Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Proteina serpina5: gene che la codifica aggrava l’Alzheimer

Secondo la nuova ricerca, il gene che codifica la proteina serpina5 può aggravare i grovigli di proteine tau, caratteristici della malattia di Alzheimer

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

4 1 voto
Voto iCrewers

Una equipe di esperti della Mayo Clinic ha dichiarato che il gene che codifica le proteine ​​SERPINA5 può peggiorare i grovigli di proteine ​​tau, tipici della malattia Alzheimer. La ricerca si è basata su campioni di tessuto cerebrale a cui sono stati applicati le conoscenze scientifiche disponibili e l’intelligenza artificiale.

Serpina5

Lo studio “Transcriptomic analysis to identify genes associated with selective hippocampal vulnerability in Alzheimer’s disease” di Melissa Murray et al. è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature Communications.

Serpina5: qualche dettaglio sulla ricerca

Lo studio si è basato su campioni di tessuto da 385 cervelli donati alla Mayo Clinic Brain Bank, che ospita oltre 9.000 campioni di tessuto cerebrale per lo studio dei disturbi neurodegenerativi. I campioni appartenevano ad individui con diagnosi di Alzheimer e prive di ulteriori malattie coesistenti. I campioni sono stati utilizzati per classificare il pattern dei grovigli di proteine ​​associati all’Alzheimer. Quindi il gruppo di ricerca ha utilizzato le conoscenze di Patologia digitale e il sequenziamento dell’RNA per individuare l’espressione genica nei campioni, che misura efficacemente i cambiamenti genetici responsabili dell’istruzione delle proteine.

Serpina5

Melissa Murray, Ph.D., neuropatologa traslazionale della Mayo Clinic e autrice principale dell’articolo, ha spiegato: “Siamo stati in grado di esaminare un intero spettro di malattie e trovare cambiamenti genetici che possono davvero influenzare l’ippocampo, il centro della memoria del cervello. Ciò significa che potremmo avere obiettivi che indicano perché alcune persone hanno una conservazione relativa e alcune persone hanno una relativa esacerbazione dei sintomi di perdita di memoria”.

Per portare avanti il lavoro, gli studiosi si sono serviti di un algoritmo di apprendimento automatico; successivamente gli esperti hanno ridotto i geni di interesse da circa 50.000 a cinque. Il miglior candidato, SERPINA5, è risultato fortemente associato alla progressione del groviglio tau nell’ippocampo e nella corteccia dei campioni: “Gran parte del focus delle terapie è sulle proteine ​​anormali? amiloide e tau? utilizzato per definire biologicamente la malattia di Alzheimer “, afferma la dottoressa Murray. “Ma speriamo di fare un passo indietro per esaminare un nuovo partner interagente che potrebbe effettivamente accelerare la tau o spingere l’accumulo di tau oltre il punto di svolta”.

“Sebbene abbiamo prove dirette di SERPINA5 nel contesto della malattia di Alzheimer, SERPINA3 in questa stessa famiglia di geni è stata osservata anche nell’Alzheimer e SERPINA1 nella SLA. Quindi penso che si tratti di consapevolezza collettiva e di prestare attenzione a questo gruppo di proteine ​​“, ha concluso Murray.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Pensi sia importante concentrarsi su questi studi per approdare a terapie efficaci che combattano il morbo di Alzheimer o credi sia meglio dare più spazio alla prevenzione? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pasquale Pellicoro
Voto iCrewers :
     

Sperò che si approfodisca sulla proteina serpina 5 in modo da modificare la risposta di questa proteina per curare l alzheimer ,anche perché nel mondo ci sono milioni di persone con questa terribile malattia.Sarebbe la scoperta del secolo , visto che ormai da decenni di ricerca ad oggi non si è ancora scoperta una cura efficace

Vincenzo Casadio

La prevenzione è sempre da tener presente tenacemente per evitare il sorgere di malattie, ma quando queste si sono già rivelate è ovvio che ci si debba concentrare per trovare i rimedi, specie per quelle invalidanti e progressive che fanno star male i malati e le loro famiglie e provocano anche la morte.

Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
1+