Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Retinopatia diabetica: chi usa il microinfusore è meno a rischio

Secondo una ricerca portata avanti dai i ricercatori della Johns Hopkins Medicine, del Baylor College of Medicine e dell'Università del Wisconsin e pubblicato sulla rivista scientifica JAMA Network Open, i soggetti con diabete che utilizzano il microinfusore per l'insulina corrono meno rischi di sviluppare la retinopatia diabetica, poiché associato ad un migliore controllo della glicemia

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La retinopatia diabetica è una complicanza del  diabete , causata da alti livelli di zucchero nel sangue che danneggiano la parte posteriore dell’occhio (retina). Può causare cecità se non diagnosticata e non trattata.

Retinopatia diabetica

Un recente studio, sviluppato dai i ricercatori della Johns Hopkins Medicine, del Baylor College of Medicine e dell’Università del Wisconsin, ha dimostrato che il microinfusore ne riduce l’incidenza.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica JAMA Network Open.

Retinopatia diabetica e microinfusore: ecco cosa dice la ricerca

Secondo i ricercatori, i pazienti con diabete di tipo 1 che utilizzano il microinfusore hanno meno probabilità di sviluppare retinopatia diabetica, indipendentemente da altri fattori a rischio, rispetto ai i giovani che somministrano la loro insulina attraverso più iniezioni giornaliere.

Retinopatia diabetica

Sapevamo da studi precedenti che l’uso del microinfusore per l’insulina è associato a un migliore controllo glicemico (la gestione del livello di zucchero nel sangue) e a un livello più basso di emoglobina A1c (HbA1c è la quantità di zucchero attaccato all’emoglobina nei globuli rossi e una misura del livello di zucchero nel sangue), quindi ci aspettavamo che fosse anche associato a un ridotto rischio di complicanze del diabete, come la retinopatia diabetica”, ha spiegato l’autore senior dello studio Risa Wolf, MD, endocrinologo pediatrico del Johns Hopkins Children’s Center e assistente professore di pediatria presso il Johns. Scuola di Medicina dell’Università Hopkins.

 “Ciò che ci ha sorpreso è che gli utenti di pompe per insulina sembrano essere più “protetti” contro la retinopatia, indipendentemente dai loro livelli di A1c“, ha precisato Wolf.

Un altro vantaggio degli infusori per insulina mostrato dal nostro studio è che I pazienti che ne usufruiscono hanno avuto un numero significativamente inferiore di ricoveri per chetoacidosi diabetica, una condizione grave che può portare al coma diabetico o alla morte“, ha affermato lo specialista Roomasa Channa, MD, co-autore senior dello studio e assistente professore di oftalmologia e scienze visive presso la University of Wisconsin School of Medicine and Public Health. 

Retinopatia diabetica

“Questa scoperta, insieme alla nostra prova che l’uso del microinfusore protegge dalla retinopatia, suggerisce che i medici dovrebbero incoraggiare i bambini e gli adolescenti con diabete di tipo 1 a utilizzare questa tecnologia“, ha detto Channa.

Per ottenere questi risultati, i ricercatori hanno esaminato 1.640 bambini e adolescenti con diabete di tipo 1 (74%) o di tipo 2 (26%). L’età media era di quasi 16 anni, con le femmine che rappresentavano il 53% del gruppo. C’era un diverso mix di razze ed etnie: 40% bianco non ispanico, 31% ispanico, 23% non ispanico nero e 6% altro (indiano americano o nativo dell’Alaska, asiatico, nativo hawaiano o isolano del Pacifico e non specificato o non dichiarato).

Complessivamente, 558 su 1.216 pazienti (46%) con diabete di tipo 1 e cinque su 416 pazienti (1,2%) con diabete di tipo 2 hanno utilizzato un microinfusore per l’insulina. La retinopatia diabetica è stata riscontrata in 57 dei 1.640 partecipanti totali, ovvero il 3,5%.

Retinopatia diabetica

Tra quelli con diabete di tipo 1, l’uso del microinfusore per insulina è stato associato a una minore probabilità di retinopatia diabetica, dopo aver valutato altri fattori quali razza ed etnia, stato assicurativo [chi ha un’assicurazione sanitaria privata ha un maggiore accesso a un microinfusore], durata del diabete e il livello di HbA1c“, afferma Wolf.

“I nostri dati hanno anche mostrato inizialmente che i giovani neri avevano 2,1 volte più probabilità di sviluppare retinopatia diabetica rispetto ai giovani bianchi”, ha spiegato Channa: “Tuttavia, la differenza tra i due gruppi non era più significativa dopo aver aggiustato lo stato assicurativo, la durata del diabete, il livello di HbA1c e l’uso della pompa per insulina per i soggetti con diabete di tipo 1″.

Wolf e Channa affermano che l’unica disparità rimasta dopo il controllo di altri fattori era l’uso del microinfusore per insulina.

Retinopatia diabetica

Gli utenti con microinfusore avevano maggiori probabilità di essere caucasici [59%, rispetto al 27% dei giovani neri] e avere un’assicurazione privata o commerciale“, ha affermato Wolf. “Ciò evidenzia l’importanza di assicurarsi che la tecnologia all’avanguardia sia disponibile per tutti i bambini con diabete, con particolare attenzione all’identificazione delle barriere all’accesso e all’aumento dell’uso del microinfusore nelle popolazioni minoritarie”.

Gli gli uomini a cui viene diagnosticato il diabete di tipo 2 (T2D) in giovane età hanno maggiori probabilità di sviluppare retinopatia diabetica rispetto a quelli diagnosticati di età superiore ai 50 anni. I pazienti con diagnosi di diabete di tipo 2 prima dei 40 anni avevano il 72% in più di probabilità di avere la retinopatia rispetto ai maschi che avevano il diabete di tipo 2.

La retinopatia diabetica è una complicanza comune del diabete in cui il danno ai vasi sanguigni della retina può portare alla cecità. Il diabete di tipo 2, la forma più comune di diabete, di solito si verifica nelle persone di mezza età e negli anziani. Tuttavia, l’esordio in età più giovane sta diventando più comune a livello globale.

La dott.ssa Katrina Tibballs e i colleghi dell’Università di Oslo, in Norvegia, hanno analizzato i dati delle cartelle cliniche di 10.242 persone con diabete di tipo 2 per scoprire la prevalenza del diabete giovanile in Norvegia e per esplorare la relazione tra età alla diagnosi e complicanze.Il set di dati era rappresentativo per la Norvegia e l’età media alla diagnosi di diabete di tipo 2 tra tutti i partecipanti era di 56 anni.

Retinopatia diabetica

Lo studio ha rivelato che: 980 (10,2%) avevano il diabete ad esordio giovanile (diagnosi al di sotto dei 40 anni) e la loro età media alla diagnosi era di 33,3 anni. Questo gruppo aveva il diabete di tipo 2 per 11,4 anni, in media, al momento dello studio, ed era il 55,6% di sesso maschile. Il 15,5% aveva retinopatia.

Il loro rischio di retinopatia e malattia coronarica, un’altra complicanza del diabete di tipo 2, è stato confrontato con un gruppo di 6.627 persone a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 2 di età superiore ai 50 anni (insorgenza normale di diabete di tipo 2). L’età media alla diagnosi in questo gruppo era 62,7. Questo gruppo aveva il diabete di tipo 2 per 7,8 anni, in media, al momento dello studio, ed era il 53,4% di sesso maschile. Il 5,9% aveva retinopatia diabetica.

Gli individui diagnosticati prima dei 40 anni avevano, in media, un più alto HbA1c (livello medio di zucchero nel sangue) alla diagnosi rispetto a quelli diagnosticati dopo i 50 anni (7,6% contro 6,9%). In quelli con diabete di tipo 2 a esordio giovanile, i livelli di HbA1c erano più alti già dal momento della diagnosi di diabete, ma aumentavano anche più rapidamente con il tempo. In altre parole, se due persone avessero il diabete di tipo 2 per lo stesso periodo di tempo, i livelli di HbA1c sarebbero probabilmente più alti in quello diagnosticato in età più giovane.

Il rischio di malattia coronarica è fortemente legato all’età in entrambi i gruppi che alla durata del diabete. Il rischio di retinopatia, tuttavia, aumenta con la durata del diabete, con un rischio che cresce in modo particolarmente netto nei soggetti con diabete di tipo 2 a esordio giovanile.

Retinopatia diabetica

Quando altri fattori rilevanti, tra cui la durata del diabete, l’HbA1c, l’età attuale, l’IMC e la pressione sanguigna sono stati considerati, gli uomini con diabete ad esordio giovanile avevano il 72% di probabilità in più di avere retinopatia diabetica rispetto a quelli con diabete di tipo 2 a esordio normale.

A differenza degli uomini con diabete di tipo 2 a esordio giovanile, le donne con diabete di tipo 2 a esordio giovanile non erano a rischio significativamente più elevato di retinopatia rispetto a quelle con diabete di tipo 2 a esordio normale, dopo aver preso in considerazione tutti i fattori sopra menzionati.

L’analisi ha anche mostrato che la retinopatia si è sviluppata prima dopo la diagnosi negli uomini, ma non nelle donne, con T2D a esordio giovanile rispetto a T2D a esordio normale.

Gli autori dello studio affermano che la diagnosi potrebbe avere maggiori probabilità di essere ritardata nei maschi, che tendono a visitare il proprio medico di famiglia meno spesso rispetto alle femmine. Ciò significherebbe che il loro diabete di tipo 2 è rimasto incontrollato più a lungo, aumentando il rischio di complicanze.

Retinopatia diabetica

Inoltre, il T2D ad esordio giovanile può essere una forma più aggressiva della patologia. Il T2D si verifica quando le cellule beta del pancreas non riescono a produrre abbastanza insulina (un ormone che aiuta a trasformare lo zucchero nel cibo in energia) o l’insulina prodotta non funziona correttamente (un fenomeno noto come “resistenza all’insulina”).

I ricercatori affermano che i livelli medi di zucchero nel sangue più alti riscontrati nei soggetti con diabete di tipo 2 a esordio giovanile potrebbero essere un segno di un deterioramento più rapido delle cellule che producono insulina e quindi una forma più grave della malattia.

Dr. Tibballs, un medico di famiglia cob dottorato di ricerca, conclude: “È importante che il diabete di tipo 2 a esordio giovanile venga rilevato abbastanza presto e trattato adeguatamente per ridurre la probabilità di retinopatia e altre complicanze. Le attuali linee guida sulla prevenzione e il trattamento del diabete dovrebbero essere aggiornate per riflettere il maggior rischio di complicanze nei soggetti con diabete ad esordio giovanile , in particolare l’elevato rischio di retinopatia diabetica negli uomini”.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Usi il microinfusore per la somministrazione di insulina? Se pratichi le iniezioni, dopo aver letto questo articolo, saresti più disposto ad usare il microinfusore o continuerai con le classiche iniezioni? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0