Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Sclerosi multipla: perché i pazienti sviluppano disabilità progressiva

Uno studio recente ha dimostrato che le cicatrici del cervello e del midollo spinale nei soggetti con SM possono trasmettere indizi sul motivo per cui alcuni soggetti sviluppano una disabilità progressiva

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Con il termine sclerosi multipla (SM) si intende la formazione cicatrici multiple. Uno studio recente ha dimostrato che le cicatrici del cervello e del midollo spinale nei soggetti con SM possono trasmettere indizi sul motivo per cui alcuni soggetti sviluppano una disabilità progressiva, ma quelle con malattie correlate in cui il sistema immunitario attacca il sistema nervoso centrale non lo fanno.

Sclerosi multipla
Riga superiore: la risonanza magnetica cerebrale mostra macchie bianche, o lesioni, che si verificano durante un attacco di SM, AQP4-NMOSD e MOGAD Riga inferiore: la risonanza magnetica di follow-up mesi o anni dopo mostra che la lesione della SM lascia una cicatrice di dimensioni moderate, la lesione AQP4-NMOSD lascia una piccola cicatrice e la lesione di MOGAD si risolve completamente senza formare una cicatrice. Credito: Mayo Clinic

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Neurology.

Sclerosi multipla: il perché di cicatrici permenenti

Gle esperti  della Mayo Clinic hanno valutato se l’infiammazione porta a cicatrici permanenti in queste tre malattie:

SM
Disturbo dello spettro della neuromielite ottica positivo agli anticorpi anti acquaporina-4
(AQP4-NMOSD)
Disturbo associato agli anticorpi della glicoproteina oligodendrocita mielinica
(MOGAD)

Sclerosi multipla

Gli scienziati hanno ulteriormente osservato in che modo le cicatrici possono essere una ragione per l’assenza di disabilità progressiva lenta in AQP4-NMOSD e MOGAD, rispetto alla SM: “Le differenze nelle cicatrici che abbiamo trovato aiuteranno i medici a distinguere più facilmente queste tre malattie per aiutare nella diagnosi“, afferma Eoin Flanagan, MB, B.Ch., neurologo della Mayo Clinic e autore senior dello studio. “Ancora più importante, i nostri risultati migliorano la nostra comprensione dei meccanismi di danno ai nervi in ​​queste tre malattie e possono suggerire un ruolo importante di tali cicatrici nello sviluppo della disabilità a lungo termine nella SM”.

In tutte e tre queste malattie, il sistema immunitario del corpo prende di mira la mielina, l’isolamento intorno ai nervi. Ciò provoca infiammazione e porta alla rimozione della mielina, chiamata demielinizzazione, all’interno del cervello e del midollo spinale. Problemi visivi, intorpidimento, debolezza o disfunzione intestinale o vescicale sono sintomi comuni. Le aree di demielinizzazione, note come lesioni, appaiono come macchie bianche su una risonanza magnetica.

 I meccanismi di riparazione all’interno del corpo cercano di isolare i nervi e riparare le lesioni, ma questo potrebbe essere incompleto, portando a una cicatrice che rimane visibile nelle future risonanze magnetiche. Proprio come un cavo elettrico senza il suo isolamento, questa cicatrice può lasciare le fibre nervose vulnerabili a ulteriori danni e degenerare nel tempo.

Lo studio ha incluso 156 pazienti, di cui 67 pazienti con SMAQP4-NMOSD, 51e MOGAD, 38. Questi pazienti hanno avuto 172 attacchi, o ricadute, combinati.

Con la SM, i ricercatori hanno scoperto che le aree di infiammazione si sono ridotte solo di dimensioni modeste e hanno portato a una cicatrice di dimensioni moderate. Quando le cicatrici si trovano nelle regioni del cervello e del midollo spinale che controllano i muscoli delle braccia e delle gambe, le fibre nervose possono degenerare e portare a un lento peggioramento della disabilità nel decorso progressivo secondario della SM.

Il nostro studio evidenzia l’importanza dei farmaci per la SM attualmente disponibili che possono prevenire in modo molto efficace attacchi, nuove lesioni e successiva formazione di cicatrici“, afferma Elia Sechi, MD, ex collega della Mayo Clinic e primo autore dello studio. Il Dr. Sechi è ora presso l’Università di Sassari in Sardegna, Italia.

Ma AQP4-NMOSD e MOGAD sono diversi dalla SM in quanto non hanno lo stesso lento peggioramento della disabilità tipico del decorso progressivo nella SM. Con AQP4-NMOSD, durante gli attacchi si verificano ampie aree di infiammazione, che spesso provocano sintomi gravi. Le cicatrici sono comuni, ma tendono ad essere più piccole e in posizioni meno importanti rispetto alla SM. Pertanto, da quelle cicatrici derivano meno problemi a lungo termine.

Con MOGAD, nonostante abbiano ampie aree di infiammazione durante un attacco, i ricercatori hanno scoperto che le lesioni tendevano a scomparire completamente nel tempo e a non lasciare alcuna cicatrice. Ciò si adatta bene all’eccellente recupero dagli episodi e alla buona prognosi generale a lungo termine senza il lento peggioramento della disabilità osservata nella SM.

Le ragioni di questa ripresa non sono chiare, osservano i ricercatori. Può suggerire una maggiore capacità di rimettere la copertura sui nervi o una rimielinizzazione: “Speriamo che la migliore comprensione dei modi in cui MOGAD ripara così bene le sue lesioni possa portare a nuove vie di trattamento per prevenire la formazione di cicatrici nella SM“, afferma il dott. Flanagan.

Potrebbe interessarti...

Scienze

I virus possono uccidere le larve di vespa che vengono gestate all’interno di bruchi infetti

Scienze

Troppo consumo di caffè può causare demenza e ictus?

Scienze

Steven Weinberg muore a 88 anni, la fisica perde un titano

Samsung

Samsung 21 FE si nega ai fan, non ci sarà all’evento dell’11 agosto

Scienze

La foresta amazzonica è in crisi: emessa più Co2 che assorbita

Honor

Honor pronta a lanciare il suo primo smartphone pieghevole?

Cosa ne pensi della distinzione tra i tre tipi di lesioni? Pensi che questo studio debba essere portato avanti? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Miosotis

Si penso dibsi

Letteria Patavino

IO HO LA SCLEROSI MULTIPLA DA 6ANNI PROVATE 5 cure da 10mesi sono in attesa del farmaco Siponimod la mia è una progressiva più I giorni passano più cammino peggio quindi qualsiasi cosa trovano x beneficio che ben venga.

Intel e AMD

20 aprile, 2021

Trump Twitter

20 aprile, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0