paura nei bambini

La paura nei bambini: connessa ai batteri secondo uno studio

La paura nei bambini e lo sviluppo neurologico sano, sarebbero connessi al microbioma intestinale secondo una nuova ricerca

La paura nei bambini, perché alcuni di loro reagiscono al pericolo percepito più di altri? Secondo una nuova ricerca della Michigan State University e della University of North Carolina, Chapel Hill, parte della risposta potrebbe essere trovata in un luogo sorprendente: l’apparato digerente di un bambino.

L’apparato digerente umano ospita una vasta comunità di microrganismi noti come microbioma intestinale. Il team di ricerca MSU-UNC ha scoperto che il microbioma intestinale era diverso nei bambini con forti risposte di paura e nei bambini con reazioni più lievi.

Queste risposte di paura, nei primi anni di vita possono essere indicatori di futura salute mentale. E ci sono prove crescenti che legano il benessere neurologico al microbioma intestinale. I nuovi risultati suggeriscono che il microbioma intestinale potrebbe un giorno fornire a ricercatori e medici un nuovo strumento per monitorare e supportare uno sviluppo neurologico sano.

Rebecca Knickmeyer della MSU, a capo del nuovo studio pubblicato il 2 giugno sulla rivista Nature Communications ha dichiarato: “Questo primo periodo di sviluppo è un momento di enormi opportunità per promuovere uno sviluppo sano del cervello. Il microbioma è un nuovo entusiasmante obiettivo che può essere potenzialmente utilizzato a questo scopo.”

Gli studi su questa connessione e il suo ruolo nella risposta alla paura negli animali, hanno portato Knickmeyer, professore associato presso il Dipartimento di pediatria e sviluppo umano del College of Human Medicine, e il suo team a cercare qualcosa di simile negli esseri umani. Studiare come gli esseri umani, in particolare la paura nei bambini piccoli, e come la gestiscono è importante perché in alcuni casi può aiutare a prevedere la salute mentale.

La Knickmeyer ha aggiunto: “Le reazioni di paura sono una parte normale dello sviluppo del bambino. I bambini dovrebbero essere consapevoli delle minacce nel loro ambiente ed essere pronti a rispondere ad esse. Ma se non riescono a smorzare quella risposta quando sono al sicuro, potrebbero essere a maggior rischio di sviluppare ansia e depressione più avanti nella vita”.

Dall’altra parte dello spettro di risposta, i bambini con risposte di paura eccezionalmente smorzate possono continuare a sviluppare tratti insensibili e non emotivi associati al comportamento antisociale, ha detto Knickmeyer.

Paura nei bambini e microbioma: Lo studio

paura nei bambini

Per determinare se il microbioma intestinale fosse collegato alla risposta alla paura nei bambini, Knickmeyer e i suoi collaboratori hanno progettato uno studio pilota con circa 30 infanti. I ricercatori hanno selezionato attentamente il gruppo per mantenere il maggior numero possibile di fattori che incidono sul microbioma intestinale. Ad esempio, tutti i bambini erano allattati al seno e nessuno assumeva antibiotici.

I ricercatori hanno quindi caratterizzato il microbioma analizzando campioni di feci e valutato la risposta alla paura nei bambini utilizzando un semplice test: osservando le loro reazioni quando qualcuno sarebbe entrato nella stanza indossando una maschera di Halloween.

Knickmeyer ha asserito: “Volevamo davvero che l’esperienza fosse piacevole sia per i bambini che per i loro genitori. I genitori erano lì tutto il tempo e potevano entrare quando volevano. Queste sono davvero il tipo di esperienze che i bambini avrebbero potuto vivere nella loro vita di tutti i giorni”.

Compilando tutti i dati, i ricercatori hanno visto associazioni significative tra le caratteristiche specifiche del microbioma intestinale e la forza delle risposte alla paura nei bambini.

Ad esempio, i bambini con microbiomi irregolari a 1 mese di età erano più timorosi a 1 anno di età. I microbiomi irregolari sono dominati da un piccolo insieme di batteri, mentre i microbiomi sono più equilibrati.

I ricercatori hanno anche scoperto che il contenuto della comunità microbica a 1 anno di età era correlato alle risposte di paura. Rispetto ai bambini meno timorosi, i bambini con risposte intensificate avevano più di alcuni tipi di batteri e meno di altri.

Il team, tuttavia, non ha osservato una connessione tra il microbioma intestinale dei bambini e il modo in cui i bambini hanno reagito agli estranei che non indossavano maschere. Knickmeyer ha affermato che ciò è probabilmente dovuto alle diverse parti del cervello coinvolte nell’elaborazione di situazioni potenzialmente spaventose.

“Con gli estranei, c’è un elemento sociale. Quindi i bambini possono avere una diffidenza sociale, ma non vedono gli estranei come minacce immediate. Quando i bambini vedono una maschera, non la vedono come sociale. Entra in quella parte di valutazione rapida e istintiva del cervello”.

Come parte dello studio, il team ha anche ripreso il cervello dei bambini utilizzando la tecnologia MRI. Hanno scoperto che il contenuto della comunità microbica a 1 anno era associato alle dimensioni dell’amigdala, che fa parte del cervello coinvolto nel prendere decisioni rapide sulle potenziali minacce.

Mettendo insieme tutti i dati ci ha suggerito che il microbioma può influenzare il modo in cui l’amigdala si sviluppa e opera. Questa è una delle tante possibilità interessanti scoperte da questo nuovo studio, che il team sta attualmente lavorando per replicare. Knickmeyer si sta anche preparando ad avviare nuove linee di indagine con nuove collaborazioni presso IQ, ponendo nuove domande a cui è entusiasta di rispondere.

“Abbiamo una grande opportunità per sostenere la salute neurologica nella fase iniziale. Il nostro obiettivo a lungo termine è che impareremo cosa possiamo fare per favorire una crescita e uno sviluppo sani”.

paura nei bambini

Che ne pensi di questa ricerca? Facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI