Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
stonehenge

Stonehenge: uno studio getta luce sul materiale con cui è costruito

Stonehenge sarebbe costruito con un materiale antico quasi indistruttibile

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Un pezzo perduto da tempo del monumento inglese di Stonehenge sta aiutando gli esperti a comprendere la misteriosa struttura preistorica. L’analisi di un frammento prelevato da una delle massicce lastre del sito suggerisce che la composizione geochimica della pietra potrebbe averla resa straordinariamente ben attrezzata per resistere alla prova del tempo.

Realizzate al 99,7 percento di cristalli di quarzo, le pietre sono praticamente indistruttibili, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Plos One.

“Ora abbiamo una buona idea del perché questa roba sia ancora lì”, ha dichiarato il coautore dello studio David Nash, professore di geografia fisica all’Università di Brighton. “La pietra è incredibilmente resistente: è davvero resistente all’erosione e agli agenti atmosferici”.

Lo studio è stato reso possibile grazie a un ex tagliatore di diamanti, Robert Phillips, morto l’anno scorso. Ha fatto lavori di riparazione a Stonehenge nel 1958, perforando la Pietra 58 per aiutare a ricostruire un trilitone di tre pietre caduto.

Quando il lavoro fu terminato, Phillips fu autorizzato a conservare uno dei nuclei cilindrici di tre piedi e mezzo come souvenir. Lo ha restituito 60 anni dopo, aprendo nuove strade di ricerca sulle origini di Stonehenge: è vietato prelevare nuovi campioni dal monumento protetto. Gli esperti sono stati in grado di condurre test distruttivi su metà del campione.

“Avere accesso al nucleo perforato da Stone 58 è stato davvero il Santo Graal per la nostra ricerca”, ha detto Nash in una nota. “È estremamente raro come scienziato avere la possibilità di lavorare su campioni di tale importanza nazionale e internazionale”.

In collaborazione con esperti del British Geological Survey, dell’English Heritage e del Natural History Museum di Londra, Nash ha sottoposto a raggi X e TC il Phillip’s Core, come è noto, nonché un secondo campione del Salisbury Museum in Inghilterra, esaminandoli al microscopio. Quello che videro erano minuscoli granelli di quarzo disposti in una matrice di cristalli intrecciati incredibilmente forte, fornendo un materiale da costruzione ideale.

“Questi cementi sono incredibilmente forti. Mi sono chiesto se i costruttori di Stonehenge potessero dire qualcosa sulle proprietà della pietra, e non solo scegliessero i massi più vicini e più grandi, ma anche quelli che avevano maggiori probabilità di resistere alla prova del tempo”, ha detto Nash.

Geochimicamente, il campione Stone 58 corrisponde a 50 dei 52 sarcens rimanenti, quindi qualsiasi risultato derivato dai nuclei probabilmente si applica alla stragrande maggioranza del monumento. Il tipo specifico di pietra è chiamato silcrete, che si forma dal lavaggio delle acque sotterranee attraverso sedimenti sepolti, riporta Reuters.

Stonehenge un reperto di milioni di anni

stonehenge

La datazione ha scoperto che le pietre erano in gran parte composte da sedimenti erosi del periodo Paleogene, da 66 milioni a 23 milioni di anni fa.
Ma incorporano anche materiale molto più antico dell’era mesozoica, tra 252 e 66 milioni di anni fa, e dell’era mesoproterozoica, da 1 a 1,6 miliardi di anni fa.

Il Phillilp’s Core aveva già permesso a Nash e al suo team di risolvere uno dei misteri più duraturi di Stonehenge: l’origine delle sue pietre monolitiche.
Si è a lungo sospettato che i sarcens provenissero dalle colline gessose di Marlborough Downs. I test sul Philips Core hanno permesso ai ricercatori di identificare “l’impronta geochimica” della pietra e abbinarla a lastre di pietra da una posizione specifica nei bassi noti come West Woods.

Stonehenge fu probabilmente eretta in due fasi tra 5.000 e 4.500 anni fa. Oltre ai massicci sarcens, il monumento comprende anche un cerchio interno di pietre blu più piccole. Studi recenti suggeriscono che le pietre blu provengano dalle Preseli Hills in Galles, e siano state inizialmente costruite lì, prima di essere trasportate nella pianura di Salisbury.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Tesla

Robot umanoide di Tesla: il probabile lancio nel 2022

PayPal

PayPal lancia il suo servizio di criptovaluta in UK

Realme Book

Realme Book in arrivo il 18 agosto con CPU Intel

Polizia di Stato

1518: Come ottenere informazioni sulla viabilità stradale

Che ne pensi di questa sensazionale scoperta? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
romano

Cioè sono state trasportate per 30 km!

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0