Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Glioblastoma: farmaci mirati ne bloccano il metabolismo

Il glioblastoma è uno dei tumori più aggressivi che colpisce il cervello: un nuovo studio ha individuato la possibilità di attaccare l'iperattività dei mitocondri e, attraverso farmaci mirati, bloccarne il metabolismo

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

5 1 voto
Voto iCrewers

Una nuova ricerca condotta dagli studiosi della Columbia University di New York, capitanati da Antonio Iavarone e Anna Lasorella e pubblicata su Nature Cancer, ha scoperto che un quinto dei casi di glioblastoma è alimentato da mitocondri iperattivi ( ovvero le centrali energetiche all’interno di ogni cellula). Grazie a questa scoperta, si potrebbero applicare alcuni farmaci, sia disponibili che sperimentali, che riducono l’attività dei mitocondri.

Glioblastoma

Il glioblastoma è tra i tumori cerebrali più ostici con prognosi purtroppo severe che calcolano la sopravvivenza dei pazienti è intorno a 15 mesi. Di questa terribile malattia, esistono 4 sottogruppi e in uno di essi la crescita incontrollata delle cellule tumorali dipende da un surplus di energia prodotta dai mitocondri. Il nuovo studio ha evidenziato la possibilità, tramite una terapia farmacologica mirata, di contrastare questa iperproduttività di energia.

Glioblastoma: i dettagli sulla nuova ricerca

Glioblastoma

Antonio Iavarone, autore dello studio, ha dichiarato: ” Esistono alcuni farmaci di largo uso come la metformina, un antidiabetico che ha un’azione anti-mitocondriale. Questi farmaci «classici», però, non sono altamente efficaci e soprattutto non hanno un meccanismo specifico, in quanto hanno anche altri effetti biologici. Un farmaco noto come IACS-010759, per esempio, blocca un meccanismo della catena respiratoria mitocondriale. Nel nostro studio lo abbiamo usato con successo in studi preclinici contro il glioblastoma mitocondriale”.

Il nostro studio – Continua lo studioso – fornisce la possibilità di selezionare, fra i pazienti con glioblastoma, quelli che hanno le maggiori possibilità di risposta clinica a questo farmaco. Al momento è necessario fare la sequenza dell’Rna per identificare l’attività dei meccanismi mitocondriali nel tumore. Stiamo lavorando per sviluppare metodi di identificazione più semplici, che si possano basare su pochi geni o proteine da analizzare facilmente”.

Gli studiosi sono impegnati anche nell’osservazione dei dati di molti altri tumori aggressivi per capire se anche in questi esiste un sottotipo mitocondriale con le stesse caratteristiche. Se questo si rivelasse vero, le terapie farmacologiche che potrebbero essere applicate per curare il glioblastoma potrebbero essere utili nel sottotipo mitocondriale di altri tumori, per esempio il cancro del polmone.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Sei favorevole all’utilizzo di terapie farmacologiche sperimentali? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Gian pietro

Mia moglie è stata operata il 17/10/2017 di glioblastoma di IV grado e trattata nel post operatorio con terapia radiante ( 60 Gray ) e temozolimide per 15 mesi, il 28/04/2020 e’ stata rioperata per recidiva presso l’ospedale Besta, attualmente sta bene e non gli sono mai state applicate cure sperimentali anche se ne ha esternato il parere favorevole, attualmente no ha in corso nessuna terapia

Daniela

Rincuora e incoraggia la sua testimonianza. Ho mio nipote di 39 anni e domani sarà al terzo ciclo di temozolamide dopo radioterapia concomitante con temozolamide. In bocca a lupo sempre e forza che nulla è scontato. Nella mia ignoranza in materia lo sto aiutando a lottarlo questo maledetto tumore e farò di tutto. Non gli renderò il terreno troppo facile

Vita
Voto iCrewers :
     

Salve! Sono favorevole all ‘utilizzo di nuove terapie sperimentali. Quattro anni fa ho perso mia sorella con questo tipo di tumore ( glioblastoma). Ci avevano detto già da subito che era così brutto , che poteva vivere non più di quindici mesi se faceva la chemioterapia e radioterapia. In quattro mesi mia sorella è morta .subendo queste torture, che non sono servite a nulla . In tutto questo periodo sempre in ospedale , lontano da tutti ( . È stata operata a Vicenza d’ apprima , poi per far la terapia è stata trasferita a Pavia x essere più vicino… Leggi il resto »

Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0