Steatosi epatica non alcolica: scoperto collegamento genetico

Durante lo studio della steatosi epatica non alcolica, un team guidato dall'Università di Tsukuba ha scoperto che i topi albini con una mutazione puntiforme nel gene della tirosinasi sono più suscettibili alla NASH rispetto ai topi portatori del gene non mutato. Questa importante scoperta apre nuovi sviluppi nella terapia e nella prevenzione della NAFLD. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Scientific Reports

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) si identifica dall’accumulo di grasso nel fegato non correlato all’abuso di alcol o ad altre malattie del fegato ed è spesso associata all’obesità e al diabete oltre ad essere considerata una manifestazione della sindrome metabolica.

 Con l’insorgenza dell’infiammazione, la NAFLD progredisce in steatoepatite non alcolica (NASH), sebbene al momento non sia chiaro come ciò avvenga. La NASH può portare a gravi complicazioni come insufficienza epatica, cirrosi e cancro al fegato.

Per queste ragioni, un team guidato dall’Università di Tsukuba ha scoperto che i topi albini con una mutazione puntiforme nel gene della tirosinasi sono più suscettibili alla NASH rispetto ai topi portatori del gene non mutato.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Scientific Reports.

Steatosi epatica non alcolica: qualche dettaglio sulla nuova ricerca

È noto che la prevalenza e la gravità della steatosi epatica non alcolica variano tra le diverse etnie umane, con la più alta prevalenza nelle popolazioni ispaniche. Il gene della tirosinasi codifica per un enzima che è coinvolto nella produzione di melanina, influenzando il tono della pelle. 

Steatosi epatica non alcolica

Il team ha osservato in analisi computazionali preliminari che diverse mutazioni puntiformi nel gene della tirosinasi variano anche in frequenza tra i diversi gruppi etnici, con le due varianti principali osservate ad alte frequenze nelle popolazioni ispaniche. I ricercatori hanno quindi ipotizzato che le varianti del gene della tirosinasi potrebbero influenzare la suscettibilità e la gravità di NAFLD e NASH.

Il gruppo di scienziati ha osservato una particolare linea di topi nota come “C57BL/6″ o B6, per verificare questa ipotesi. I topi Albino B6 hanno un singolo cambiamento, noto come mutazione puntiforme, nel gene tirosinasi. Ciò influisce sulla funzione dell’enzima tirosinasi in modo che i topi albini non possano produrre correttamente la melanina, perdendo la pigmentazione e diventando bianchi anziché neri.

Il colesterolo alimentare contribuisce allo sviluppo dell’infiammazione del fegato, quindi il team ha nutrito sia i topi albini che quelli neri B6 con una dieta ricca di colesterolo per 10 settimane. Gli esperti ganno scoperto che i topi B6 neri non hanno mostrato sintomi durante l’intero corso della dieta, mentre circa il 50% dei topi B6 albini ha mostrato un grave fenotipo, sviluppando danni al fegato dopo un solo giorno che sono progrediti alla NASH dopo due settimane.

Steatosi epatica non alcolica

Gli studiosi hanno inoltre dimostrato che i topi albini B6 mostravano un’elevata espressione di tirosinasi nell’intestino tenue: “Questo potrebbe influenzare la suscettibilità dei topi alla NASH influenzando l’assorbimento del colesterolo nell’intestino tenue”, ha dichiarato l’assistente professore Michito Hamada, autore senior: “Indicando un potenziale meccanismo per questa maggiore suscettibilità”.

Poiché la mutazione puntiforme nel gene della tirosinasi è l’unica differenza genetica tra i topi B6 albini e B6 neri”, ha concluso l’assistente professore Hamada, “il nostro lavoro faciliterà l’identificazione dei fattori di suscettibilità genetica per lo sviluppo della NASH e amplierà la comprensione del fisiopatologia della NASH.”

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è il termine per una serie di condizioni causate da un accumulo di grasso nel fegato. Di solito è visto in persone in sovrappeso o obese. Un fegato sano dovrebbe contenere poco o nessun grasso. Si stima che fino a 1 persona su 3 nel Regno Unito abbia le prime fasi della NAFLD, dove ci sono piccole quantità di grasso nel fegato.

Steatosi epatica non alcolica

La steatosi epatica non alcolica in fase iniziale di solito non causa alcun danno, ma può portare a gravi danni al fegato, inclusa la cirrosi epatica, se peggiora. Avere alti livelli di grasso nel fegato è anche associato ad un aumentato rischio di gravi problemi di salute, come diabete,  ipertensione e malattie renali.

In soggetti con diagnosi di diabete, la NAFLD aumenta le possibilità di sviluppare problemi cardiaci. Se rilevato e gestito in una fase iniziale, è possibile fermare il peggioramento della steatosi epatica non alcolica e ridurre la quantità di grasso nel fegato.

La steatosi epatica non alcolica si sviluppa in 4 fasi principali.La maggior parte delle persone svilupperà solo il primo stadio, di solito senza rendersene conto. In un piccolo numero di casi, può progredire e alla fine portare a danni al fegato se non rilevati e gestiti:

  1. Fegato grasso semplice (steatosi) – un accumulo di grasso in gran parte innocuo nelle cellule epatiche che può essere diagnosticato solo durante i test effettuati per un altro motivo;
  2. Steatoepatite non alcolica (NASH) – una forma più grave di NAFLD, in cui il fegato si è infiammato; si stima che questo colpisca fino al 5% della popolazione del Regno Unito;
  3. Fibrosi – dove l’infiammazione persistente provoca tessuto cicatriziale intorno al fegato e ai vasi sanguigni vicini, ma il fegato è ancora in grado di funzionare normalmente;
  4. Cirrosi  – lo stadio più grave, che si verifica dopo anni di infiammazione, in cui il fegato si restringe e diventa cicatriziale e grumoso; questo danno è permanente e può portare a insufficienza epatica (in cui il fegato smette di funzionare correttamente) e  cancro al fegato.

Possono volerci anni prima che la fibrosi o la cirrosi si sviluppino. È importante apportare modifiche allo stile di vita per evitare che la condizione peggiori.

Ritieni che percorrere la strada della genetica sia la scelta migliore per tutte le patologie che affliggono l’umanità? Ritieni gli approcci tradizionali più affidabili? Parlarcene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI