Tumori cerebrali maligni: vaccino efficace in fase sperimentale

I risultati ottenuti nello studio di fase 1 si sono dimostrati sorprendenti confermando che il vaccino contro i tumori è la strada giusta da percorrere, specialmente se affiancato all'immunoterapia

Naviga tra i contenuti

Un vaccino contro tumori cerebrali maligni o gliomi si è dimostrato efficace nella fase 1 della sperimentazione. Ad annunciarlo è stato il team di ricerca di Heidelberg e Mannheim che ha portato avanti l’esperimento clinico per testare una nuova terapia contro questo tumore particolarmente aggressivo e difficile da debellare.

Tumori cerebrali maligni

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Nature.

Tumori cerebrali maligni: ecco come funziona il vaccino

Il glioma è un tumore diffuso e tristemente noto perché incurabile e perché si diffonde in tutto il cervello rendendolo difficile da rimuovere completamente con un intervento chirurgico. Un vaccino antitumorale potrebbe aiutare a combatterlo poiché le mutazioni nel genoma del tumore portano frequentemente a cambiamenti proteici tipici della neoplasia in questione e una terapia vaccinale potrebbe lanciare l’allarme di questo mutamento all’organismo del soggetto coinvolto.

Tumori cerebrali maligni

Nel caso del glioma, il vaccino si è dimostrato sicuro e ha innescato la risposta immunitaria desiderata nel tessuto tumorale. Michael Platten, Direttore medico del Dipartimento di Neurologia dell’Università di Medicina di Mannheim e Capo della divisione presso il Centro tedesco di ricerca sul cancro (DKFZ), ha spiegato: “La nostra idea era di supportare il sistema immunitario dei pazienti e di utilizzare un vaccino come un modo mirato per allertarlo sul neo-epitopo specifico del tumore”.

Ciò significa che un vaccino contro la proteina mutata ci permette di affrontare il problema alla radice”, ha aggiunto Platten. Il gruppo di ricerca guidato dallo scienziato ha in un primo tempo prodotto una versione artificiale del segmento della proteina IDH1 con la caratteristica mutazione. Questo vaccino peptidico specifico per la mutazione ha dimostrato di riuscire ad interrompere lo sviluppo delle cellule tumorali mutate IDH1 nei topi.

Tumori cerebrali maligni: i risultati della ricerca ottenuti su 33 pazienti

Tumori cerebrali maligni

Dopo questo risultato incoraggiante, gli studiosi hanno deciso di di testare il vaccino specifico per la mutazione  in un esperimento di fase I in individui con diagnosi di glioma mutato IDH1 (astrocitomi di grado III e IV dell’OMS). Gli scienziati hanno osservato 33 pazienti in tutto. Oltre alle terapie classiche, i volontari hanno ricevuto il vaccino peptidico prodotto da Michael Schmitt, capo dell’immunoterapia cellulare, Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Reumatologia presso l’Ospedale universitario di Heidelberg, e Stefan Stevanovic, professore di immunologia molecolare presso il Dipartimento di Immunologia, Università di Tubinga. Il risultato è andato oltre le migliori aspettative: la risposta immunitaria è stata valutata in 30 pazienti su 33.

Non solo, non sono stati rilevati effetti collaterali gravi in ​​nessuno dei soggetti vaccinati. Nel 93% dei casi, il sistema immunitario ha mostrato una risposta specifica al peptide del vaccino e lo ha fatto indipendentemente dal background genetico del paziente, che determina le importanti molecole di presentazione del sistema immunitario, le proteine ​​HLA.

Nella maggior parte dei casi vaccinati, gli esperti hanno evidenziato una pseudoprogressione, gonfiore del tumore causato da una miriade di cellule immunitarie invasori. I soggetti coinvolti nello studio infatti, possedevano un numero particolarmente elevato di cellule T helper nel sangue con recettori immunitari che rispondevano specificamente al peptide del vaccino, come rivelato dal sequenziamento di singole cellule: “Siamo stati anche in grado di dimostrare che le cellule immunitarie specifiche della mutazione attivate avevano invaso il tessuto tumorale cerebrale“, ha dichiarato Theresa Bunse di DKFZ, che ha coordinato le analisi immunologiche.

La percentuale di sopravvivenza dopo tre anni dall’esperimento si aggira intorno all’84% nelle persone vaccinate e nel 63% dei soggetti interessati, la crescita della neoplasia non è progredita. Tra i pazienti il ​​cui sistema immunitario ha mostrato una determinata risposta ai vaccini, un totale dell’82% non ha avuto progressione del tumore entro il periodo di tre anni.

Tumori cerebrali maligni: perché è importante seguire la via dei vaccini

Non possiamo trarre ulteriori conclusioni sull’efficacia del vaccino da questo primo studio senza un gruppo di controllo”, ha specificato Michael Platten. “La sicurezza e l’immunogenicità del vaccino sono state così convincenti che abbiamo continuato a perseguire il concetto di vaccino in un ulteriore studio di fase I”. Nella ricerca successiva, gli scienziati stanno associando al vaccino IDH1, l’immunoterapia con inibitore del checkpoint. “Gli inibitori del checkpoint agiscono come una spinta immunitaria. Crediamo che ci siano buone possibilità che possano attivare le cellule immunitarie contro i gliomi in misura ancora maggiore “.

Adesso gli esperti sono intenzionati a portare avanti lo studio di fase II per osservare se il vaccino IDH1 riuscirà a ripetere o migliorare gli effetti terapeutici  rispetto alle terapie classiche: “I gliomi vengono diagnosticati ogni anno in circa 5.000 persone in Germania, di cui circa 1.200 sono gliomi diffusi con una mutazione IDH1. Fino ad ora, di solito abbiamo avuto solo un successo limitato nell’arresto della progressione del tumore in questi pazienti. Riteniamo che il vaccino IDH1 offra il potenziale per lo sviluppo di un trattamento in grado di sopprimere questi tumori in modo più efficace ea lungo termine“, ha concluso il co-direttore dello studio Wolfgang Wick, direttore medico della clinica neurologica dell’ospedale universitario di Heidelberg e capo del Division presso DKFZ.

Credi che la strada per i vaccini contro il cancro, sia quella su cui la scienza deve insistere, e non solo per i tumori cerebrali maligni? Hai sentito parlare di nuove terapie sperimentali altrettanto promettenti? Condividile con noi nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
maria marino
Voto iCrewers :
     

Tt cio che stanno investendo sui vaccini per il covid dovrebbe essere investito per il vaccino per i tumori.

Di Maio

Gradirei altre informazioni

Giuseppe Lombardo

Ma chi è già in fase avanzata( nel caso di glioblastoma di IV grado) può essere chiamato per la sperimentazione?Mia moglie,dopo l’intervento chirurgico riuscito al 100%,ha avuto una recidiva.Mi chiedo se può essere chiamata alla sperimentazione e cosa deve fare per essere chiamata.Grazie

3
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI