Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Tronsmart Air+ e Air

Tronsmart Air+ e Air: la nostra recensione

Abbiamo messo alla prova quest'alternativa economica alle AirPods Pro targata Tronsmart

0 0 voto
Voto iCrewers

Tronsmart Air+  e Air sono i nuovi auricolari true wireless di punta del brand cinese: con una scheda tecnica davvero completa, un’app dedicata e un design simile ad Airpods Pro, questo prodotto potrebbe, almeno sulla carta, candidarsi a best buy di categoria andando a sfidare brand più blasonati come Samsung, Sony ed Apple. Ma sarà davvero così?

Prima di entrare nei dettagli della recensione, è bene capire le differenze tra il modello Air e il modello Air+:

  • Packaging: più curato su Air+ con l’inclusione di 4 extra paia di gommini in ear (contro i 2 extra paia di Air) e di un sacchettino porta cuffie, assente su Air.
  • Ricarica Wireless: esclusiva Air+
  • Sensore per il rilevamento automatico sull’orecchio (in-ear detection): esclusiva Air+
  • Compatibilità con Qualcomm aptX Adaptive: esclusiva Air+. Air è comunque compatibile con aptX.
  • Colorazione perlacea esclusiva per Air+.

Andiamo ora a scoprire pregi e difetti di questi auricolari nella nostra prova sul campo.

Tronsmart Air+ e Air: unboxing, design e materiali

Tronsmart Air+ e Air

Per Tronsmart, evidentemente, la prima impressione è davvero tutto. L’esperienza di unboxing mostra una notevole cura e attenzione: Air+ si presentano in una piacevole confezione magnetica, il cui impatto visivo risulta accattivante ma un po’ sull’aggressivo, grazie alla scelta delle grafiche leggermente datate e dei colori a contrasto. Come già introdotto precedentemente, questo è uno dei punti in cui Air si differenzia da Air+, con una confezione più piccola e classica, ma comunque ordinata e ed efficace.

Una volta aperta la confezione, ci si trova di fronte ad un case di ricarica non dei più compatti, ma comunque in grado di infilarsi in tasca senza grossi problemi, dotato, nella parte posteriore, di porta USB Type-C per la ricarica e di un pulsante per il pairing. Sebbene i materiali utilizzati siano piacevoli al tatto e di buona fattura, lo stesso non si può dire della cerniera: leggera e senza resistenza, non ha abbastanza forza per rimanere alzata da sola e tende costantemente a chiudersi, caratteristica assolutamente inaccettabile per delle cuffie di questo calibro.

Gli auricolari sono in-ear, con una forma che ricorda le blasonate Airpods Pro, ma che risulta leggermente più ingombrante all’orecchio rispetto alla controparte della mela. Buono il peso: il body in plastica è leggero e questo permette alla cuffia di rimanere facilmente ancorata all’orecchio anche senza pinne o gommini particolarmente profondi; gradita anche la presenza della certificazione IP45, che di certo è sinonimo di una buona qualità costruttiva.

Tronsmart Air+ e Air: qualità del suono e connettività

Per quanto riguarda la qualità audio, Tronsmart punta tutto sulle frequenze basse: il sound è profondo e ricco, caratteristica che rende queste cuffie perfette per beat elettronici, podcast e rap moderno. Per generi più strumentali, quali Rock, Metal o Pop acustico, l’ascolto risulta un po’ troppo scuro, con poca definizione e dinamica tra i vari strumenti. L’immagine stereofonica è discreta per delle cuffie in ear, e giova sicuramente del codec aptX che suona significativamente meglio rispetto al classico SBC presente negli smartphone con sistema operativo Android. Simile – se non identica – ad aptX la qualità del codec AAC presente su iPhone.

Tronsmart Air+ e Air

La velocità di connessione allo smartphone è davvero fulminea, probabilmente grazie alla presenza di un chip Bluetooth 5.2 che dovrebbe garantire un miglioramento in fatto di velocità di connessione con lo smartphone rispetto al classico Bluetooth 5.0. Anche la portata pare in linea con le mie Galaxy Buds e con Airpods, molto bene.

Tronsmart Air+ e Air: ANC, modalità ambientale, chiamate ed app

Arriviamo dunque alla caratteristica forse più interessante di questi auricolari, la cancellazione attiva del rumore. Tronsmart Air+ e Air sono dotate infatti di tre modalità ANC ON/ANC OFF/Ambient, selezionabili dall’applicazione – su cui spenderemo qualche parola in seguito – oppure effettuando 3 tap consecutivi sul retro di uno dei due auricolari. Air e Air+ fanno un discreto lavoro di riduzione dei rumori ambientali grazie ai 6 microfoni che attutiscono principalmente rombi e suoni gravi, faticando invece a smorzare i suoni più acuti, come tipicamente accade su piccole cuffie TWS. Anche la modalità ambientale è buona: si percepiscono bene le voci, che non risultano troppo metalliche o robotiche, ma al contrario suonano abbastanza naturali, funzione davvero ottima in ufficio quando vogliamo spostare l’attenzione dalla musica ad un collega che vuole dirci qualcosa.

Tronsmart Air+ e Air
Da sinistra: Galaxy Buds, Tronsmart Air, Airpods, Tronsmart Air+

I microfoni fanno anche un ottimo lavoro di riduzione dei frusci e in generale dei rumori di fondo in chiamata: l’interlocutore ci sente sempre bene, anche in ambienti affolati o trafficati. Dal lato dell’utilizzatore, l’audio in chiamata è stato sempre forte e chiaro; facile anche interagire con la cuffia attraverso i tap che permettono di accettare la chiamata o mettere giù.

Certo non siamo ai livelli di auricolari top di gamma come le già citate Airpods Pro oppure le Sony WF, ma per i 50 euro della versione base e gli 80 della versione plus non si può chiedere tanto di più.

Anche a questo prezzo però non è perdonabile una così scarsa cura per l’applicazione dedicata: brutta, scomoda e non sempre sincronizzata con il reale stato delle cuffie, è dotata di svariate equalizzazioni che fanno suonare le cuffie come giocattoli (tranne un paio).

Infine, la durata della batteria è discreta ed in linea con i numeri che affermano i produttori: circa 5 ore con una singola ricarica, e in totale 4 cariche complete – per un totale di 20 ore -, con il case di ricarica.

Tronsmart Air+: scheda tecnica completa

Tronsmart Air+ e Air

  • Chip Qualcomm QCC3046 e compatibilità con Qualcomm aptX e aptX Adaptive
  • Bluetooth 5.2
  • Sei microfoni per la cancellazione del rumore e per le chiamate
  • Certificazione IP45
  • Durata della batteria pari a 5 ore con una singola ricarica e fino ad un massimo di 20 ore con il case
  • Tempo di ricarica: 2,5 ore, compatibile con la ricarica wireless
  • Sensore per il rilevamento automatico sull’orecchio (in-ear detection)
  • Driver in grafene da 10mm

Cogliamo l’occasione per segnalarti un evento sul sito ufficiale Tronsmart già attivo e che durerà ancora diversi giorni in occasione dell’ottavo anniversario dell’azienda, durante il quale è possibile vincere tanti premi Tronsmart gratuitamente.

Potrebbe interessarti...

TCL Electronics

TCL MOVEAUDIO: 2 nuovi auricolari per il mercato consumer

Teufel

Ecco le proposte audio di Teufel per l’estate 2021

Speciale

Impara HTML, CSS e JavaScript: Video e audio

Instagram

Instagram: arriva la ricerca per audio

ASUS ROG Phone 5

Asus ROG Phone 5 avrà il miglior comparto audio di tutti

Twitter

L’ultima novità in uno dei social più utilizzati: arrivano gli audio su Twitter

Sebbene non perfetti, questi auricolari TWS offrono un’esperienza di ascolto gradevole, in particolare per chi apprezza musica ricca di bassi o podcast. Questo, combinato alla grande quantità di feature utili, quali la compatibilità con Bluetooth 5.2 che offre latenze minime quando si guardano i video o si videogioca e la (buona) cancellazione attiva del rumore, rende Tronsmart Air+ e Air un prodotto valido. A 50 euro, Air offre di certo il rapporto prezzo/prestazioni migliore tra i due modelli, ed è quello che ci sentiamo di consigliare per un eventuale acquisto.
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
GXT 881 Odyss

19 novembre, 2021

08 novembre, 2021

Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0