizio. La pandemia di COVID-19 ha ulteriormente infiammato questa tendenza alla mortalità perché le persone con condizioni di salute pregresse erano particolarmente vulnerabili al virus.

Forse i risultati di tali allarmanti implicazioni per la salute pubblica, possono aiutare politiche informative sulla psicologia, che si spera diventino diventano virali, nel senso migliore del termine. I programmi di prevenzione dell’obesità per i giovani, l’ampliamento del trattamento per l’abuso di droghe e l’arresto del flusso di oppioidi illegali sarebbero un inizio.

Qualunque cosa decidano i politici, la scienza del sé ha fatto molta strada da Watson e Rayner, che instillarono la paura di un topo in un bambino ignaro. Se Little Albert fosse vivo oggi, potrebbe sorridere, senza dubbio con circospezione, ai ricercatori che lavorano in psicologia per estinguere l’angoscia della vita reale.

 

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Che ne pensi della psicologia come medicina per migliorare la vita? Facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0