tastiera meccanica

Tastiera meccanica: perché?

Cosa differenzia una tastiera meccanica da qualsiasi altra tastiera, e perché dovremmo tutti usarla

Nata come periferica di input primaria, la tastiera meccanica per 2 decenni (70-90) è stata trattata come un vero e proprio pezzo d’arte moderna, oltre ovviamente come oggetto di discussione tra esperti del settore.

Posso dirti che è stata importante quanto un volante di F1, ma con un ulteriore spinta al design ergonomico, per aiutare nella comodità del lavoro di tutti i giorni.

IBM per anni ha dominato gran parte del mercato con la sua Model M, fino all’arrivo di altre compagnie come Cherry, che hanno cominciato ad intensificare le ricerche sul metodo tattile degli switch, ovvero sulla pressione dei tasti.

Prima dell’avvento dei sistemi operativi con interfaccia grafica, era vitale usare solo il terminale, per cui i mouse erano quasi completamente inutili, e tutti erano costretti a compilare linee e linee di codice, ogni comando era da tastiera meccanica, e per forza di cose più era comoda, più era definitiva.

Purtroppo gli OS con interfaccia utente hanno spostato l’attenzione più sul mouse, e le tastiere che fino a quel momento erano le periferiche esterne più costose, dovevano essere adeguate al nuovo standard casalingo, ed ecco che dal processo di massa si ebbe una devoluzione, con le tastiere a membrana economiche.

Purtroppo l’affidabilità andò perduta, e anche la qualità di costruzione e la longevità, e ditte che oggi sono considerate famosissime per le periferiche esterne, in realtà producono tastiere che in passato sarebbero state cestinate al volo.

Tastiera meccanica moderna mainstream

Ultimamente anche le grandi ditte hanno cominciato a produrre tastiere meccaniche che vengono pubblicizzate come performanti, e all’altezza dei fasti del passato, ma purtroppo non è assolutamente vero. Anzi anche alcune tastiere meccaniche economiche semi artigianali, sorpassano allegramente le mainstream.

Ma quali sono le cose da sapere, per comprendere quali scegliere e le basi di una tastiera meccanica esemplare? Ebbene essendo la tastiera un sistema di input a tasti, gli switch sono l’unica cosa importante, ma non è un argomento semplice, vediamolo insieme.

Tastiera meccanica: gli switch, le fondamenta

Dopo aver trascorso del tempo a leggere questo, avrai una comprensione più profonda degli interruttori meccanici e, cosa più importante, sarai in grado di scegliere quelli più adatti a te. Quindi iniziamo!

Sfortunatamente, non esiste una risposta facile alla domanda “Quale switch scelgo?” poiché dipende molto dalle tue preferenze! Che rumore ti piace sentire quando digiti sui tasti? E quanto è tollerante il tuo ambiente lavorativo o domestico al click-clack degli interruttori?

Ti piace sentire un piccolo urto ogni volta che premi un tasto o preferisci una pressione regolare? Qual è il tuo stile di digitazione? Sei una persona dal tocco leggero o tendi a toccare il fondo? Li utilizzerai principalmente per giocare o digitare?

Se non conosci la risposta a nessuna di queste domande, non preoccuparti! Sono qui per aiutarti! Gli interruttori meccanici sono i meccanismi sotto ogni tasto. Determinano l’attivazione di una sequenza di tasti.

Componenti degli interruttori meccanici

Diamo uno sguardo più approfondito ai componenti di un interruttore meccanico e impariamo la loro importanza uno per uno.

Il copritasto

Il keycap non fa parte dell’interruttore meccanico ma è parzialmente responsabile del rumore generato quando la chiave viene toccata.

Lo stelo

La forma dello stelo varia l’azionamento e la corsa dell’interruttore. Crea la sensazione di battitura e determina il tipo di interruttore.

L’alloggiamento superiore

Questa parte protegge e guida lo stelo. È anche la parte che colpisce il keycap quando si preme il tasto.

La molla elicoidale

La resistenza della molla elicoidale determina la quantità di pressione necessaria per azionare la chiave. Guida anche l’interruttore per tornare alla sua posizione originale.

L’alloggiamento di base

Qui è dove è montato l’alloggiamento superiore. Questo è il pezzo che si attacca e si aggancia al PCB.

Il contatto incrociato

Un minuscolo pezzo di metallo o d’oro dove scorre l’elettricità. Una volta premuto un tasto, il meccanismo di contatto colpisce il PCB e chiude il circuito dell’interruttore, rendendo così la pressione di un tasto.

Tipi di interruttori meccanici

Esistono tre tipi di interruttori meccanici: lineari, tattili e cliccabili. Sono definiti dal loro comportamento di battitura.

Interruttori lineari

Gli interruttori lineari hanno l’operazione più semplice. Si muovono su e giù senza alcun feedback tattile o rumore di clic. La semplice pressione dei tasti consente un’attuazione più rapida, rendendoli l’interruttore preferito per i giocatori.

Interruttori tattili

Gli interruttori tattili forniscono un feedback tattile. Forniscono un notevole urto nel mezzo del percorso per farti sapere che la pressione del tasto è stata registrata. Sono ideali per la digitazione perché ottieni una leggera indicazione della pressione di un tasto senza dover toccare il fondo dei tasti.

Interruttori clicky

Gli interruttori clicky funzionano allo stesso modo di quelli tattili. Ma offrono un distinto suono di “clic” quando viene attivato il tasto.Sono ottimi per coloro che desiderano un’indicazione distinta quella della pressione di un tasto e per coloro che amano il suono “clic”.

Comprendere le caratteristiche di un interruttore meccanico

Oltre alla sensazione di battitura, ci sono 5 caratteristiche tecniche di un interruttore. A seconda della tua tecnica di digitazione e dello scopo generale della tua tastiera, avresti bisogno di determinati valori per ciascuna caratteristica.

1. Forza operativa

È quanto devi premere il tasto. La forza operativa è misurata in centinewton (cN) o grammo-forza (gf). 1 gf è pari a 0,98 cN, quindi sono quasi equivalenti. Si può dire che uno switch con 0,50 cN ha 0,50 gf.

2. Punto di attivazione

È il punto in cui la pressione di un tasto viene riconosciuta dalla tastiera. Questo è misurato in millimetri. È anche noto come punto di attuazione o posizione operativa.

3. Distanza di percorrenza totale

È la distanza percorsa dal keycap fino a quando non colpisce l’alloggiamento superiore dell’interruttore. Fondamentalmente è la distanza fino a quando non tocchi il fondo. Anche questo è misurato in millimetri.

4. Posizione tattile

La posizione tattile è il punto in cui senti l’urto sugli interruttori tattili e cliccabili. Sugli interruttori lineari, non c’è posizione tattile.

5. Punto di ripristino

La posizione di ripristino è la distanza alla quale la chiave viene disattivata quando viene rilasciata.Ora mettiamo queste 5 caratteristiche in un grafico e confrontiamo due interruttori:

La linea rossa nel grafico rappresenta la forza e la distanza quando si preme un tasto, mentre la linea nera mostra la forza e la distanza quando si rilascia un tasto. Kailh Speed ​​Silver è un interruttore lineare della serie Kailh Speed.

tastiera meccanica

La forza operativa degli interruttori Kailh Speed ​​è nota per essere sul lato più leggero a 40 cN e aumenta fino a quasi 80 cN quando si raggiunge la sua distanza di percorrenza totale a 3,5 mm. A 1,1 mm, l’interruttore si attiva. Quando rilasci il tasto, si ripristina a 1 mm.

Avere il punto di attivazione corto vicino al punto di ripristino è un grande vantaggio se si desidera toccare due volte o tre volte il tasto rapidamente durante il gioco.

Cherry MX Blue è l’interruttore Clicky più comune in circolazione. La forza operativa di Cherry MX Blue è leggermente più pesante a 60 cN. Ma una volta superata la posizione tattile, c’è solo un leggero aumento della pressione fino a quando non tocchi il fondo a 4 mm.

Il punto di attivazione è più lontano a 2,2 mm e si ripristina a 1,6 mm. Se non ti dispiace scambiare un po’ di velocità per feedback uditivo e tattile, allora ti divertirai con questi interruttori.

In base alla pressione necessaria, possiamo classificare Kailh Speed ​​Silver come pressostato leggero mentre Cherry MX Blue come pressostato medio.

Durata interruttori meccanici

E la durata? Questi switch dureranno a lungo o avrai bisogno di rifornirti ogni tanto? La risposta è che potrai premerli da 50 a 80 milioni di volte. Esatto, i produttori di interruttori per tastiera garantiscono che ogni interruttore abbia un ciclo di vita lunghissimo. Come fanno ad assicurarlo? Beh, creando macchine di prova che premono scrupolosamente gli interruttori quel numero di volte.

Questi produttori sono molto seri quindi i test di controllo qualità sono intensi. Gli interruttori Cherry MX, ad esempio, possono resistere a temperature estreme da -40ºC a 180ºC!

Il motivo è che quando spediscono nei trasporti marittimi, devono resistere alle temperature all’interno del carico. Se i contenitori sono in alto direttamente sotto il sole, le temperature all’interno del metallo chiuso possono raggiungere temperature torride, o se in inverno sono in basso, glaciali.

Interruttori hot-swap o saldati

La maggior parte degli interruttori saldati su una tastiera meccanica sono saldati. Ciò significa che una volta acquistata la tastiera meccanica, sei bloccato con gli interruttori in dotazione. Questo può essere un problema perché cosa succede se ti rendi conto di volere un diverso tipo di interruttore meccanico? O se si rompe un interruttore?

Spiacente, devi acquistare un’altra tastiera…Oppure no!

C’è una nuova tendenza che sta accadendo nel mondo delle tastiere. Ora puoi sostituire al volo i tuoi interruttori meccanici. Ciò significa che gli interruttori non sono più saldati sulla scheda. Puoi rimuoverli e sostituirli ogni volta che vuoi. E questo ti avvantaggia perché:

  • Puoi cambiare i tuoi interruttori in base alle tue esigenze senza acquistare un’altra tastiera.
  • È possibile combinare potenzialmente diversi tipi di interruttori in un layout di tastiera.
  • Puoi facilmente cambiare i tuoi interruttori malfunzionanti con quelli nuovi.

La maggior parte delle tastiere meccaniche in commercio è un esempio di questa tendenza. Se leggerai “hot swappable” nella descrizione della tastiera meccanica, significa che tutti i suoi interruttori sono sostituibili al volo!

Quattro fattori chiave da considerare quando si scelgono gli interruttori meccanici

  • Ambiente
  • Preferenza tattile
  • Dimensioni della mano, forza e stile di digitazione
  • Scopo generale della tastiera

1. Il tuo ambiente

Dove utilizzerai la tastiera? Sarai in un ufficio circondato da altre persone? Sarai solo nella tua stanza? La prima cosa che dovresti considerare è il tuo ambiente. Come mai? Il feedback uditivo può essere un fattore decisivo per la tua popolarità in un ufficio. E gli interruttori Clicky generano un suono di “clic” acuto e forte. Le persone ti ameranno o ti odieranno.

Quando si gioca o si digita velocemente, quel suono può essere mortalmente fastidioso per le persone. Credimi, lo so. D’altra parte, ci sono persone a cui piace sentire il suono del clic durante la digitazione in quanto fornisce loro una chiara indicazione che un tasto è stato premuto.

Inoltre, gli interruttori Clicky portano un po’ di nostalgia perché ricordano la vecchia tastiera del computer IBM degli anni ’80, la Model M appunto.

Guarda questo video di suoni switch più disparati.

Quindi, quando decidi di cambiare, guarda ciò che ti circonda e considera le persone intorno a te, se ce ne sono. Chiedi loro se starebbero bene sentendo il click-clack della tua nuova tastiera. Se sono d’accordo, fantastico. In caso contrario, trova nuovi amici. Ma se non il tipo da farsi terra bruciata, gli interruttori tattili e lineari sono altrettanto fantastici.

2. La tua preferenza tattile

Il secondo fattore da considerare è la sensazione di digitazione. Ti piace sentire un leggero urto ad ogni pressione di un tasto? O preferisci che sia liscio? Gli interruttori tattili e Clicky sono quelli che hanno un urto a metà corsa. I lineari, come suggerisce il nome, forniscono una pressione dei tasti lineare.

Durante la digitazione, il feedback tattile degli interruttori Tattile e Clicky offre maggiore precisione. Sapresti se è stata registrata una pressione di un tasto senza dover toccare il fondo dei tuoi tasti. Una volta che senti l’urto, puoi passare rapidamente al tasto successivo.

Il punto di fondo è quando si preme un tasto fino in fondo fino a quando il copritasto non colpisce l’alloggiamento superiore dell’interruttore.

Quando si gioca, la velocità conta. Gli interruttori lineari hanno una pressione costante dei tasti, quindi sono la scelta preferita per i giocatori. Suggerimento per professionisti: di solito, gli interruttori tattili sono migliori per la digitazione e gli interruttori lineari sono migliori per i giochi.

3. Dimensioni, forza e stile di battitura della tua mano

Sì, qualcosa di semplice come la dimensione della tua mano influisce fondamentalmente sulla selezione degli interruttori. E sai cosa si dice: mani grandi… dita grandi.

Le persone con mani grandi tendono ad avere clic sbagliati rispetto alle persone con mani più piccole. Se questo è il tuo caso, sarebbe l’ideale per te utilizzare gli interruttori con:

  • Punti di attivazione alti – 2 mm e oltre
  • Più lontano è il punto di attivazione, maggiore è la distanza necessaria per attivare una chiave.
  • Forza operativa da media a pesante – 55 cN e superiore
  • Maggiore è la forza operativa, maggiore è la pressione necessaria per attivare l’interruttore.

La combinazione di queste due proprietà significherebbe che richiederebbe uno sforzo leggermente maggiore per attivare effettivamente un tasto. E basterebbe per evitare i clic sbagliati.

Ma cosa succede se sei un gigante gentile? Hai le mani grandi ma hai un tocco delicato? Sei più avanzato nella digitazione e raramente fai clic in modo errato? In tal caso, scegli gli interruttori con:

  • Punti di attivazione da medi ad alti – 1,4 in più
  • Dal momento che non fai spesso clic in modo errato, puoi scegliere un interruttore con un punto di attivazione leggermente più corto.
  • Forza operativa media – 55-75cN
  • Se hai un tocco delicato, puoi facilmente controllare la forza delle dita. Quindi un interruttore con forza di pressione media sarebbe la giusta scelta.
  • Feedback tattile e/o cliccabile

Avere un tocco leggero significa anche non toccare il fondo dei tasti. Una volta che senti quell’urto a metà corsa, puoi quindi passare al tasto successivo. Quindi gli interruttori con feedback tattile e/o cliccabile sarebbero la tua scelta.

Passiamo ora alle persone che hanno mani di piccole e medie dimensioni che digitano leggermente, ma a volte toccano il fondo. Quello che ti serve sono interruttori di velocità.

Con questi interruttori, hai un vantaggio in termini di velocità di gioco. Ma non sono solo buoni per i giocatori. Questi interruttori sono ottimi anche per la digitazione, purché non si rompano i tasti. Sii gentile.

Più breve è il punto di attivazione, più velocemente viene registrata la pressione dei tasti, il che lo rende vantaggioso per una digitazione rapida e precisa.

E infine abbiamo quelle persone che amano battere la tastiera. Abbiamo tutti quell’unico amico che scrive come se fosse il giorno peggiore della sua vita e sbattere i tasti sulla tastiera è il suo modo di rilassarsi. Bene, se sei quella persona, non solo hai bisogno di amore e affetto, ma anche di interruttori che hanno:

  • Forza operativa da pesante a superpesante – 75 cN e oltre o interruttori di velocità
  • Anche se la loro forza operativa è leggera, il loro stelo corto potrebbe comunque adattarsi al tuo stile di digitazione. Possono darti un rimbalzo più rapido ogni volta che tocchi il fondo.
  • O-ring

Gli O-ring smorzano il suono emesso dai cappucci dei tasti quando colpisce l’alloggiamento superiore dell’interruttore. Attutiscono anche la sensazione della pressione dei tasti. E ammettiamolo, hai bisogno di un po’ di morbidezza nella tua vita.

Quando tocchi il fondo dei tuoi tasti, anche se si tratta di un interruttore lineare, emetterà sempre un suono. Ma la buona notizia è che puoi ridurre al minimo questo suono.

E se sei il tipo di persona che ha un problema particolare con il rumore, ricorda questi altri elementi che possono influenzarlo:

  • Dimensioni e materiale del copritastiera
  • Presenza di un tappetino (o cuscino) sotto la tastiera
  • Materiale della tastiera: plastica o metallo
  • O-ring
  • Quanto hai colpito la tastiera

4.- Scopo generale

tastiera meccanica

Lo scopo generale della tua tastiera ti aiuterà anche a decidere gli interruttori di cui hai bisogno. Sarà per il gioco? Digitare? O entrambi?

Se è solo per il gioco, gli interruttori lineari sono ciò che dovresti scegliere, in particolare gli interruttori di velocità. La pressione dei tasti fluida e coerente aiuta con movimenti rapidi.

Se è per la digitazione, gli interruttori Tactile e Clicky sono fantastici grazie al feedback che forniscono. Ma se non sei un fan della tattilità e del suono del “clic”, allora gli interruttori di velocità sarebbero la soluzione migliore.

Se è per entrambi, scegli in base alla tecnica di digitazione e all’ambiente. Acquista una tastiera con interruttori sostituibili al volo in modo da poter provare più interruttori e vedere qual è il migliore.

Perché quindi acquistare o costruirti una tastiera meccanica? Per primo la qualità dei singoli componenti, poi la durabilità degli stessi ed infine la tua esperienza e sensazione personale, unica per ognuno di noi.

Ma in realtà, dipende tutto da te. Sono qui solo per darti consigli, ma alla fine della giornata, sei il capitano della tua nave. Quindi vai avanti giovane capitano. Ora sei pronto per navigare nel mondo delle tastiere e switch meccanici!

Hai mai avuto una tastiera meccanica, o pensi di acquistarla? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI