Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Tianwen-1

Tianwen-1: la Cina avvia la prima spedizione Marziana

La Cina ritenta l'approccio Marziano con la missione Tianwen-1, riuscirà questa volta nell'intento?

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La Cina, ieri, è partita con Tianwen-1 per quello che potrebbe essere il suo primo viaggio di successo su Marte, lanciando un’orbita combinata, un lander e un rover sul pianeta rosso in un viaggio che durerà fino al prossimo anno.

In caso di successo di Tianwen-1, la missione affermerebbe il posto della Cina tra le principali nazioni spaziali, in grado di pianificare e svolgere da sola complesse missioni interplanetarie. Solo gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica sono già riusciti a far sbarcare un veicolo sul pianeta rosso.

Tianwen-1

Come sempre, in Cina, il varo è stato avvolto dal segreto fin dal principio, tuttavia i flussi video non ufficiali pubblicati dagli spettatori cinesi, hanno mostrato che la nave inizia a salire alle 12:41 pm EDT dal Wenchang Spacecraft Launch Site sull’isola di Hainan, circondato da acque cristalline.

La folla applaudiva dalle spiagge vicine mentre il razzo viaggiava verso sud e verso est attraverso il cielo limpido uscendo dall’atmosfera terrestre e, allo stesso tempo, la testata giornalistica China Xinhua News ha annunciato il lancio pochi minuti dopo su Twitter –post in questione qui sotto–.

L’agenzia spaziale cinese non ha trasmesso il proprio video ufficiale dal vivo ma, entro un’ora dal lancio, la televisione di stato ha mostrato il lancio del razzo e ha annunciato che la missione, chiamata Tianwen-1, o “Domande per il Paradiso”, stava salendo in sicurezza su Marte.

Il vice comandante del progetto, Wu Yansheng, in una dichiarazione della Cina Aerospace Science and Technology Group, ha affermato:

La missione Tianwen-1 è un importante progetto di riferimento nel processo di costruzione della potenza spaziale cinese e un progetto fondamentale per l’aerospaziale cinese per andare oltre e approfondire lo spazio”.

Cosa sta inviando la Cina su Marte?

La missione Tianwen-1 prende il nome da una poesia di Qu Yuan, che visse dal IV al III secolo a.C.

Come ti dicevo all’inizio di questo articolo, questa missione include un orbiter, un lander e un rover. Mentre altri paesi hanno adottato un approccio scaglionato alla visita di Marte –prima un’orbita, poi un lander ed  infine un rover– la Cina sottolinea che tenterà di far funzionare tutti questi componenti insieme, per la prima volta nella storia.

L’orbita, secondo quattro scienziati coinvolti nella missione, studierà Marte e la sua atmosfera per circa un anno marziano, o 687 giorni sulla Terra. Oltre a due telecamere, è dotato di radar di superficie, un rilevatore per studiare il campo magnetico marziano e altri tre strumenti scientifici.

Tianwen-1

L’orbita fungerà anche da relè sulla Terra per comunicare con il componente rover della missione. Quell’esploratore robotico trasporterà anche telecamere, radar penetranti nel terreno e altri strumenti, inoltre la sua missione è di durare circa 90 giorni marziani.

Il rover proverà ad atterrare nella regione di Utopia Planitia alle latitudini marziane medio-settentrionali. La missione Viking 2 della NASA è atterrata lì nel 1976 e, a parte una missione sovietica nel 1971 con la quale si persero i contatti dopo meno di due minuti, solo gli Stati Uniti sono sbarcati con successo su Marte in un unico pezzo.

Precedenti studi condotti utilizzando i dati del Mars Reconnaissance Orbiter della NASA hanno mostrato che Utopia Planitia ha uno strato di ghiaccio d’acqua equivalente a quello che si trova nel Lake Superior qui sulla Terra. Uno degli obiettivi della missione Tianwen-1 è comprendere meglio la distribuzione di questo ghiaccio, che i futuri coloni umani su Marte potrebbero usare per sostenersi.

La Cina, prime di Tianwen-1, ha mai provato ad arrivare su Marte?

Nel 2011, la Cina ha effettuato il suo primo tentativo su Marte ma è stata sfortunata.

Prima di Tianwen-1, ci fu Yinghuo-1, un’orbita che era associato a una missione russa la quale doveva studiare Phobos, una delle due piccole lune marziane. Il razzo russo che trasportava entrambi i veicoli spaziali, non funzionò correttamente non molto tempo dopo il lancio e, non potendo sfuggire alla gravità del nostro pianeta, fece sì che entrambi i veicoli spaziali alla fine bruciarono nell’atmosfera.

Tianwen-1

Mentre l’incidente Yinghuo-1 è stato una battuta d’arresto, la Cina è costantemente passata al livello superiore delle nazioni in fuga nello spazio negli ultimi due decenni. Il suo programma spaziale è uno dei pochi che hanno lanciato in orbita i propri astronauti e stazioni spaziali riuscendo inoltre a far atterrare due rover sulla luna, due volte.

Una di quelle missioni, Chang’e-4, è atterrata sul lato opposto della luna a gennaio 2019, cosa che nessun altro paese ha fatto. Il suo rover robotico, Yutu-2, sta ancora esplorando il lato lunare e sta aiutando la scoperta scientifica sulla composizione della luna.

Cos’altro andrà su Marte questa estate?

Oltre a Tianwen-1, su Marte faranno tappa anche la Missione Emirates Mars che è decollata con successo, su un razzo giapponese, lo scorso lunedì.

Tianwen-1
Emirates Mars Mission

Il programma spaziale degli Emirati Arabi Uniti è modesto e la sua offerta di unirsi ai ranghi dei paesi che hanno raggiunto Marte fa parte di uno sforzo ambizioso per ispirare i giovani degli Emirati a intraprendere una carriera scientifica e tecnologica.

Il suo veicolo spaziale Hope orbiterà su Marte per un certo numero di anni, aiutando gli scienziati a studiare i cicli meteorologici del pianeta.

La terza missione su Marte dell’estate sarà il rover Perseverance della NASA. Il lancio è previsto per il 30 luglio dopo che dei problemi tecnici hanno ritardato i primi decolli. L’esploratore robotico sarebbe il quinto rover della NASA su Marte ed è molto simile a Curiosity, che ora sta esplorando il cratere Gale.

Perseverance trasporterà diversi strumenti scientifici ed esplorerà il cratere di Jezero, un lago prosciugato che gli scienziati ritengono possa essere un buon obiettivo per cercare prove fossilizzate della vita microbica marziana estinta.

Tianwen-1
Perseverance & Ingenuity

La missione tenterà anche un nuovo primato sul pianeta rosso: far volare un elicottero nella magica atmosfera marziana. L’elicottero Ingenuity della NASA verrà lasciato dal rover non molto tempo dopo l’atterraggio, quindi tenterà una serie di voli di prova, con l’obiettivo di dimostrare che Marte può essere esplorato sia attraverso l’aria che a terra.

Una quarta missione, il rover congiunto russo-europeo Rosalind Franklin, doveva essere lanciata anche lei quest’estate ma, gli ostacoli tecnici, aggravati dalla pandemia di coronavirus, non potevano essere superati in tempo. A seguito di tutto ciò il prossimo lancio è previsto nel 2022.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Secondo te la missione Tianwen-1 andrà a buon fine? Dicci la tua qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0