Ozono, Crenezumab

Iperglicemia cronica nel diabete 2 compromette la memoria

In una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Communications Biology è stato dimostrato che il diabete è un importante fattore di rischio per lo sviluppo del morbo di Alzheimer e l'iperglicemia cronica nel diabete di tipo 2 altera le prestazioni della memoria, confermando che esiste un collegamento tra le due patologie

L’iperglicemia cronica nel diabete di tipo 2 altera le prestazioni della memoria di lavoro e altera gli aspetti fondamentali delle reti della memoria di lavoro. A dichiararlo è stato un team di neuroscienziati dell’UNLV che ha confermato il legame tra il diabete di tipo II e il morbo di Alzheimer.

Iperglicemia

Glicemia alta (iperglicemia) colpisce le persone che hanno il diabete. Diversi fattori possono contribuire all’iperglicemia nelle persone con diabete, tra cui scelte alimentari e attività fisica, malattie, farmaci non diabetici o saltare o non assumere abbastanza farmaci ipoglicemizzanti.

È importante trattare l’iperglicemia, perché se non trattata, l’iperglicemia può diventare grave e portare a gravi complicazioni che richiedono cure di emergenza, come il coma diabetico. A lungo termine, l’iperglicemia persistente, anche se non grave, può portare a complicazioni a carico di occhi, reni, nervi e cuore.

L’iperglicemia non causa sintomi fino a quando i valori di glucosio non sono significativamente elevati, di solito superiori a 180-200 milligrammi per decilitro (mg/dL) o da 10 a 11,1 millimoli per litro (mmol/L). I sintomi dell’iperglicemia si sviluppano lentamente nell’arco di diversi giorni o settimane.

Più a lungo i livelli di zucchero nel sangue rimangono alti, più gravi diventano i sintomi. Tuttavia, alcune persone che hanno il diabete di tipo 2 da molto tempo potrebbero non mostrare alcun sintomo nonostante i livelli elevati di zucchero nel sangue.

Iperglicemia

Anche alcune patologie o lo stress possono scatenare l’iperglicemia perché gli ormoni prodotti per combattere la malattia o lo stress possono anche causare un aumento della glicemia. Anche le persone che non hanno il diabete possono sviluppare un’iperglicemia transitoria durante una malattia grave. Ma le persone con diabete potrebbero aver bisogno di assumere farmaci antidiabetici extra per mantenere la glicemia quasi normale durante la malattia o lo stress.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Communications Biology.

Iperglicemia cronica e Alzheimer: esiste un legame?

Il diabete è un importante fattore di rischio per lo sviluppo del morbo di Alzheimer, ma non è chiaro il motivo“, ha dichiarato James Hyman, autore dello studio e professore associato di psicologia all’UNLV. “Mostriamo che una caratteristica centrale del diabete, l’iperglicemia, altera l’attività neurale in modi simili a quanto osservato nei modelli preclinici di Alzheimer. Questa è la prima prova che mostra che i cambiamenti dell’attività neurale dovuti all’iperglicemia si sovrappongono a ciò che si osserva nei sistemi di Alzheimer”.

Iperglicemia

Il progetto di ricerca è la continuazione di una collaborazione di sei anni tra Hyman e il coautore Jefferson Kinney, presidente e professore del Dipartimento di Salute del Cervello dell’UNLV, per capire meglio perché il diabete può aumentare il rischio di Alzheimer. Il lavoro è finanziato da una borsa di studio dell’Istituto nazionale sull’invecchiamento: “Poiché il numero di diagnosi di Alzheimer aumenta rapidamente e l’incidenza di diabete e pre-diabete è accelerata, è fondamentale capire cosa collega questi due disturbi“, ha affermato Kinney.

I ricercatori hanno scoperto che due parti del cervello che sono fondamentali per la formazione e il recupero dei ricordi, l’ippocampo e la corteccia cingolata anteriore, erano iperconnesse o ipersincronizzate. Quando è arrivato il momento di ricordare le informazioni corrette utili a completare un compito, queste due parti del cervello, che sono colpite dall’inizio della progressione dell’Alzheimer, hanno interagito eccessivamente tra loro, innescando errori.

“Sappiamo che la sincronia è importante affinché le diverse parti del cervello lavorino insieme. Ma stiamo scoprendo sempre più spesso in questi giorni che la chiave con la sincronia neurale è che deve accadere al momento giusto e deve accadere con controllo“, ha detto Hyman. “A volte, c’è troppo ‘parlare’ tra certe aree e pensiamo che questo porti a difficoltà di memoria, tra le altre cose”.

Iperglicemia

Hyman paragona la situazione a un amministratore delegato che cede la maggioranza delle operazioni commerciali dell’azienda al figlio, che decide quindi di stravolgere le precedenti strutture di comunicazione e diventare l’unico custode delle informazioni.

L’unica comunicazione che il CEO ha è con una persona, invece di parlare con tutte le altre persone in ufficio“, ha cercato di spiegare Hyman. “È possibile che nei malati di Alzheimer ci sia un’eccessiva connessione in alcune aree in cui dovrebbe esserci flessibilità. E nei modelli del nostro studio, stiamo vedendo prove di ciò in tempo reale in questi momenti cruciali per svolgere il compito”.

Questa scoperta più recente non solo fornisce nuove informazioni sull’attività cerebrale nel modello dell’iperglicemia, ma fornisce anche un’ulteriore misura importante che può essere utilizzata per continuare la ricerca: “Il nostro prossimo passo è combinare i marcatori biochimici e i dati elettrofisiologici per testare meccanismi specifici responsabili e potenziali trattamenti”, ha affermato Kinney. “Questa ricerca sarà ora in grado di lavorare per comprendere il rischio e cosa si può fare per aiutare”.

Il diabete di tipo 2 è una condizione comune che causa un aumento eccessivo del livello di zucchero (glucosio) nel sangue. Può altresì causare sintomi come sete eccessiva, bisogno di fare molta pipì e stanchezza . Può anche aumentare il rischio di avere seri problemi agli occhi, al cuore e ai nervi. Si tratta di una patologia permanente che può influenzare la tua vita quotidiana cambiandone i ritmi acquisiti prima dell’insorgenza della malattia.

Iperglicemia

Per poter avere una buona qualità della vita nonostante il diabete di tipo 2, sarà necessario modificare la dieta, assumere farmaci e sottoporsi a controlli regolari il diabete è causato da problemi con una sostanza chimica nel corpo (ormone) chiamata insulina . È spesso collegato all’essere in sovrappeso o inattivo o ad avere una storia familiare di diabete di tipo 2.

Iperglicemia cronica: curare il diabete per tenere a bada l’Alzheimer

I pazienti che assumono farmaci per il diabete di tipo 2 e assumono tutti gli accorgimenti necessari per evitAre condizioni di iperglicemia cronica possono tenere lontano il morbo di Alzheimer. Gli psicologi della USC Dornsife hanno scoperto che quei pazienti con diabete non trattato hanno sviluppato segni della malattia di Alzheimer 1,6 volte più velocemente rispetto alle persone che non avevano il diabete.

“I nostri risultati sottolineano l’importanza di diagnosticare il diabete o altre malattie metaboliche negli adulti il ​​prima possibile“, ha spiegato Daniel A. Nation , psicologo presso l’USC Dornsife College of Letters, Arts and Sciences: “Tra le persone con diabete, la differenza nel loro tasso di sviluppo dei segni di demenza e Alzheimer è chiaramente legata in qualche modo al fatto che siano o meno in cura per questo”.

Iperglicemia

Lo scienziato ha specificato che questo studio potrebbe essere il primo a confrontare il tasso di sviluppo della patologia dell’Alzheimer e della demenza tra persone con normali livelli di glucosio, pre-diabete o persone con diabete di tipo 2, sia trattate che non trattate.

Durante la ricerca, gli scienziati hanno confrontato la “patologia tau“, la progressione dei grovigli cerebrali che sono il segno distintivo dell’Alzheimer. Quando i grovigli si combinano con placche appiccicose di beta-amiloide, una proteina tossica, interrompono i segnali tra le cellule cerebrali, compromettendo la memoria e altre funzioni.

Nation ed Elissa McIntosh, ricercatrice della USC Dornsife, dottoranda in psicologia, hanno analizzato i dati raccolti dall’Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative su 1.289 persone di età pari o superiore a 55 anni. I dati includevano biomarcatori per il diabete e le malattie vascolari, scansioni cerebrali e una serie di indicatori di salute, comprese le prestazioni sui test di memoria.

Per alcuni partecipanti, Nation e McIntosh sono stati in grado di analizzare 10 anni di dati, mentre per altri hanno avuto uno o quattro anni: tra 900 di questi pazienti, 54 avevano il diabete di tipo 2 ma non erano in trattamento, mentre 67 erano in trattamento. La maggior parte delle persone nello studio, 530, aveva normali livelli di zucchero nel sangue mentre 250 aveva il prediabete (iperglicemia).

Iperglicemia

I ricercatori hanno confrontato, tra le diverse categorie di pazienti diabetici, i risultati dei test del cervello e del liquido spinale che possono indicare segni di placche amiloidi e grovigli cerebrali.

“È possibile che i farmaci per il trattamento del diabete possano fare la differenza nella progressione della degenerazione cerebrale “, ha concluso Nation. “Ma non è chiaro come esattamente quei farmaci possano rallentare o prevenire l’insorgenza dell’Alzheimer, quindi è qualcosa che dobbiamo indagare”.

Sempre più spesso, gli scienziati considerano a livello globale, si stima che 462 milioni di persone siano affette da diabete di tipo 2, corrispondenti al 6,28% della popolazione mondiale. Più di 1 milione di decessi sono stati attribuiti a questa condizione solo nel 2017, classificandola come la nona causa di mortalità. Si tratta di un aumento allarmante rispetto al 1990, quando il diabete di tipo 2 era classificato come la diciottesima causa di morte. In termini di sofferenza umana (DALY), il diabete è la settima malattia più importante. il morbo di Alzheimer il risultato di una cascata di molteplici problemi, invece che innescato da uno o due fattori. I fattori stessi di composizione vanno dall’esposizione all’inquinamento e dalla genetica (il gene ApoE4, per esempio) alle malattie cardiache e metaboliche.

Iperglicemia

A livello globale, si stima che 462 milioni di persone siano affette da diabete di tipo 2, corrispondenti al 6,28% della popolazione mondiale (Tabella 1). Più di 1 milione di decessi sono stati attribuiti a questa condizione solo nel 2017, classificandola come la nona causa di mortalità. Si tratta di un aumento allarmante rispetto al 1990, quando il diabete di tipo 2 era classificato come la diciottesima causa di morte. In termini di sofferenza umana (DALY), il diabete è la settima malattia più importante.

 

 

 

 

 

 

Cosa ne pensi di questo approfondimento sul legame tra Alzheimer e diabete di tipo 2? Pensi siano necessari ulteriori studi? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI