Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Cannabis: l’utilizzo può provocare sofferenze mentali

Secondo una nuova ricerca basata su un campione di circa trenta mila individui e pubblicata sulla rivista scientifica JAMA Psychiatry, esisterebbe una correlazione tra uso di cannabis e sviluppo di malattie mentali con diagnosi severa come la schizofrenia. Rimane qualche incertezza su una probabile correlazione con l'ansia e la depressione

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Consumare cannabis può portare allo sviluppo di malattie mentali. A dichiararlo è una nuova ricerca che ha rivelato come sia fondamentale la gestione delle persone che abusano della cannabis, inclusa la necessità di sottolineare l’importanza dei medici di base di continuare a indagare sull’uso di droghe cosiddette ricreative.

Cannabis
Cannabis al microscopio.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica JAMA Psychiatry.

Cannabis collegata alle sofferenze mentali? Ecco cosa dice la nuova ricerca

I collegamenti tra il consumo di marijuana e malattie mentali come la schizofrenia e la psicosi sono stati accertati da numerosi studi, le associazioni però sono meno chiare tra l’uso di cannabis e altri tipi più comuni di malattie mentali come la depressione e l’ansia.

Cannabis

 I ricercatori dell’Institute for Mental Health dell’Università di Birmingham e dell’Institute of Applied Health Research hanno riscontrato un forte legame tra l’uso di cannabis e la malattia mentale in una delle più grandi coorti mai esplorate.

L’autrice senior, la dott.ssa Clara Humpston, ha dichiarato: “La cannabis è spesso considerata uno dei farmaci “più sicuri” e ha anche mostrato risultati promettenti nelle terapie mediche, portando a richieste di legalizzazione a livello globale. Sebbene non siamo in grado di stabilire una relazione causale diretta, i nostri risultati suggeriscono che dovremmo continuare a prestare attenzione poiché l’idea che la cannabis sia una droga sicura potrebbe essere sbagliata”.

Il Dr. Joht Singh Chandan ha dichiarato: “La ricerca riafferma la necessità di garantire che un approccio di salute pubblica all’uso di droghe ricreative continui ad essere adottato in tutto il Regno Unito. Dobbiamo continuare a portare avanti misure per migliorare la prevenzione e l’individuazione del consumo di droga, nonché implementare le misure di supporto appropriate in modo equo per prevenire le conseguenze negative secondarie sulla salute”.

Cannabis

Per poter sviluppare la ricerca, sono stati osservati i dati delle cure primarie tratti dall’IQVIA Medical Research Database (IMRD-UK): gli esperti hanno rilevato che dopo il primo uso registrato di marijuana, i pazienti avevano tre volte più probabilità di sviluppare problemi di salute mentale comuni come depressione e ansia. Inoltre, avevano quasi sette volte più probabilità di sviluppare gravi malattie mentali come psicosi o schizofrenia.

La mole di informazioni è costituita da 787 studi medici in tutto il Regno Unito raccolti in un periodo di 23 anni tra il 1995 e il 2018. I ricercatori sono stati in grado di includere i dati di 28.218 pazienti che hanno avuto un’esposizione registrata alla cannabis. Questi sono stati abbinati a 56.208 pazienti che non avevano utilizzato cannabis e controllati per sesso, età, etnia, abitudine al fumo e altre caratteristiche rilevanti.

Ricerche precedenti hanno suggerito che l’abuso di marijuana, è associata ad un aumentato rischio di schizofrenia. Nonostante la ricerca non possa dimostrare una stretta relazione causa-effetto, molti esperti ritengono che l’uso pesante della marijuana potrebbe funzionare in combinazione con altri fattori di rischio che possono innescare la schizofrenia in alcuni individui.

I ricercatori hanno infatti scoperto che la percentuale di diagnosi di schizofrenia in Danimarca associate al “disturbo da uso di cannabis” è passata dal 2% nel 1995 a circa il 4% nel 2000, ed è salita ulteriormente all’8% dal 2010.

Cannabis

Secondo gli studiosi, il disturbo da uso di marijuana è solitamente definito come un uso problematico della droga, in cui i consumatori sviluppano una tolleranza alla marijuana e ne fanno consumo in quantità maggiori o per un periodo più lungo del previsto, diventando così incapaci di ridurne l’uso.

Nella schizofrenia, le persone soffrono di deliri, pensieri alterati e allucinazioni, gli effetti possono essere gravi e debilitanti: “Penso che sia molto importante utilizzare sia il nostro studio che altri studi per evidenziare ed enfatizzare che l’uso di cannabis non è innocuo quando si tratta di contribuire allo sviluppo di sofferenze mentali“, ha spiegato Carsten Hjorthøj, autore dello studio e professore associato presso il Copenhagen Research Center per la Salute mentale.

Sfortunatamente ci sono prove che suggeriscono che la cannabis è sempre più vista come una sostanza in qualche modo innocua. Questo è un peccato, dal momento che vediamo collegamenti con la schizofrenia, funzioni cognitive più scarse, disturbi da uso di sostanze, ecc.”, Ha specificato Hjorthøj.

Un esperto esterno ha sottolineato che per molti l’uso di marijuana può rimanere relativamente benigno: “Ci sono molti più consumatori di cannabis ricreativi che gestiscono bene la cannabis rispetto ai consumatori dipendenti dalla cannabis che non possono gestirla”, ha detto Terrie Moffitt, professore e presidente in Social Behavior & Development dell’Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze al King’s College di Londra: In genere, le persone che cercano un trattamento “tendono ad avere molteplici problemi di salute mentale, non solo problemi di cannabis”, ha continuato l’esperto.

Naturalmente, i nostri risultati dovranno essere replicati altrove prima di poter trarre conclusioni definitive”, ha aggiunto Hjorthøj. “Ma sono abbastanza fiducioso che vedremo modelli simili in luoghi in cui l’uso problematico della cannabis è aumentato, o dove la potenza della cannabis è aumentata, dal momento che molti studi suggeriscono che la cannabis ad alta potenza è probabilmente il motore dell’associazione con la schizofrenia”.

È importante sottolineare che i consumatori di cannabis avevano anche tassi molto più alti di avere una storia registrata di uso di altre droghe come eroina, cocaina e anfetamine. La ricerca futura in questo settore esaminerà i livelli di consumo di cannabis o la potenza degli ingredienti.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Demenza: 5 cambiamenti nello stile di vita per prevenirla

Scienze

Calcio: importante sia per le ossa che per il cuore

Scienze

Gene Mcr-9: rende i batteri resistenti agli antibiotici

Scienze

Cuore di maiale trapianto in un essere umano

Samsung Galaxy A52

Android 12 su Samsung Galaxy A52: update in arrivo

Honor Magic V

Honor Magic V: il pieghevole firmato Honor è in arrivo

Condividi i risultati di questa ricerca inerente agli effetti collaterali derivati dall’uso di marijuana? Conosci studi accreditati che invece ne esaltano la forza terapeutica? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0