Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Scromiting

Scromiting: 1 effetto collaterale dell’uso della cannabis

Come ogni cosa, se abusata, può portare a conseguenze non sempre piacevoli, una di queste è appunto lo scromiting, ma di cosa si tratta?

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Dalla legalizzazione della cannabis per uso medico e ricreativo in Nord America, scienziati e personale medico sono stati in grado di esaminare meglio la droga che usiamo da circa 5.000 anni (o più) e hanno trovato un possibile effetto collaterale, lo scromiting.

Scromiting

Oltre a trovare alcune cose abbastanza sorprendenti (quando l’erba viene legalizzata, le vendite di gelati e biscotti aumentano), gli scienziati sono stati in grado di studiare gli effetti collaterali meno noti dell’uso cronico, grazie a un mix di migliori segnalazioni da parte degli utenti (che non più temono conseguenze per l’ammissione dell’uso) e aumento del consumo.

In Colorado, dove l’erba medica è stata resa legale nel 2009, gli ospedali hanno visto un aumento di una di queste condizioni legate all’uso cronico: lo scromiting.

Che cos’è lo scromiting e quanto è pericoloso?

Lo scromiting, o scromitare, come avranno già intuito coloro che hanno un debole per i giochi di parole, è un mix angosciante delle parole “urlare” e “vomitare”.

Scromiting è il soprannome che è stato dato alla sindrome da iperemesi da cannabinoidi (CHS), una condizione rara che generalmente si verifica nei consumatori quotidiani di cannabis. Nella fase iniziale della condizione, le persone possono provare nausea al mattino, dolore addominale e paura di vomitare.

Scromiting

Nella fase successiva –che può verificarsi settimane, mesi o addirittura anni dopo– gli utenti cronici possono sperimentare attacchi “intensi e opprimenti” di vomito, dolore all’addome, perdita di appetito e continue sensazioni di nausea.

Come uno sfortunato uomo, che è stato ricoverato in ospedale dopo diversi attacchi di ore di scromiting, ha detto a NBC News “Sembrava che Edward Mani di Forbice stesse cercando di afferrare il mio intestino e tirarlo fuori”.

L’uomo –17 anni al momento del ricovero– non era convinto che la sua malattia fosse causata dall’erba, finché non ha smesso di fumare e i sintomi sono cessati.

A seguito della liberalizzazione delle leggi sulla cannabis in Colorado, lo stato ha visto un aumento del numero di persone affette da CHS, tuttavia gli studi hanno avuto difficoltà ad attribuirlo all’aumento dell’uso di cannabis o alle persone più disposte a denunciare l’uso di cannabis, pertanto altri studi hanno già dato una risposta secca alla precedente illegittimità del farmaco.

“La prevalenza di visite di vomito ciclico è aumentata da 41 per 113.262 visite di pronto soccorso a 87 per 125.095 visite di pronto soccorso dopo la liberalizzazione della marijuana”

ha scritto uno studio, osservando che

“i pazienti con vomito ciclico nel periodo post-liberalizzazione avevano maggiori probabilità di avere un uso di marijuana documentato rispetto ai pazienti in il periodo di pre-liberalizzazione”.

Scromiting

La patologia precisa della malattia non è ancora nota, anche se la diagnosi è diventata più facile con le persone più disposte ad ammettere l’uso di cannabis e il trattamento è efficace.

Un modo insolito di diagnosticare la condizione è che i sintomi dei pazienti tendono a migliorare durante il bagno o la doccia caldi e scompaiono quando smettono di usare il farmaco.

Oltre ad essere sgradevole di per sé, lo scromiting può portare a ulteriori complicazioni, in gran parte attraverso la disidratazione che provoca nei pazienti, infatti ci sono stati diversi casi noti di persone morte a seguito di un attacco di malattia.

Per esempio, nel 2018, un adolescente è morto a seguito di ripetuti attacchi della malattia, poiché ha causato una grave disidratazione, mentre nel 2016, i medici che scrivono sull’Amercian Journal of Gastroenterology hanno attribuito due morti alla disidratazione causata da CHS, quella di due uomini, uno di 41 anni e uno di 48 anni.

Se sei attratto dalla scienza continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Scienze

I virus possono uccidere le larve di vespa che vengono gestate all’interno di bruchi infetti

Scienze

Troppo consumo di caffè può causare demenza e ictus?

Scienze

Steven Weinberg muore a 88 anni, la fisica perde un titano

Samsung

Samsung 21 FE si nega ai fan, non ci sarà all’evento dell’11 agosto

Scienze

La foresta amazzonica è in crisi: emessa più Co2 che assorbita

Honor

Honor pronta a lanciare il suo primo smartphone pieghevole?

E tu cosa ne pensi? Hai mai avuto questo effetto collaterale? Facci sapere cosa ne pensi qui sotto nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Carlos

Ma per favore, un’assurdita totale

Intel e AMD

20 aprile, 2021

Trump Twitter

20 aprile, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0