Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Tumori: ridurli potenziando le cellule immunitarie

Le cellule tumorali non si limitano a fare morire di fame le cellule T killer che dovrebbero distruggere il cancro ma alimentano le cellule T regolatorie che le nutrono. La nuova ricerca ha osservato come fare morire queste ultime in modo tale da permettere alle cellule T killer di svolgere efficacemente il loro lavoro

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Ridurre le neoplasie intervenendo l’effetto del microambiente tumorale (composto da sostanze chimiche che destabilizzano il sistema immunitario e facilitano l’elusione dovessi da parte del cancro) sulle cellule immunitarie, è la nuova strada tracciata da uno studio pubblicato su Nature e portato avanti da un gruppo di scienziati dell’UPMC Hillman Cancer Center e della University of Pittsburgh School of Medicine, guidati da Greg Delgoffe, Ph.D., professore associato di immunologia di Pittsburgh.

Cellule immunitarie

Cellule immunitarie: cosa dice la nuova ricerca

Il sistema immunitario è caratterizzato da diversi tipi di cellule, con predominanza di cellule T. In particolare le cellule T killer, che contrastano gli invasori, come virus, batteri e persino i tumori. Per quanto riguarda invece le cellule T regolatorie, o “cellule T-reg”, combattono le cellule T killer agendo come protettori delle cellule che appartengono all’organismo. Le cellule T-reg sono essenziali per prevenire le patologie autoimmuni, come il diabete di tipo 1, il morbo di Crohn e la sclerosi multipla, dove le cellule T killer iperattive aggrediscono i tessuti sani del corpo.

Cellule immunitarie

Per fare in modo che tutte le cellule immunitarie svolgano con successo la loro funzione, devono riuscire a produrre energia. La squadra di ricercatori guidata da Delgoffe ha evidenziato come le diverse cellule T si alimentino diversamente come le neoplasie, competono per i nutrienti con le cellule immunitarie infiltranti. Gli studiosi hanno rivelato che le cellule T killer e le cellule T regolatorie hanno appetiti molto diversi e le cellule tumorali sfruttano questa dinamica.

“Il cancro è insidioso per la maggior parte del tempo”, ha spiegato Delgoffe. “Le cellule cancerose non si limitano a far morire di fame le cellule T che le ucciderebbero, ma in realtà alimentano queste cellule T regolatorie che le proteggono”. La ricerca ha infatti scoperto che i tumori si nutrono di tutti i nutrienti vitali nelle loro vicinanze che le cellule T killer avrebbero bisogno di attaccare. Non solo, espellono anche l’acido lattico, che nutre le cellule T regolatorie, stimolandole a stare in guardia.

I T-reg sono in grado di trasformare l’acido lattico in energia, impieganfo la proteina MCT1 e vivere vicino al tumore è un buon modo per nutrire queste cellule immunitarie. Lo studio, portato avanti su topi con melanoma, ha scoperto che silenziare il gene che codifica per la proteina MCT1 ha causato un rallentamento della crescita del tumore: “Abbiamo fatto morire di fame i T-reg”, ha spiegato Delgoffe. “Quando le cellule T-reg non sono sostenute dal tumore, le cellule T killer possono entrare e uccidere il cancro”.

È importante chiarire che nel momento in cui è stato combinato l’inibizione MCT1 con l’immunoterapia, gli effetti anti-cancro erano più forti di entrambe le strategie da sole. Clinicamente, lo stesso risultato potrebbe essere ricavato impiegando terapie farmacologiche che inibiscono l’MCT1, uno dei quali è attualmente in fase di sperimentazione su individui colpiti da linfoma avanzato e sembra essere ben tollerato.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Cosa ne pensi di questa nuova ricerca? Pensi che sia important per la lotta contro i tumori portarla avanti? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0