Epilessia, TC-2153

La riparazione delle cellule gliali riduce le crisi epilettiche

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Cell Stem Cell, riprogrammare le cellule gliali residenti nel cervello in quelli che sono noti come "interneuroni" (cioè neuroni inibitori che aiutano a tenere a bada l'eccitazione della rete neurale), aiuta l'attività convulsiva cronica nel cervello ad essere smorzata. La speranza dei ricercatori è quella di offrire un potenziale mezzo cellulare per combattere le convulsioni nell'epilessia resistente ai farmaci

Riparare o riprogrammare le cellule gliali può ridurre le crisi epilettiche nei topi. A dichiararlo sono stati gli esperti dei ricercatori dell’Istituto nazionale francese di salute e ricerca medica (INSERM), in collaborazione con l’Istituto di psichiatria, psicologia e neuroscienze (IoPPN) del King’s College di Londra.

Cellule gliali

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Cell Stem Cell.

Cosa sono le cellule gliali?

Le cellule gliali sono state identificate per la prima volta dai principali neuroscienziati del XIX secolo, tra cui Rudolf Virchow, Santiago Ramón y Cajal e Pío del Río-Hortega. A quel tempo, fu suggerito che i glia funzionassero esclusivamente come i cosiddetti “Nervenkitt” (la parola tedesca che sta per “colla per nervi”). Ciò si riflette anche nel nome “cellula gliale” derivato dall’antica parola greca “glía” che significa “colla“.

Le cellule gliali, costituite da microglia, astrociti e cellule del lignaggio degli oligodendrociti come componenti principali, costituiscono una grande frazione del cervello dei mammiferi. Originariamente considerata come un componente puramente non funzionale per i neuroni, decenni di ricerca hanno evidenziato l’importanza e ulteriori funzioni delle cellule gliali. Esse costituiscono, a seconda della specie dei mammiferi, tra il 33 e il 66% della massa cerebrale totale.

Sebbene molti aspetti di queste cellule siano ben caratterizzati oggigiorno, le funzioni delle diverse popolazioni gliali nel cervello in condizioni sia fisiologiche che patologiche rimangono, almeno in una certa misura, irrisolte. Per affrontare queste importanti questioni, è stata sviluppata un’ampia gamma di approcci di deplezione in cui microglia, astrociti o cellule del lignaggio degli oligodendrociti (cioè NG2-glia e oligodendrociti) sono specificamente asportati dalla rete del cervello adulto con una successiva analisi delle conseguenze.

Cellule gliali

Poiché le diverse cellule gliali sono molto eterogenee, è imperativo rimuovere in modo specifico le popolazioni di singole cellule invece di indurre la morte cellulare in tutte le cellule gliali in generale. Grazie ai moderni metodi di manipolazione genetica, gli approcci possono ora essere mirati direttamente al tipo di cellula di interesse, rendendo l’ablazione più specifica rispetto agli approcci di ablazione cellulare generali che sono stati utilizzati in precedenza. 

Cellule gliali ed epilessia: cosa dice lo studio

La ricerca ha dimostrato che riprogrammando le cellule gliali residenti nel cervello in quelli che sono noti come “interneuroni” (cioè neuroni inibitori che aiutano a tenere a bada l’eccitazione della rete neurale), l’attività convulsiva cronica nel cervello può essere allegerita in un modello murino preclinico di epilessiaI ricercatori sperano che questo offra un potenziale mezzo cellulare per combattere le convulsioni nell’epilessia resistente ai farmaci.

Cellule gliali

La ricerca si è concentrata specificamente sull’epilessia del lobo temporale mesiale (MTLE), la forma più comune di “epilessia focale” caratterizzata da crisi spontanee ricorrenti. Sfortunatamente, è anche tra le forme più resistenti al trattamento della malattia, con farmaci antiepilettici e chirurgia resettiva che si rivelano entrambi inefficaci per molti pazienti a lungo termine.

I ricercatori hanno ipotizzato che la rigenerazione dei neuroni tramite un processo noto come “riprogrammazione del lignaggio in vivo” potrebbe aiutare a ridurre il verificarsi di queste crisi resistenti ai farmaci.

Nel corso della ricerca, gli scienziati hanno dimostrato che le cellule gliali potrebbero essere riprogrammate in modo efficiente all’interno del cervello dei topi epilettici in “neuroni indotti” capaci di assumere efficacemente l’identità di interneuroni e formare connessioni sinaptiche nel cervello. Questi interneuroni indotti hanno dimostrato di ridurre il verificarsi di crisi spontanee ricorrenti nei topi studiati.

La riprogrammazione delle cellule gliali in neuroni indotti clinicamente rilevanti è una strategia emergente per il trattamento del funzionamento anomalo del cervello. Per avere un valore terapeutico, è fondamentale che i neuroni indotti possano promuovere il recupero funzionale nel cervello, al fine di ripristinare le funzioni cerebrali perse e/o correggere i deficit funzionali.

Cellule gliali

Il dottor Christophe Heinrich, autore principale dello studio dell’INSERM, ha dichiarato: “Il nostro studio scopre la riprogrammazione glia-neurone come strategia basata sulle cellule per rigenerare gli interneuroni persi nell’epilessia e per combattere le convulsioni resistenti alla terapia. Riteniamo che glia-neurone la riprogrammazione potrebbe servire come strategia innovativa anche nel contesto di altri devastanti disturbi neurologici”.

I ricercatori ora sperano di perfezionare il processo di riprogrammazione glia-neurone verso un miglioramento del ripristino funzionale, con l’ultima speranza di tradurre i risultati a beneficio delle persone che soffrono di epilessia.

L’epilessia è una malattia cronica non trasmissibile del cervello che colpisce circa 50 milioni di persone in tutto il mondo. La proporzione stimata della popolazione generale con epilessia attiva (cioè crisi epilettiche continue o con necessità di trattamento) in un dato momento è compresa tra 4 e 10 per 1000 persone.

A livello globale, si stima che ogni anno a cinque milioni di persone venga diagnosticata l’epilessia. Nei paesi ad alto reddito, si stima che siano 49 ogni 100.000 persone a cui viene diagnosticata l’epilessia ogni anno. Nei paesi a basso e medio reddito, questa cifra può arrivare fino a 139 per 100.000. Ciò è probabilmente dovuto all’aumento del rischio di condizioni endemiche come la malaria o la neurocisticercosi, la maggiore incidenza di incidenti stradali; lesioni legate alla nascita; e variazioni nell’infrastruttura medica, la disponibilità di programmi sanitari preventivi e cure accessibili. Quasi l’80% delle persone con epilessia vive in paesi a basso e medio reddito.

 È caratterizzata da crisi ricorrenti, che sono brevi episodi di movimento involontario che possono coinvolgere una parte del corpo (parziale) o l’intero corpo (generalizzato) e sono talvolta accompagnati da perdita di coscienza e controllo della funzione intestinale o vescicale.

Cellule gliali

Gli episodi di crisi sono il risultato di scariche elettriche eccessive in un gruppo di cellule cerebrali. Diverse parti del cervello possono essere il sito di tali scariche. Le convulsioni possono variare da brevi distrazioni di attenzione o contrazioni muscolari a convulsioni gravi e prolungate. Le convulsioni possono anche variare in frequenza, da meno di 1 all’anno a diverse al giorno.

Un attacco non significa epilessia (fino al 10% delle persone in tutto il mondo ha un attacco durante la loro vita). L’epilessia è definita come avere due o più crisi epilettiche non provocate. L’epilessia è una delle condizioni più antiche riconosciute al mondo, con documenti scritti risalenti al 4000 a.C. Paura, incomprensione, discriminazione e stigma sociale hanno circondato per secoli l’epilessia. Questo stigma continua oggi in molti paesi e può avere un impatto sulla qualità della vita delle persone con la malattia e delle loro famiglie.

Le caratteristiche delle convulsioni variano e dipendono da dove nel cervello inizia il disturbo e fino a che punto si diffonde. Si verificano sintomi temporanei, come perdita di consapevolezza o coscienza e disturbi del movimento, della sensazione (inclusi vista, udito e gusto), dell’umore o di altre funzioni cognitive.

Le persone con epilessia tendono ad avere più problemi fisici (come fratture e lividi da lesioni legate a convulsioni), così come tassi più elevati di condizioni psicologiche, tra cui ansia e depressione. Allo stesso modo, il rischio di morte prematura nelle persone con epilessia è fino a tre volte superiore rispetto alla popolazione generale, con i più alti tassi di mortalità prematura riscontrati nei paesi a basso e medio reddito e nelle aree rurali.

In Italia, gli individui con diagnosi di epilessia sono 500 mila, e ogni anno vengono diagnosticati 36 mila nuovi casi: 20-25 mila con crisi isolate e 12-18 mila con crisi sintomatiche acute. Ben  90 mila sono i bambini fino a 15 anni che ne sono colpiti e che manifestano anche problemi sociali Scatenati da pregiudizi che influenzano negativamente la vita di tutti i giorni.

Cellule gliali

Le cause che portano al manifestarsi di questa patologia neurologica sono varie e nel 30% dei casi la malattia è farmacoresistente.

Giuseppe Zaccaria, presidente dell’Associazione Fuori dall’Ombra Insieme per l’Epilessia, ha spiegato che: ” Una delle criticità più rilevanti è la mancanza di preparazione degli insegnanti e degli operatori scolastici, quindi la paura per il possibile manifestarsi di crisi durante l’orario scolastico o l’incapacità di fronteggiarle da qui si innesca un circuito negativo per cui le famiglie tendono a tacere per evitare discriminazioni, con conseguenze anche rischiose per la salute dei bambini. Inoltre, ad oggi nessuna legge obbliga gli insegnanti a somministrare i farmaci a scuola”.

Esistono attività sportive sconsigliate o non compatibili ma si tratta di casi molto particolari. In tutti i casi di malattia lieve o di media gravità l’attività sportiva è compatibile“, ha continuato Zaccaria, che ha spiegato come “spesso” si richiedono certificati specifici non dovuti: “Si deve diffondere una cultura adeguata per evitare il rischio che la persona taccia sul proprio stato c’è un grande lavoro da fare su palestre e circoli sportivi”.

Secondo Livio Luongo, docente associato di farmacologia all’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli di Napoli: “È stato dimostrato che la neuroinfiammazione ha un ruolo importante nella genesi e nella progressione dell’epilessia. Si accompagna, inoltre, ad un elevato grado di stress ossidativo localizzato, in grado di favorire la comparsa dell’attacco epilettico”.

Ritieni affidabile questa nuova ricerca? Credi che sia importante continuare a finanziarla? Se il trattamento fosse già fruibile in Italia, ti candideresti per provarlo? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI