spacex

SpaceX e T-Mobile: dimenticatevi il 5g

SpaceX e T-Mobile vogliono offrire una copertura Zero-G, che renderebbe obsoleto il 5g

SpaceX e T-Mobile hanno annunciato in questi giorni un piano ambizioso per fornire connettività onnipresente dallo spazio a chiunque abbia un telefono cellulare. Il progetto abbinerebbe la tecnologia satellitare Starlink di SpaceX con il secondo operatore wireless più grande degli Stati Uniti, T-Mobile US, e il suo spettro di banda media, la rete mobile e la vasta base di clienti.

La fornitura di Internet spazio-terra ai telefoni cellulari richiederà a SpaceX di finalizzare lo sviluppo della sua seconda generazione di satelliti Starlink. Questi saranno significativamente più grandi di quelli attuali, che hanno una massa di circa 295 kg. Il fondatore e ingegnere capo di SpaceX, Elon Musk, ha affermato che il progetto potrebbe entrare in “servizio beta” prima della fine del 2023.

Durante un evento dal vivo presso la struttura Starbase di SpaceX nel Texas meridionale, dove la società sta costruendo e testando il suo razzo Starship di nuova generazione, Musk è apparso insieme all’amministratore delegato di T-Mobile US Mike Sievert. L’evento ha avuto un’atmosfera da concerto, con una macchina del fumo, fuochi d’artificio e un sacco di persone che si mescolavano sul palco in magliette nere.

Solo, queste magliette portavano i loghi T-Mobile magenta e SpaceX bianchi e tre prototipi di astronavi facevano capolino sullo sfondo. Le aziende si propongono di fornire un servizio sognato dall’avvento dei telefoni cellulari: nessuna zona morta. “La nostra visione è che se hai una visione chiara del cielo, sei connesso”, ha detto Sievert.

SpaceX e T-Mobile spiegano come funzionerebbe

spacex

Attualmente, un utente del servizio Starlink di SpaceX deve disporre di un terminale a forma di piatto in grado di eliminare Internet a banda larga da uno dei 2.800 satelliti Starlink in orbita terrestre bassa. I satelliti esistenti non sono abbastanza potenti per connettersi a telefoni cellulari molto più piccoli, poiché il segnale è troppo debole.

La soluzione a questo problema sta nell’utilizzare un’antenna phased array molto più potente sulla seconda versione, o V2, dei satelliti Starlink. Musk ha detto che il corpo di questi satelliti sarebbe lungo circa 7 metri e l’antenna si aprirebbe per essere di circa 5 metri di lato, o “circa 25 metri quadrati”. Mentre il satellite ti passerà sopra la testa, questa antenna invierà e riceverà dati lungo un raggio focalizzato che passerà attraverso la superficie del pianeta.

Inizialmente, almeno, il servizio non fornirà un servizio Internet a banda larga. Ma in una tipica cella di servizio, dovrebbe fornire da 2 a 4 megabit di dati, sufficienti per migliaia di chiamate vocali o milioni di messaggi di testo. Ciò consentirebbe la connettività in aree fuori dalla rete o durante situazioni di emergenza come quando un uragano interrompe il servizio a una comunità.

Il telefono cellulare di un utente cercherebbe prima il servizio da una torre di telefoni cellulari, ma se il servizio non venisse rilevato, invece di lasciare l’utente senza barre di servizio, il telefono comincerà a cercare il segnale dallo spazio. Quindi attirerebbe la connettività dal satellite disponibile più vicino, con il software sul satellite che comunica con il telefono cellulare come se fosse un ripetitore virtuale a terra.

Sievert ha affermato che T-Mobile prevede di offrire questo servizio ai suoi utenti gratuitamente sulla maggior parte dei suoi piani esistenti, coprendo inizialmente gli Stati Uniti, comprese Alaska e Hawaii, nonché gran parte degli oceani del mondo. Ha invitato gli operatori di rete mobile stranieri a collaborare con T-Mobile e SpaceX e ad offrire il roaming reciproco in tutto il mondo.

Al di là delle questioni normative, SpaceX deve affrontare diverse sfide importanti per far funzionare tutto questo. Il principale tra questi è la progettazione e la costruzione dei grandi satelliti in grado di parlare con i telefoni cellulari.

“Queste sono le antenne più avanzate al mondo, pensiamo”, ha detto Musk. “Devono captare un segnale molto silenzioso dal tuo cellulare. Immagina, quel segnale deve viaggiare per 500 miglia, e poi essere catturato da un satellite che viaggia a 17.000 mph. Il satellite deve compensare l’effetto Doppler del movimento così veloce.”

Anche i satelliti devono entrare nello spazio. I satelliti V2 sono troppo grandi per la carenatura del carico utile del razzo Falcon 9, che ha un diametro di 5 metri. Quindi i satelliti Starlink V2 a grandezza naturale dovranno attendere che il razzo Starship, molto più grande, diventi online. SpaceX sta lavorando per fare proprio questo presso la struttura Starbase nel sud del Texas, ma i lanci operativi saranno probabilmente tra almeno un anno.

A tal fine, se lo sviluppo di Starship non dovesse avvenire come previsto, Musk ha affermato che SpaceX potrebbe sviluppare un satellite Starlink “V2 mini” che potrebbe adattarsi alla carenatura del carico utile del razzo Falcon 9. Ma sembra chiaro che portare il tipo di connettività globale di cui hanno parlato Musk e Sievert richiederà un sistema di lancio dell’astronave pienamente operativo.

Nei suoi commenti, Musk ha riconosciuto che la società ha molto lavoro tecnico da fare, ma ha affermato che i team di SpaceX hanno fatto grandi progressi. “Quindi è davvero una sfida tecnica piuttosto difficile”, ha detto. “Ma lo stiamo testando in laboratorio e siamo fiduciosi che funzionerà sul campo. Quindi in realtà si tratterà di caricare molto hardware extra sui satelliti, ed è anche molto software. È un problema difficile”.

La competizione

spacex

SpaceX ha già lanciato satelliti per un concorrente in quest’area, Lynk, e dovrebbe lanciare il satellite dimostrativo “BlueWalker 3” per un’altra società, AST Space Mobile, entro la fine dell’anno. Entrambe queste società stanno tentando di fornire un servizio diretto al cellulare.

Lynk afferma di aver già dimostrato con successo la capacità di utilizzare normali telefoni cellulari non modificati per connettersi a servizi Internet satellitari. L’azienda ha attualmente un satellite operativo nello spazio, ma ha in programma di lanciarne di più per fornire un’area di copertura più ampia.

“Elon ha detto che è difficile, ed è stato fatto solo in laboratorio, ma Lynk l’ha già fatto nello spazio”, ha detto in un’intervista giovedì sera Charles Miller, co-fondatore e amministratore delegato di Lynk. “L’unica azienda al mondo che lo ha fatto”.

Lynk ha 14 contratti commerciali con operatori di rete mobile che coprono 35 paesi, ha affermato Miller. La società prevede di ricevere una licenza dalla Federal Communications Commission statunitense entro la fine di quest’anno per iniziare a vendere servizi commerciali in quei paesi.

Mentre Lynk ha un vantaggio e AST Space Mobile un satellite pronto per i test dimostrativi, l’ingresso di SpaceX e T-Mobile, due dei leader mondiali nel volo spaziale e nella connettività, ha creato un livello completamente nuovo di concorrenza. Plausibilmente, potrebbero farcela, dato che SpaceX ha già schierato la più grande costellazione di satelliti del mondo e l’azienda ha una storia di consegna dei suoi nuovi razzi.

Musk e Sievert sembravano divertirsi sul palco e parlavano di altri modi in cui le due compagnie avrebbero potuto collaborare. Starlink, ad esempio, potrebbe fornire capacità di “backhaul” a torri cellulari remote sulla Terra. Ciò significa che i satelliti collegherebbero quelle torri a Internet senza che T-Mobile debba collegare i cavi alle torri.

E forse, un giorno, T-Mobile potrebbe diventare il primo fornitore di servizi cellulari su Marte. “Ci piacerebbe avere T-Mobile su Marte”, ha scherzato Musk durante l’evento.

Che ne pensi di quest’ultima uscita a sorpresa di Musk? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI