Burnout da covid19

Burnout da covid19: colpiti 7 operatori sanitari su 10

Una ricerca promossa dal l'Università Sacro Cuore di Milano ha evidenziato lo sviluppo di burnout da covid19 negli operatori sanitari coinvolti nell'emergenza coronavirus

Il burnout da covid19 era un conto che prima o poi sarebbe stato presentato. A dare concretezza a questo timore è stata una ricerca promossa dall’Università Cattolica del Sacro Cuore che ha coinvolto 1.150 operatori sanitari tra infermieri, medici e altri professionisti.

Burnout da covid19
Burnout da covid19 nel personale medico e paramedico.

Burnout da covid19: i dati della ricerca

Il campione studiato dal team di esperti del Sacro Cuore è composto da  1.150 operatori sanitari, di cui 575 medici che prestano servizio nelle regioni più colpite dall’infezione da Covid19 quali Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Piemonte. Il 93% dichiara di aver rilevato nell’ultimo mese almeno un sintomo di stress psico-fisico. Il 65% ha affermato di essersi sentito più irritabile del solito, il 62% di avere avuto disturbi nel ritmo sonno/veglia, quasi il 50% di aver sofferto di incubi notturni, circa il 45% di aver avuto crisi di pianto e il 35% palpitazioni.

Burnout da covid19
Burnout da covid19: tra i sintomi le crisi di pianto.

Anche lo stress ha toccato soglie preoccupanti: un operatore su 3 ha mostrato segni di alto esaurimento emotivo (come la  sensazione di essere emotivamente svuotati, logorati ed esausti) e uno su 4 moderati livelli di depersonalizzazione (come la tendenza ad essere cinici, trattare gli altri in maniera impersonale o come “oggetti”, sentirsi indifferenti rispetto ai pazienti e ai loro familiari).

Questi dati evidenziano come il personale medico e paramedico sia stato sottoposto ad un carico lavorativo ed emotivo troppo pesante per poter essere a lungo tollerato: “Mentre la crisi da covid19 ha messo sotto pressione i servizi sanitari in tutto il mondo e i governi si sono mossi per rallentare la diffusione del virus, gli operatori sanitari sono dall’inizio in prima linea nella gestione quotidiana della pandemia” spiega Serena Barello, ricercatrice di EngageMinds e responsabile dello studio.

“Il personale sanitario si è trovato a dover fronteggiare una situazione estremamente stressante e complessa, dai tratti imprevedibili, mettendo a serio rischio la propria salute non solo fisica, ma anche emotiva e psicologica, salute già messa a dura prova in tempi ordinari e che – è verosimile immaginare – possa essere stata ulteriormente compromessa dal peso della crisi sanitaria generata da Covid-19, inasprendo aspetti di vulnerabilità la cui tenuta è già precaria” ha concluso la scienziata.

Hai mai sentito parlare di sindrome di burnout? Cosa ne pensi del burnout da covid19? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI