Marijuana, abuso di cannabis, cannabis terapeutica

L’uso di cannabis può far sorgere l’ansia entro 3 anni

Uno studio ha dimostrato che un uso massivo di cannabis può portare allo sviluppo di disturbi d'ansia

Secondo una nuova ricerca, il 27% delle persone che si sono recate al pronto soccorso per uso di cannabis hanno sviluppato un nuovo disturbo d’ansia entro tre anni.Condotto da ricercatori del Bruyère Research Institute, del Dipartimento di Medicina di Famiglia dell’Università di Ottawa, dell’Ospedale di Ottawa e dell’ICES, questo è il più grande studio fino ad oggi sulla relazione tra consumo di cannabioidi e ansia.

Lo studio: “Development of an anxiety disorder following an emergency department visit due to cannabis usep”, è stato pubblicato su eClinicalMedicine.

Marijuana, abuso di cannabis

Ansia e consumo di cannabis: una correlazione pericolosa

I ricercatori hanno utilizzato i dati delle cartelle cliniche dell’ICES per confrontare il rischio di sviluppare un disturbo d’ansia per le persone che hanno avuto una visita al pronto soccorso (ED) per uso di cannabis rispetto alla popolazione generale.

“I nostri risultati suggeriscono che gli individui che necessitano di cure al pronto soccorso per uso di cannabioidi corrono un rischio sostanzialmente maggiore di sviluppare un nuovo disturbo d’ansia e di sperimentare un peggioramento dei sintomi per disturbi d’ansia già esistenti”, afferma l’autore principale Dr. Daniel Myran, che è presidente della ricerca canadese. in responsabilità sociale presso l’Università di Ottawa, scienziato aggiunto ICES, ricercatore presso il Bruyère Research Institute e ricercatore clinico presso l’ospedale di Ottawa.

I principali risultati dello studio includono:

Rischio di un nuovo disturbo d’ansia: entro tre anni, al 27,5% degli individui che si sono recati in pronto soccorso per uso di cannabioidi è stato diagnosticato un nuovo disturbo d’ansia in ambito ambulatoriale, pronto soccorso o ospedaliero rispetto al 5,6% della popolazione generale: un 3,9- ridurre l’aumento del rischio dopo aver tenuto conto dei fattori sociali e di altre diagnosi di salute mentale.

Rischio di disturbi d’ansia gravi o in peggioramento: entro tre anni, il 12,3% degli individui che si sono recati in pronto soccorso per uso di cannabis hanno avuto un ricovero ospedaliero o una visita al pronto soccorso per un disturbo d’ansia rispetto all’1,2% della popolazione generale, un aumento di 3,7 volte. rischio dopo aver tenuto conto dei fattori sociali e di altre diagnosi di salute mentale.

Negli individui con una visita al pronto soccorso in cui la c. era il motivo principale della visita, il rischio di avere un ricovero o una visita al pronto soccorso per un disturbo d’ansia è aumentato di 9,4 volte rispetto alla popolazione generale.

Uomini, donne e individui di tutte le età visitati in pronto soccorso per uso di cannabioidi presentavano un rischio elevato di sviluppare nuovi disturbi d’ansia rispetto alla popolazione generale. È importante sottolineare che gli adulti più giovani (10-24 anni) e gli uomini erano a rischio particolarmente elevato.

È in corso un dibattito sulla questione se l’uso di cannabioidi induca gli individui a sviluppare disturbi d’ansia o se parte della relazione tra uso di cannabis e ansia rifletta i sintomi dell’ansia che gli individui automedicano con la cannabis. Lo studio attuale rileva che l’uso di cannabis può peggiorare l’ansia ed è il più ampio fino ad oggi ad esaminare questa questione.

Indipendentemente dalla causalità, gli autori mettono in guardia dall’uso della c. per trattare i sintomi dell’ansia data la mancanza di prove sui suoi effetti, il fatto che il suo uso può ritardare altri trattamenti basati sull’evidenza e il rischio potenziale che possa sostanzialmente peggiorare i sintomi dell’ansia.

“Il consumo di cannabioidi è aumentato rapidamente in Canada negli ultimi 15 anni e c’è la sensazione generale che la c

sia relativamente innocua o abbia benefici per la salute. Il nostro studio avverte che in alcuni individui, un uso pesante di cannabis può aumentare il rischio di sviluppare disturbi d’ansia ,” dice il dottor Myran.

Le persone che usano sia tabacco che cannabioidi hanno maggiori probabilità di riferire ansia e depressione rispetto a quelle che usavano solo tabacco o a quelle che non usavano nessuna delle due sostanze della California, San Francisco, Stati Uniti e colleghi.

Legalizzazione della cannabis, abuso di cannabis

Il tabacco e la cannabis sono tra le sostanze più comunemente usate in tutto il mondo e il loro uso concomitante è in aumento nel contesto della crescente legalizzazione della cannabis. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati sull’uso di sostanze e sulla salute mentale di 53.843 adulti statunitensi che hanno partecipato a sondaggi online nell’ambito del COVID-19 Citizens Health Study, che ha raccolto dati dal 2020 al 2022.

Nel complesso, il 4,9% dei partecipanti ha riferito di utilizzare solo tabacco , il 6,9% ha riferito di utilizzare solo cannabis e l’1,6% ha riferito di co-uso. Tra le persone nel gruppo di couso, il 26,5% ha riferito di ansia e il 28,3% di depressione, mentre tra le persone che non usavano né tabacco né cannabis, le percentuali di ansia e depressione erano del 10,6% e dell’11,2%.

Lo studio ha rilevato che la probabilità di avere questi disturbi di salute mentale era circa 1,8 volte maggiore per i co-utenti rispetto ai non utenti. Anche il couso e l’uso esclusivo di cannabis erano associati a una maggiore probabilità di soffrire di ansia rispetto all’uso solo di tabacco.

Questo studio non può determinare la causalità. Tuttavia, gli autori concludono che il consumo contemporaneo di tabacco e cannabis è associato a una cattiva salute mentale e suggeriscono che l’integrazione del supporto per la salute mentale con i programmi di cessazione del tabacco e della cannabis può aiutare ad affrontare questo collegamento.

Gli autori aggiungono: “Il consumo sia di tabacco che di cannabis è collegato a un ridotto benessere mentale”.

Un piccolo team di ricercatori nel campo della salute mentale della St. Joseph’s Healthcare Hamilton e della McMaster University, entrambe in Canada, ha trovato prove che suggeriscono che l’efficacia della cannabis nel trattamento di malattie mentali come la depressione e l’insonnia può dipendere dalla gravità dei sintomi. Nel loro studio, pubblicato sulla rivista Comprehensive Psychiatry, il gruppo ha analizzato i dati di un gruppo di utenti dell’app mobile Strainprint.

Ricerche precedenti e prove aneddotiche hanno suggerito che la cannabis può ridurre i sintomi in alcune persone che soffrono di problemi di salute mentale . In questo nuovo sforzo, il team canadese ha studiato l’impatto della cannabis sulle persone che soffrono di depressione , insonnia, irritabilità eccessiva, sindrome premestruale, disturbo da stress post-traumatico e pensieri intrusivi.

A tal fine hanno ottenuto l’accesso ai dati di persone affette da tali malattie mentali che utilizzano regolarmente l’app Strainprint. L’app consente agli utenti di registrare il tipo di malattia, il livello o il grado dei sintomi, le concentrazioni di cannabis che utilizzano per curare la loro malattia , il prodotto che utilizzano e la sua modalità di utilizzo (commestibile, olio, fiori, ecc.).

Dopo aver ottenuto e analizzato i dati di 1.300 utenti adulti e aver applicato un modello di intelligenza artificiale, i ricercatori hanno trovato alcuni modelli. Hanno notato che la gravità dei sintomi potrebbe svolgere un ruolo nel modo in cui la cannabis potrebbe essere benefica nell’alleviare i sintomi. Hanno scoperto, ad esempio, che molti dei consumatori che riferivano di avere sintomi elevati riferivano poco o nessun aiuto con la depressione conseguente all’uso di cannabis. Alcuni, infatti, hanno riferito che la cannabis li faceva sentire peggio.

Molti consumatori che tuttavia hanno riportato sintomi di depressione minore hanno riferito che l’uso di cannabis ha migliorato i loro sintomi. In netto contrasto, per coloro che soffrivano di insonnia sembrava essere vero il contrario.

Molti dei consumatori che hanno riferito di avere sintomi minori hanno scoperto che l’assunzione di cannabis ha fatto ben poco per aiutarli a dormire. Molti di coloro che hanno riportato sintomi gravi , tuttavia, hanno scoperto che li ha aiutati. I risultati, osserva il team, suggeriscono che potrebbe essere possibile prevedere se l’assunzione di cannabis potrebbe aiutare a ridurre alcuni sintomi di salute mentale.

Il gruppo di ricerca riconosce che il loro studio era limitato e che occorre usare cautela nell’interpretare i risultati, soprattutto per coloro che utilizzano prodotti a base di cannabis per automedicare i propri problemi di salute mentale.

Legalizzazione della cannabis, marijuana

La legalizzazione della cannabis terapeutica ha portato al suo utilizzo nel trattamento di un numero crescente di problemi di salute. Un nuovo studio suggerisce che sta diventando sempre più comune per le donne utilizzare la cannabis terapeutica per i sintomi legati alla menopausa. Le donne in perimenopausa, che riferiscono sintomi della menopausa significativamente peggiori (in particolare depressione), rappresentano la percentuale maggiore di utilizzatrici. I risultati dello studio sono pubblicati in Menopausa.

I cambiamenti ormonali associati alla menopausa sono responsabili di una vasta gamma di sintomi fastidiosi, tra cui vampate di calore, disturbi del sonno, umore depresso e ansia. Sebbene diverse opzioni terapeutiche, in particolare la terapia ormonale, si siano dimostrate efficaci nel gestire questi sintomi, non tutte le donne sono in grado o disposte a utilizzare queste opzioni. Ciò ha portato alla continua ricerca di ulteriori opzioni terapeutiche non ormonali .

Diversi studi osservazionali hanno precedentemente dimostrato che l’uso di cannabis terapeutica è associato a vari benefici clinici, inclusi miglioramenti nelle misurazioni di ansia, umore, sonno e dolore, nonché miglioramento cognitivo dopo il trattamento. Ma nessuno studio fino ad oggi ha esaminato la sicurezza e l’efficacia della cannabis medica per alleviare i sintomi legati alla menopausa.

In questo ulteriore studio che ha coinvolto più di 250 donne in perimenopausa e postmenopausa reclutate attraverso pubblicità mirate a donne interessate alla salute delle donne e alla cannabis o ai cannabinoidi, i ricercatori hanno cercato di valutare l’uso di cannabis, comprese le modalità di utilizzo, e di confrontare i modelli di utilizzo tra perimenopausa e postmenopausa. donne.

I risultati suggeriscono che molte donne (86%) attualmente usano la cannabis come trattamento aggiuntivo per i sintomi legati alla menopausa attraverso una varietà di diverse modalità di utilizzo, di cui le più comuni sono il fumo (84,3%) e gli edibili (78,3%). Le indicazioni più frequentemente riportate per l’uso di cannabis terapeutica sono stati i disturbi del sonno e dell’umore/ansia legati alla menopausa.

La legalizzazione della cannabis terapeutica ha portato al suo utilizzo nel trattamento di un numero crescente di problemi di salute. Un nuovo studio suggerisce che sta diventando sempre più comune per le donne utilizzare la cannabis terapeutica per i sintomi legati alla menopausa. Le donne in perimenopausa, che riferiscono sintomi della menopausa significativamente peggiori (in particolare depressione), rappresentano la percentuale maggiore di utilizzatrici. I risultati dello studio sono pubblicati in Menopausa .

I cambiamenti ormonali associati alla menopausa sono responsabili di una vasta gamma di sintomi fastidiosi, tra cui vampate di calore, disturbi del sonno, umore depresso e ansia. Sebbene diverse opzioni terapeutiche, in particolare la terapia ormonale, si siano dimostrate efficaci nel gestire questi sintomi, non tutte le donne sono in grado o disposte a utilizzare queste opzioni. Ciò ha portato alla continua ricerca di ulteriori opzioni terapeutiche non ormonali .

Diversi studi osservazionali hanno precedentemente dimostrato che l’uso di cannabis terapeutica è associato a vari benefici clinici, inclusi miglioramenti nelle misurazioni di ansia, umore, sonno e dolore, nonché miglioramento cognitivo dopo il trattamento. Ma nessuno studio fino ad oggi ha esaminato la sicurezza e l’efficacia della cannabis medica per alleviare i sintomi legati alla menopausa.

In questo nuovo studio che ha coinvolto più di 250 donne in perimenopausa e postmenopausa reclutate attraverso pubblicità mirate a donne interessate alla salute delle donne e alla cannabis o ai cannabinoidi, i ricercatori hanno cercato di valutare l’uso di cannabis, comprese le modalità di utilizzo, e di confrontare i modelli di utilizzo tra perimenopausa e postmenopausa. donne . I risultati suggeriscono che molte donne (86%) attualmente usano la cannabis come trattamento aggiuntivo per i sintomi legati alla menopausa attraverso una varietà di diverse modalità di utilizzo, di cui le più comuni sono il fumo (84,3%) e gli edibili (78,3%). Le indicazioni più frequentemente riportate per l’uso di cannabis terapeutica sono stati i disturbi del sonno e dell’umore/ansia legati alla menopausa.

Rispetto ai partecipanti in postmenopausa, i partecipanti in perimenopausa hanno riportato una sintomatologia correlata alla menopausa significativamente peggiore, tra cui più ansia e vampate di calore. Le donne in perimenopausa avevano anche maggiori probabilità di segnalare una maggiore incidenza di depressione e ansia, nonché un maggiore uso di cannabis terapeutica per trattare questi sintomi. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare l’efficacia della cannabis nel trattamento di vari sintomi della menopausa.

Avvelenamento da cannabis, Oravexx, legalizzare la marijuana, abuso di cannabis

I risultati dello studio sono pubblicati nell’articolo “Un’indagine sull’uso di cannabis medica durante la perimenopausa e la postmenopausa”.

“Questo studio suggerisce che l’uso di cannabis medica può essere comune nelle donne di mezza età che soffrono di sintomi legati alla menopausa. Data la mancanza di dati di studi clinici sull’efficacia e la sicurezza della cannabis medica per la gestione dei sintomi della menopausa, sono necessarie ulteriori ricerche prima che questo trattamento possa essere raccomandato nella pratica clinica.

Gli operatori sanitari dovrebbero interrogare i loro pazienti sull’uso della cannabis terapeutica per i sintomi della menopausa e fornire raccomandazioni basate sull’evidenza per la gestione dei sintomi,” afferma la Dott.ssa Stephanie Faubion, direttrice medica della North American Menopause Society.

In un altro campione di 232 donne (età media 55,95 anni) della California settentrionale che hanno partecipato al Midlife Women Veterans Health Survey, più della metà ha riportato sintomi fastidiosi come vampate di calore e sudorazione notturna (54%), insonnia (27%), e sintomi genitourinari (69%). Circa il 27% dei soggetti campionati ha riferito di aver utilizzato o stava attualmente utilizzando cannabis per gestire i propri sintomi.

Un ulteriore 10% dei partecipanti ha espresso interesse a provare la cannabis per gestire i sintomi della menopausa in futuro. Al contrario, solo il 19% ha riferito di utilizzare un tipo più tradizionale di gestione dei sintomi della menopausa , come la terapia ormonale.

La cannabis per la gestione dei sintomi della menopausa veniva spesso utilizzata nelle donne che lamentavano vampate di calore e sudorazioni notturne. Tale utilizzo non differiva in base all’età, alla razza/etnia, allo stato socioeconomico o alle condizioni di salute mentale.

“Questi risultati suggeriscono che l’uso di cannabis per gestire i sintomi della menopausa può essere relativamente comune. Tuttavia, non sappiamo se l’uso di cannabis sia sicuro o efficace per la gestione dei sintomi della menopausa o se le donne stiano discutendo queste decisioni con i loro operatori sanitari , in particolare nel VA, dove la cannabis è considerata una sostanza illegale secondo le linee guida federali. Questa informazione è importante per gli operatori sanitari e sono necessarie ulteriori ricerche in questo settore”, afferma Carolyn Gibson, Ph.D., MPH, psicologa e ricercatrice di servizi sanitari presso San Francisco VA Sistema Sanitario e autore principale dello studio.

Avvelenamento da cannabis, legalizzare la marijuana

Lo studio, “Uso della cannabis per la gestione dei sintomi della menopausa tra le donne veterane di mezza età”, sarà una delle tante presentazioni durante il meeting annuale virtuale del NAMS 2020 incentrato sui nuovi approcci per il trattamento dei sintomi della menopausa.

“Questo studio evidenzia una tendenza alquanto allarmante e la necessità di ulteriori ricerche relative ai potenziali rischi e benefici dell’uso di cannabioidi per la gestione dei fastidiosi sintomi della menopausa”, afferma la Dott.ssa Stephanie Faubion, direttrice medica della NAMS.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI