Diabete di tipo 1, Mounjaro, empagliflozin

Remissione del diabete 2: stabiliti standard internazionali

I soggetti colpiti diabete 2 possono raggiungere la "remissione" mantenendo normali livelli di zucchero nel sangue per almeno tre mesi senza assumere farmaci per il diabete. Nonostante questo studio portato avanti da Endocrine Society, l'Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), c'è ancora molta incertezza su quanto durerà la remissione e su quali fattori sono associati a una ricaduta. Un importante risultato invece arriva da pazienti trattati con un intervento con bypass gastrico: tre quarti degli individui con diabete 2 che hanno subito un intervento chirurgico all'obesità noto come Roux-en-Y gastrico l'intervento chirurgico di bypass (RYGB) hanno registrato la remissione del diabete entro un anno dal trattamento

La remissione del diabete 2 dovrebbe essere calcolata nei pazienti che hanno mantenuto normali livelli di zucchero nel sangue per tre mesi o più. A dichiararlo è la Endocrine Society, l’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), Diabetes UK e American Diabetes Association.

Diabete 2

Lo studio è stato co-pubblicato sulle riviste scientifiche Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism , Diabetologia , Diabetic Medicine and Diabetes Care.

Remissione del diabete 2: cosa dice la ricerca

Circa il 10% della popolazione degli Stati Uniti ha il diabete e questi numeri continuano ad aumentare. Le persone con diabete 2 possono raggiungere la “remissione” mantenendo normali livelli di zucchero nel sangue per almeno tre mesi senza assumere farmaci per il diabete.

Diabete 2

 C’è ancora molta incertezza su quanto durerà la remissione e su quali fattori sono associati a una ricaduta. Una persona può richiedere un supporto continuo per prevenire una ricaduta o un episodio iperglicemico e gli effetti a lungo termine della remissione sulla mortalità, sulla salute del cuore e sulla qualità della vita non sono ben compresi.

Il nostro gruppo internazionale di esperti suggerisce un livello di HbA1c (zucchero medio nel sangue) inferiore al 6,5% almeno tre mesi dopo l’interruzione dei farmaci per il diabete come consueto criterio diagnostico per la remissione del diabete”, ha affermato l’autore della dichiarazione e membro della Endocrine Society Matthew Riddle dell’Oregon Health. & Science University di Portland, Oregon.

Riddle è presidente del gruppo di scrittura del consenso sulla remissione del diabete che ha sviluppato la dichiarazione. “Abbiamo anche fornito suggerimenti per i medici che osservano i pazienti in remissione e discusso ulteriori domande e bisogni insoddisfatti per quanto riguarda i predittori e gli esiti”.

Gli autori hanno sviluppato i seguenti criteri per aiutare medici e ricercatori a valutare e studiare la remissione del diabete utilizzando una terminologia e metodi più coerenti:

La remissione dovrebbe essere definita come un ritorno di HbA1c a meno del 6,5% che si verifica spontaneamente oa seguito di un intervento e che persiste per almeno tre mesi in assenza della consueta farmacoterapia ipoglicemizzante.

  •   Quando si determina che l’HbA1c è un marker inaffidabile del controllo glicemico a lungo termine, è possibile utilizzare come criteri alternativi la glicemia a digiuno inferiore a 126 mg/dL (<7,0 mmol/L) o l’HbA1c stimata inferiore al 6,5% calcolata dai valori CGM .
  • Il test dell’HbA1c per documentare una remissione deve essere eseguito appena prima di un intervento e non prima di tre mesi dall’inizio dell’intervento o dalla sospensione di qualsiasi farmacoterapia ipoglicemizzante.
  • Test successivi per determinare il mantenimento a lungo termine di una remissione dovrebbero essere eseguiti almeno una volta all’anno, insieme ai test raccomandati di routine per le potenziali complicanze del diabete.

“La remissione del diabete potrebbe verificarsi più spesso a causa dei progressi nel trattamento”, ha affermato Amy Rothberg dell’Università del Michigan ad Ann Arbor, nel Michigan. Rothberg rappresenta la Endocrine Society come membro del gruppo di scrittura del consenso sulla remissione del diabete. “Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la frequenza, la durata e gli effetti sugli esiti medici a breve e lungo termine della remissione del diabete di tipo 2 utilizzando gli interventi disponibili”.

Remissione del diabete 2: con l’intervento di bypass gastrico è possibile

Un altro studio pubblicato su Diabetologia (la rivista della European Association for the Study of Diabetes [EASD]) ha invece scoperto che tre quarti degli individui con diabete 2 (T2D) che sono stati trattati con un intervento chirurgico all’obesità noto come Roux-en-Y gastrico l’intervento chirurgico di bypass (RYGB) hanno registrato la remissione del diabete entro un anno dal trattamento.

Diabete 2

La ricerca è stata condotta dal dottor Lene R Madsen, il professor Bjørn Richelsen e colleghi di Aarhus University Hospital, Aarhus, Danimarca.

Negli ultimi 20-30 anni, la chirurgia bariatrica è diventata un trattamento comune per l’obesità negli individui con e senza T2D. Fino a poco tempo fa la chirurgia RYGB era il metodo di scelta, specialmente per le persone con obesità e diabete 2, e gli studi clinici hanno riportato una remissione a breve termine del diabete in circa il 75-90% dei pazienti.

I predittori di una maggiore probabilità di successo includono il paziente più giovane, livelli di emoglobina glicata più bassi (HbA1c, che è un’indicazione di livelli di glucosio nel sangue più bassi e quindi di controllo della glicemia), durata più breve e minore gravità del diabete e l’individuo è maschio. I dati emergenti di follow-up a lungo termine hanno anche rivelato un rischio considerevole di ricomparsa della malattia dopo il periodo di remissione iniziale.

Questo studio ha analizzato l’effetto del RYGB sulla remissione del diabete e i fattori che lo prevedono, insieme alla probabilità di ricaduta. Ha inoltre studiato il rischio di complicanze chirurgiche e l’incidenza di complicanze microvascolari e macrovascolari.

Il team ha scelto un gruppo di 1111 individui con T2D che sono stati trattati con la chirurgia RYGB negli ospedali della Danimarca settentrionale dal 2006 al 2015 e li ha confrontati con una coorte abbinata di 1074 pazienti con T2D che non sono stati operati. La remissione del diabete è stata definita come nessun uso di farmaci ipoglicemizzanti insieme a HbA1c <48 mmol/mol (<6,5%), o metformina in monoterapia con HbA1c <42 mmol/mol (<6,0%).

Sono stati utilizzati vari registri medici per ottenere dati sulle complicanze postoperatorie e la recidiva è stata definita come HbA1c che aumenta a 48 mmol/mol o superiore, o al paziente a cui sono stati prescritti farmaci ipoglicemizzanti dopo un’interruzione iniziale. La salute dei partecipanti è stata seguita fino alla fine del periodo di studio (31 dicembre 2015), tranne nei casi in cui avevano lasciato la Danimarca settentrionale o erano morti prima di tale data.

Durante i primi 6 mesi dopo l’operazione, il 65% dei pazienti RYGB ha avuto il diabete in remissione. Questo è salito al 74% a 6-12 mesi ed è rimasto al di sopra del 70% per ogni periodo di 6 mesi nei primi 5 anni dopo la procedura. Tra coloro che erano in remissione entro il primo anno di follow-up, il 6%, 12%, 18% e 27% aveva subito una recidiva a 2, 3, 4 e 5 anni, rispettivamente, quindi il 73% di quelli in remissione dopo un anno erano ancora indenni dalla malattia 5 anni dopo il loro intervento.

Gli autori notano che il più forte predittore di un paziente che non va in remissione era se avesse bisogno di insulina per controllare la sua malattia.

Ciò ha comportato un tasso di remissione inferiore del 43% rispetto alla media della coorte. Altri fattori includevano l’età con partecipanti di età pari o superiore a 60 anni con un tasso di remissione inferiore del 17% rispetto a quelli sotto i 40 anni, nonché un livello medio di HbA1c iniziale inferiore (48 vs 57 mmol/mol). Il gruppo di remissione ha avuto anche una durata media inferiore di convivenza con la malattia a 2,6 anni, rispetto a 7,0 anni per il gruppo di non remissione.

Durante il periodo di follow-up dello studio (mediana 5,3 anni di follow-up), gli autori hanno anche scoperto che il rischio di complicanze microvascolari era del 47% inferiore nel gruppo RYGB rispetto alla popolazione di controllo, con ampie diminuzioni del rischio di diabete retinopatia (48%) e malattia renale diabetica (46%). C’è stato un impatto minore sul rischio di eventi macrovascolari, che era inferiore del 24% tra i pazienti che avevano ricevuto chirurgia bariatrica, tuttavia, questa differenza non era abbastanza grande da raggiungere una significatività statistica.

La riammissione a causa di complicazioni chirurgiche durante i 30 giorni dopo l’intervento chirurgico RYGB si è verificata nel 7,5% dei pazienti, che gli autori sottolineano è “più alta di quanto precedentemente riportato tra gli individui operati con RYGB in generale (3,3%), molto probabilmente perché il diabete di tipo 2 di per sé”. dispone di complicazioni chirurgiche.” Aggiungono, tuttavia, che la mortalità chirurgica a breve termine era molto bassa (sotto lo 0,5%).

Gli autori affermano: “I risultati di questo studio si aggiungono al crescente corpo di prove sugli effetti della chirurgia bariatrica , specificando che il RYGB causa la remissione del diabete di tipo 2 ed è associato a un ridotto rischio di complicanze microvascolari e forse macrovascolari… I predittori del successo della remissione sembrano essere molto coerenti in studi randomizzati controllati, studi di coorti selezionate e studi basati sulla popolazione”.

Aggiungono: “D’altra parte, c’è un rischio sostanziale di ricaduta nel diabete di tipo 2, che dovrebbe essere preso in considerazione quando si consigliano i pazienti e si pianificano le cure post-operatorie”.

Remissione del diabete 2: La quantità del peso corporeo perso è collegata alla remissione?

Anche secondo gli studi condotti in Italia la remissione del diabete di tipo 2 è legata alla perdita di peso, in modo particolare nei soggetti che hanno un calo ponderale significativo, sono più giovani e sono colpite da diabete 2 da meno tempo. Questi Sono i risultati di una revisione degli studi basati sull’approccio dietetico per la remissione della malattia, presentati al congresso virtuale ObesityWeek 2020.

Diabete 2

Non possiamo più dire ai nostri pazienti che il diabete è una malattia cronica” ha dichiarato nella sua presentazione al congresso il primo autore dello studio Ebaa Al Ozairi, responsabile scientifico del Dasman Diabetes Institute in Kuwait.

“Dobbiamo dare loro speranza dal momento che oggi sappiamo che la remissione del diabete non è una chimera ma una realtà. Dobbiamo davvero ripensare alla gestione del diabete di tipo 2: se viene trattato precocemente possiamo ottenere la remissione (definita dal raggiungimento di livelli di emoglobina glicata del 5,7% senza farmaci ipoglicemizzanti per almeno 1 anno)“, ha continuato Ebaa Al Ozairi.

Per ottenere la remissione del diabete 2 è possibile sfruttare diversi approcci dietetici. Nello studio randomizzato Look AHEAD, i partecipanti volontari con diabete  2 e sovrappeso o obesità hanno effettuato un cambiamento importante del loro stile di vita concentrato sulla perdita di peso, grazie ad combinazione di un’alimentazione sana e di un incremento dell’ attività fisica.

Dopo 1 anno, l’11% dei partecipanti ha ottenuto la remissione completa o parziale del diabete 2, rispetto al solo 2% del gruppo di controllo senza intervento. Dopo 4 anni la remissione completa o parziale si è verificata nel 7,3% del primo gruppo, mentre i controlli sono rimasti al 2%.

Due studi basati su una dieta liquida ipocalorica combinata con un cambiamento drastico sullo stile di vita hanno mostrato evidenze di remissione del diabete. Nello studio britannico controllato e randomizzato DiRECT, 149 partecipanti con diabete di tipo 2 da meno di 6 anni ai quali non veniva somministrata insulina sono stati randomizzati a un gruppo sottoposto a un intervento intensivo per la perdita di peso o a un gruppo di controllo. Dopo 12 mesi ha raggiunto la remissione il 68% dei pazienti nel gruppo di intervento rispetto al 4% dei controlli e dopo 24 mesi la prevalenza della remissione del diabete nel primo gruppo era del 36% rispetto al 3% dei controlli.

Gli esperti hanno così rivelato che la remissione del diabete era correlata alla quantità di peso perso. Dei 36 pazienti che avevano perso almeno 15 kg durante lo studio, l’86% ha raggiunto la remissione. Lo stesso per circa il 57% dei 28 soggetti che avevano perso tra i 10 e i 15 kg, il 34% di quanti avevano perso 5-10 kg e solo il 7% dei soggetti che avevano perso meno di 5 kg.

Anche ridurre il grasso epatico può favorire la remissione: “L’aumento della disponibilità di grasso nel fegato porterà a un eccesso di grassi nel flusso sanguigno, con conseguente aumento di grasso pancreatico e danno alle cellule beta” ha commentato Al Ozairi.

L’aumento della disponibilità di grasso nel fegato porterà a un eccesso di grassi nel flusso sanguigno, con conseguente aumento di grasso pancreatico e danno alle cellule beta” ha commentato. “Dobbiamo invertire il processo il prima possibile, riducendo il grasso epatico, quindi quello pancreatico e preservando le cellule beta. L’importante è tenere presente che recuperare il peso perso aumenterà nuovamente il grasso pancreatico e la malattia si ripresenterà. Basta un aumento 0,5 grammi di grasso pancreatico per portare allo sviluppo del diabete di tipo 2“.

Il diabete 2 è una forma di diabete tipica dell’età matura. Questa forma di malattia si distingue perché non viene prodotta una quantità sufficiente di insulina necessaria a soddisfare le richieste dell’organismo, si parla quindi di deficit di secrezione di insulina, oppure l’insulina prodotta non agisce in maniera soddisfacente, in questo caso si parla di insulino resistenza.

Entrambi i casi sono caratterizzati da un conseguente incremento dei livelli di glucosio nel sangue, chiamata iperglicemia. Questo tipo di diabete è detto non insulino-dipendente perché l’iniezione di insulina esterna, a differenza del diabete di tipo 1, non è di vitale per la sopravvivenza per il soggetto colpito dalla patologia.

Le cause che possono fare sviluppare il diabete 2 interessano, in linea di massima, i fattori ereditari ed ambientali. Diversi studi hanno rivelato che esiste un fattore di trasmissione ereditario, non del tutto conosciuto dalla comunità scientifica, che espone alcune popolazioni o addirittura alcune famiglie a tale patologia.

Un’altra causa non trascurabile dell’insorgenza del diabete di tipo 2 è l’obesità: le cellule hanno bisogno di zucchero per vivere, tanto maggiore è il numero di cellule da alimentare tanto maggiore sarà il fabbisogno di insulina. Nei soggetti obesi, quindi, l’insulina viene prodotta ma non in quantità sufficiente per soddisfare le esigenze dell’organismo.

Il soggetto colpito da diabete 2 è quindi generalmente una persona della seconda o terza età, con un peso superiore a quello ideale, spesso con parenti di primo grado diabetici.

Conoscevi la possibilità di ottenere una remissione del diabete 2 attraverso uno stile di vita più sano? Saresti disposto a sottoporti ad una dieta o all’intervento chirurgico del bypass gastrico per non dover avere più niente a che fare con questa patologia? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI