Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Malattia di Alzheimer: rintracciate 11 varianti genetiche rare

La nuova ricerca, che ha individuato. 11 varianti genetiche rare osservate in 19 famiglie, sarà fondamentale per identificare potenziali bersagli farmacologici che possono essere utilizzati per sviluppare nuove terapie

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Una nuova ricerca che interessa la malattia di Alzheimer ha individuato 11 varianti genetiche rare. Lo studio è partito dall’osservazione di 19 diverse famiglie che vivono nello Utah, colpite dal morbo di Alzheimer più frequentemente di quanto fosse considerato normale.

Malattia di Alzheimer

La ricerca, portata avanti dal ricercatore Justin Miller, Ph.D. dell’Università del Kentucky Sanders-Brown Center on Aging, è stata pubblicata sulla rivista scientifica Alzheimer’s & Dementia.

Malattia di Alzheimer: ecco come è avvenuto il sequenziamento genetico delle 19 famiglie

Per lo studio, il sequenziamento genetico è stato condotto su due cugini di ciascuna delle 19 famiglie. Miller afferma di aver quindi identificato varianti genetiche condivise tra entrambi i cugini: “Abbiamo quindi utilizzato una serie di criteri di filtraggio per identificare varianti genetiche rare che molto probabilmente contribuivano all’eccesso di MA in ogni famiglia”, ha spiegato l’esperto.

Malattia di Alzheimer

Gli scienziati hanno scoperto 11 varianti genetiche rare che abbracciano 10 geni, comprese varianti precedentemente sconosciute in due noti geni del rischio di malattia di Alzheimer.

Identificare le persone con un rischio maggiore di malattia di Alzheimer prima che diventino sintomatici può portare a interventi più tempestivi e più efficaci“, ha spiegato Miller. “Inoltre, la nostra metodologia per analizzare i pedigree ad alto rischio può essere utilizzata per dare la priorità a varianti genetiche rare che probabilmente contribuiscono alla malattia”.

Miller afferma che, sebbene questa scoperta non avrà un impatto immediato sulla cura del paziente, credono che l’identificazione delle varianti genetiche associate alla malattia sia il primo passo per identificare potenziali bersagli farmacologici che possono essere utilizzati per sviluppare terapie.

Malattia di Alzheimer: a che punto siamo in Italia?

Il morbo di Alzheimer, secondo una stima fatta nel 2020 colpisce 600.000 persone solo in Italia e 48 milioni nel mondo. Considerata la principale causa di disabilità in età avanzata, non. Si conoscono ancora le dinamiche che generano la malattia.

Malattia di Alzheimer

Nonostante questo, la ricerca scientifica non si arrende e continua a portare nuovi risultati, che rendono la strada verso cure più efficaci, meno incerta. Ad oggi, sono già fruibili approcci innovativi per la riabilitazione cognitiva, anche a distanza, e nei giorni scorsi è stato annunciato il primo farmaco in grado di contrastare la progressione della malattia, Aducanumab, di cui abbiamo parlato in modo esaustivo in un articolo precedente.

Secondo il il dottor Sandro Iannaccone, primario dell’unità di Riabilitazione Disturbi Neurologici Cognitivi-Motori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, per gli individui malati di Alzheimer in forme iniziali e medie, la riabilitazione può diventare fondamentale per rallentare significativamente la progressione della malattia, migliorando la qualità della vita del paziente e della sua famiglia: “Con lo scoppio della pandemia Covid-19, l’impiego delle tecnologie di teleriabilitazione, che già si era dimostrato molto comodo ed efficace per i nostri pazienti, ha subito un’ulteriore accelerazione”, ha spiegato lo scienziato.

Il servizio di telemedicina del San Raffaele, ha garantito la possibilità per i pazienti di potersi dedicare a sessioni di riabilitazione lavorando a casa: “Una volta definito il programma riabilitativo, il paziente viene seguito a distanza da psicologi e logopedisti che, attraverso un software dedicato, propongono esercizi visivi ed acustici di complessità sempre crescente, volti alla riabilitazione della memoria e a quella neuropsicologica,” conclude Iannaccone.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Credi sia importante insistere sulle varianti genetiche della malattia di Alzheimer? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0