Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Troppo consumo di caffè può causare demenza e ictus?

Due ricerche che hanno coinvolto un campione di 320 mila volontari, hanni dimostrato che un consumo eccessivo di caffè è correlato alla possibilità di possedere volumi cerebrali totali più piccoli e ad un aumento del rischio di declino cognitivo, iictus. Seguendo un approccio genetico, gli studiosi hanno concluso che c'è correlazione anche con altre gravi patologie come il rischio di incorrere in una diagnosi di osteoartrite, artropatia e obesità

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Una nuova ricerca dell’Università del South Australia mostra che troppo caffè potrebbe trascinarci verso ila demenza. Gli esperti coinvolti nella ricerca, la più grande nel suo genere, hanno infatti scoperto che un consumo esagerato di caffè è associato a volumi cerebrali totali più piccoli e ad un aumento del rischio di declino cognitivo.

Demenza

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nutritional Neuroscience.

Caffè e demenza: esiste realmente una correlazione?

Lo studio, portato avanti dagli scienziati dell‘Australian Centre for Precision Health di UniSA presso SAHMRI insie ad un team di ricercatori internazionali, ha osservato gli effetti del caffè sul cervello di 17.702 volontari alla biobanca britannica, di età compresa tra 37 e 73 anni, evidenziando che coloro che hanno bevuto più di sei tazze di caffè al giorno, corrono il rischio di un aumento di demenza del 53%.

Demenza

La ricercatrice capo e Ph.D. UniSA, Kitty Pham, ha affermato che lo studio mostra importanti spunti per la salute pubblica: “Il caffè è tra le bevande più popolari al mondo. Tuttavia, con un consumo globale di oltre nove miliardi di chilogrammi all’anno, è fondamentale comprendere le potenziali implicazioni sulla salute”, ha spiegato la studiosa.

“Questa è l’indagine più ampia sulle connessioni tra caffè, misurazioni del volume cerebrale, rischi di demenza e rischi di ictus: è anche il più grande studio che prende in considerazione i dati di imaging volumetrico del cervello e un’ampia gamma di fattori confondenti. Considerando tutte le possibili permutazioni, abbiamo costantemente scoperto che un maggiore consumo di caffè era significativamente associato a un volume cerebrale ridotto: in sostanza, bere più di sei tazze di caffè al giorno potrebbe metterti a rischio di malattie cerebrali come la demenza e l’ictus, ha specificato la scienziata.

La demenza è una condizione degenerativa del cervello che colpisce la memoria, il pensiero, il comportamento e la capacità di svolgere le attività quotidiane. Circa 50 milioni di persone sono diagnosticate con la sindrome in tutto il mondo. In Australia, la demenza è la seconda causa di morte, con circa 250 persone diagnosticate ogni giorno.

L’ictus è una condizione in cui l’afflusso di sangue al cervello viene interrotto, con conseguente carenza di ossigeno, danni cerebrali e perdita di funzionalità. A livello globale, un adulto su quattro di età superiore ai 25 anni avrà un ictus nel corso della sua vita. I dati suggeriscono che 13,7 milioni di persone avranno un ictus quest’anno con 5,5 milioni che moriranno di conseguenza.

La professoressa Elina Hyppönen, ricercatrice senior e direttrice del Centro australiano per la salute di precisione dell’UniSA, afferma che mentre la notizia potrebbe essere un amaro calice per gli amanti del caffè, si tratta di trovare un equilibrio tra ciò che si beve e ciò che fa bene alla salute.

Questa ricerca fornisce informazioni vitali sul consumo eccessivo di caffè e sulla salute del cervello, ma come per molte cose nella vita, la moderazione è la chiave“, afferma il prof. Hyppönen.

“Insieme ad altre prove genetiche e a uno studio controllato randomizzato, questi dati suggeriscono fortemente che un elevato consumo di caffè può influire negativamente sulla salute del cervello . Anche se i meccanismi esatti non sono noti, una cosa semplice che possiamo fare è mantenerci idratati e ricordarci di bere un po’. d’acqua accanto a quella tazza di caffè”.

Il consumo quotidiano tipico di caffè è compreso tra una e due tazze di caffè standard. Naturalmente, mentre le misure unitarie possono variare, un paio di tazze di caffè al giorno generalmente va bene. Tuttavia, se stai scoprendo che il tuo consumo di caffè sta andando verso più di sei tazze al giorno, è giunto il momento di ripensare al tuo prossimo drink“, consiglia Hyppönen.

Oltre a Demenza ed ictus, il consumo eccessivo di caffè porta altri scompensi?

Demenza

In yn altro studio, che si è servito di di oltre 300.000 partecipanti alla Biobanca britannica, i ricercatori hanno esaminato le connessioni tra il consumo abituale di caffè geneticamente strumentato e una gamma completa di malattie, scoprendo che troppo caffè può aumentare il rischio di osteoartrite, artropatia ( malattia articolare ) e obesità.

In precedenti ricerche condotte dal professor Hyppönen e dal suo team, sei tazze di caffè al giorno erano considerate il limite massimo per un consumo sicuro. L’esperta epidemiologa genetica, la professoressa Elina Hyppönen dell’UniSA, a tal proposito ha spiegato che la comprensione dei rischi associati all’assunzione abituale di caffè potrebbe avere implicazioni molto grandi per la salute della popolazione.

“A livello globale, beviamo circa tre miliardi di tazze di caffè ogni giorno, quindi ha senso esplorare i pro ei contro di questo sulla nostra salute”, ha dichiarato il professor Hyppönen,  “In genere, gli effetti del consumo di caffè vengono studiati utilizzando un approccio osservazionale, in cui vengono effettuati confronti con i non bevitori di caffè. Ma questo può fornire risultati fuorvianti”.

Demenza e ictus: un approccio genetico nello studio del consumo di caffè

“In questo studio, è stato utilizzato un approccio genetico, chiamato analisi MR-PheWAS, per stabilire i veri effetti del consumo di caffè rispetto a 1117 condizioni cliniche: “ I nostri risultati suggeriscono che bere caffè moderato è per lo più sicuro. Ma ha anche dimostrato che il consumo abituale di caffè aumenta i rischi di tre malattie: osteoartrite, artropatia e obesità, che possono causare dolore e sofferenza significativi per le persone con queste condizioni”.

Il professor Hyppönen afferma che la prevalenza di queste condizioni in Australia e nel mondo mostra quanto sia importante determinare le possibili cause e fattori che influenzano le malattie: “Il consumo eccessivo di caffè può portare ad un aumento dei rischi di alcune malattie“, afferma il professor Hyppönen.

“Per le persone con una storia familiare di osteoartrite o artrite, o per coloro che sono preoccupati per lo sviluppo di queste condizioni, questi risultati dovrebbero fungere da messaggio di avvertimento. Il corpo generalmente invia messaggi potenti riguardo al consumo di caffè, quindi è imperativo che le persone li ascoltino quando consumano caffè”.

“Anche se questi risultati sono per molti versi rassicuranti in termini del consumo generale di caffè , il messaggio che dovremmo sempre ricordare è consumare caffè con moderazione: questa è la soluzione migliore per godersi il caffè e anche in buona salute “, ha concluso lo scienziato.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Conoscevi queste ricerche svolte su campioni significativi, che parlano dei rischi che di corrono quando si abusa di caffè? Credi sia importante dare più rilievo a questo tipo di ricerche? Parlacene nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0