Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Farmaco Biogen approvato dalla FDA: la comunità medica dubita

La nuova terapia farmacologica dedicata all'Alzheimer è stata approvata dalla Food and Drug Administration e ha scatenato non poche polemiche sull'efficacia del farmaco. La terapia sviluppata dalla Biogen avrà il nome di Aduhelm e promette di ridurre i gruppi dannosi di placche nel cervello, aiutando a rallentare la demenza, ma la comunità scientifica si è mostrata perplessa dai risultati presentati dalla Biogen e nonostante l'immissione in commercio del farmaco, chiede che vengano effettuati ulteriori studi

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La Food and Drug Administration ha approvato il farmaco della Biogen basandosi sui risultati di una ricerca che ha osservato come fosse “ragionevolmente probabile” che i pazienti con diagnosi di morbo di Alzheimer potessero beneficiarne. Questo però non ha impedito a medici, ricercatori medici e gruppi di pazienti di trovarsi in disaccordo con la commercializzazione del farmaco.

Biogen

Farmaco di Biogen: ecco come dovrà essere somministrato

Il farmaco sviluppato da Biogen in collaborazione con la ditta giapponese Eisai Co., non ha invertito il declino mentale, rallentandolo solo in uno studio. Il farmaco, aducanumab, sarà commercializzato come Aduhelm e dovrà essere somministrato come infusione ogni quattro settimane. Il dottor Caleb Alexander, un consulente della FDA che ha raccomandato di non approvare il farmaco, si è detto “sorpreso e deluso” dalla decisione.

“La FDA ottiene il rispetto che ha perché ha standard normativi che si basano su prove concrete. In questo caso, penso che abbiano approvato il prodotto”, ha affermato Alexander, ricercatore medico presso la Johns Hopkins University.Il principale regolatore dei farmaci della FDA ha riconosciuto che “incertezze residue” circondano il farmaco, ma ha affermato che la capacità di Aduhelm di ridurre i gruppi dannosi di placche nel cervello dovrebbe aiutare a rallentare la demenza.

Biogen

“I dati supportano i pazienti e gli operatori sanitari che hanno la scelta di utilizzare questo farmaco“, ha dichiarato alla stampa la dott.ssa Patrizia Cavazzoni.  La scienziata ha spiegato che la FDA ha valutato attentamente l’input delle persone che vivono con la “malattia devastante, debilitante e mortale“.

In base alla cosiddetta approvazione accelerata, la FDA ha richiesto a Biogen di condurre uno studio di follow-up per confermare i benefici per i pazienti. Se lo studio non riuscirà a dimostrarne l’efficacia, la FDA potrebbe ritirare il farmaco dal mercato.

Circa 6 milioni di persone negli Stati Uniti e molte altre nel mondo hanno l’Alzheimer, che attacca gradualmente le aree del cervello necessarie per la memoria, il ragionamento, la comunicazione e le attività quotidiane di base. Nelle fasi finali della malattia, le persone affette perdono la capacità di deglutire. Si prevede che il carico globale della malattia, la causa più comune di demenza, aumenterà man mano che milioni di figli del baby boom avanzano ulteriormente verso i 60 e i 70 anni.

Aducanumab (pronunciato “add-yoo-CAN-yoo-mab“) aiuta a eliminare una proteina chiamata beta-amiloide dal cervello. Altri farmaci sperimentali lo hanno fatto, ma non hanno fatto alcuna differenza nella capacità dei pazienti di pensare, prendersi cura di se stessi o vivere in modo indipendente. Il farmaco della Biogen prodotto da cellule viventi e sarà somministrato tramite infusione.

La comunità scientifica non comprende appieno le cause dell’Alzheimer, ma c’è un ampio accordo sul fatto che la placca cerebrale presa di mira dall’aducanumab sia solo uno dei fattori che contribuiscono alla malattia. Le prove suggeriscono che la storia familiare, l’istruzione e le condizioni croniche come il diabete e le malattie cardiache possono avere un ruolo nello sviluppo della patologia.

Questo è un segno di speranza, ma non la risposta definitiva”, ha detto il dottor Richard Hodes, direttore del National Institute on Aging, che non è stato coinvolto negli studi Biogen ma finanzia la ricerca su come si forma l’Alzheimer. “L’amiloide è importante, ma non è l’unico fattore che contribuisce allo sviluppo della patologia.

I soggetti che hanno assunto aducanumab hanno visto le loro capacità di pensiero diminuire del 22% più lentamente rispetto ai pazienti che assumevano un placebo.Questo però significava una differenza di appena 0,39 su un punteggio di 18 punti di capacità cognitive e funzionali, e non è chiaro come tali metriche si traducano in vantaggi pratici, come una maggiore indipendenza o capacità di ricordare dettagli importanti.

La revisione del farmaco da parte della FDA è diventata un punto cruciale nei dibattiti sugli standard utilizzati per valutare le terapie per condizioni difficili da trattare. Da un lato, i gruppi che rappresentano i malati di Alzheimer e le loro famiglie affermano che qualsiasi nuova terapia, anche di piccola utilità, merita l’approvazione; diversi esperti invece avvertono che il via libera al farmaco potrebbe costituire un pericoloso precedente, aprendo la porta a trattamenti di discutibile beneficio.

L’approvazione è arrivata nonostante una valutazione feroce a novembre da parte del gruppo esterno di esperti neurologici della FDA. Il gruppo ha votato “no” a una serie di domande sul fatto che i dati rianalizzati di un singolo studio presentato da Biogen dimostrassero che il farmaco era efficace.

Biogen ha interrotto due studi nel 2019 dopo che risultati deludenti suggerivano che l’aducanumab non avrebbe raggiunto il suo obiettivo di rallentare il declino mentale e funzionale nei malati di Alzheimer. Diversi mesi dopo, la società ha invertito la rotta, annunciando che una nuova analisi di una ricerca aveva mostrato che il farmaco era efficace a dosi più elevate e che la FDA aveva consigliato di richiederne la revisione. Gli esperti dell’azienda hanno affermato che il fallimento iniziale del farmaco era dovuto ad alcuni pazienti che non ricevevano dosi abbastanza elevate da rallentare la malattia.

Le modifiche al dosaggio e l’analisi a posteriori dell’azienda hanno reso i risultati difficili da interpretare, sollevando lo scetticismo tra molti esperti, compresi quelli del panel della FDA. La FDA non è tenuta a seguire i consigli dei suoi membri esterni e in precedenza ha ignorato il loro contributo quando prendeva decisioni sui farmaci di alto profilo.

Circa 900 strutture mediche statunitensi sono pronte per iniziare a prescrivere il farmaco, secondo Biogen, con molte altre attese nei prossimi mesi. Ma rimangono domande pratiche chiave: per quanto tempo i pazienti ne beneficiano? In che modo i medici determinano quando sospendere il farmaco? Il farmaco ha qualche beneficio nei pazienti con demenza più avanzata?

Saranno necessarie ulteriori scansioni per monitorare potenziali effetti collaterali. Il farmaco porta un avvertimento sul gonfiore temporaneo del cervello che a volte può causare mal di testa, confusione e vertigini. Altri effetti collaterali includevano reazioni allergiche, diarrea e disorientamento.

Sebbene Biogen abbia studiato il farmaco in persone con demenza lieve o Alzheimer allo stadio iniziale, l’etichetta della FDA ha approvato il farmaco per chiunque abbia l’Alzheimer, una vasta popolazione dato che i medici hanno ampio margine di manovra nella diagnosi della condizione: “La FDA sta autorizzando il medico a prendere la decisione sulla diagnosi”, ha detto il CEO di Biogen Michel Vounatsos in un’intervista.

Per i pazienti già arruolati negli studi di Biogen, l’annuncio di lunedì significa che possono continuare a prendere un farmaco che molti credono li abbia aiutati.

Potrebbe interessarti...

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi delle perplessità di una parte della comunità scientifica sull’efficacia di Aduhelm? Pensi che vada ascoltata e che siano necessarie altre ricerche? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Intel e AMD

20 aprile, 2021

Trump Twitter

20 aprile, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0