Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
placebo

Placebo, alla scoperta del loro potere

I placebo sono pillole che non contengono medicinali, ma a volte possono farti sentire meglio

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

L’effetto placebo si basa sul fatto che hai la convinzione che prendere medicine può aiutarti a sentirti meglio. Ma cosa succede se prendi una pillola che non contiene medicine? A volte anche questo può farti sentire meglio, ed ecco spiegato il placebo.

Ohwww! Una bambina piange dopo essere caduta e aver urtato il ginocchio. Suo padre si precipita e ispeziona la gamba. “Lo bacerò e lo renderò migliore”, dice. Il bacio funziona. La ragazza tira su col naso, si asciuga gli occhi, poi balza in piedi e torna a giocare. Il suo dolore è dimenticato.

Scene come questa accadono ogni giorno nei parchi giochi e nelle case di tutto il mondo. Quando un bambino ha un bernoccolo o un livido in Germania, dice Ulrike Bingel, “qualcuno spazzerà via il dolore”. Bingel è medico e neuroscienziato presso l’Università di Duisburg-Essen in Germania.

Un adulto premuroso può apparentemente fermare il dolore di un bambino con un soffio d’aria, un bacio o anche solo poche parole gentili. Naturalmente, nessuna di queste cose può riparare la pelle danneggiata. Quindi cosa sta succedendo? I medici lo chiamano effetto placebo. Descrive cosa succede quando qualcosa che non dovrebbe avere alcun effetto innesca un cambiamento reale e positivo nel corpo di qualcuno.

I placebo sono una parte molto importante della ricerca medica. Per dimostrare che un nuovo farmaco funziona, i ricercatori devono dimostrare che le persone che lo assumono migliorano più di quelle che assumono un placebo. Questo placebo è solitamente una pillola che ha lo stesso aspetto del trattamento ma non contiene alcun medicinale. A volte una persona può sentirsi meglio dopo aver preso una pillola placebo, anche se la pillola non ha agito su alcuna malattia o sintomo.

Questa risposta al placebo non è un’illusione. Viene dal cervello. Un effetto placebo può influenzare solo i processi corporei che il cervello può modificare, come il dolore o la digestione. Kathryn Hall è una ricercatrice medica presso il Brigham and Women’s Hospital di Boston, Massachusetts. “I placebo non fanno nulla per i batteri”, dice. “I placebo non possono combattere il cancro. Non possono combattere i virus”.

Ma possono cambiare la forza con cui qualcuno prova dolore o altri sintomi. Hall, Bingel e i loro team stanno lavorando per capire meglio quali processi cerebrali fanno sì che ciò accada. Altri ricercatori stanno cercando di capire perché l’effetto placebo funziona. Ted Kaptchuk dirige il programma in studi sul placebo e l’incontro terapeutico. È al Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, Massachusetts.

Il suo gruppo ha scoperto che i trattamenti con placebo funzionano meglio quando un medico trascorre più tempo di qualità con un paziente. La cosa più sconcertante di tutte, la loro ricerca ha dimostrato che un placebo può funzionare anche quando la persona che lo assume sa che non è un vero farmaco.

Placebo: nessun trucco per questo trattamento

placebo

Per molto tempo, i medici avevano pensato che un paziente dovesse credere che un placebo fosse un vero farmaco perché avesse un effetto. (Quel bacio magico sul ginocchio non funziona altrettanto bene su un adolescente, che non crede più in queste cose.) Se una persona si aspetta che un trattamento funzioni, spesso lo fa. È vero anche il contrario. Quando qualcuno si aspetta o crede che un trattamento farà male o fallirà, potrebbe avere un risultato negativo, anche quando non ha ricevuto il vero trattamento. Questo è noto come effetto nocebo.

I ricercatori che testano nuovi farmaci cercano di assicurarsi che tutti i soggetti coinvolti abbiano le stesse aspettative. Lo fanno creando una sperimentazione clinica in doppio cieco. I volontari vengono scelti a caso per prendere una medicina vera o un falso mimetico. I medici e i volontari non scoprono chi stava prendendo cosa, fino alla fine del processo. Se il gruppo che ha preso la vera medicina migliora più di quelli che hanno preso il placebo, allora la vera medicina deve avere un effetto significativo.

Sembrava che dovessi ingannare il paziente perché l’effetto placebo funzionasse. Kaptchuk si chiese se fosse vero. Con sua sorpresa, nessuno aveva testato l’idea. Quindi, a partire dal 2010, ha condotto una serie di studi pilota che studiavano i placebo in aperto. Questi sono placebo che sia il medico che il paziente conoscono.

Ogni prova ha coinvolto una condizione medica diversa. Il team ha selezionato condizioni che in genere mostrano forti effetti placebo negli studi clinici. Uno era la sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Le persone con questo disturbo sperimentano frequenti attacchi di diarrea o stitichezza. Molti soffrono anche di dolori intestinali. Altri studi hanno coinvolto il mal di schiena cronico e l’affaticamento correlato al cancro.

In quest’ultimo, i pazienti si sentono straordinariamente stanchi come effetto collaterale del loro cancro o del loro trattamento contro il cancro. In ogni prova, metà dei partecipanti ha seguito la normale routine di trattamento per la propria condizione. L’altra metà ha aggiunto una pillola placebo. Un medico ha incontrato ogni paziente e ha spiegato che il placebo era una pillola piena di cellulosa, una sostanza che non ha alcun effetto sul corpo.

Hanno anche spiegato che negli studi clinici tipici, molti pazienti con questa condizione sono migliorati con i placebo. Nessuno aveva mai testato cosa succede se il paziente sa del placebo. “I pazienti spesso lo considerano ridicolo e pazzo e si chiedono perché lo faranno”, ha detto Kaptchuk in un podcast del 2018. Sapeva che il placebo in aperto non avrebbe curato nessuno. Ma sperava che potesse aiutare alcune persone a sentirsi meglio. E lo ha fatto.

I pazienti che hanno assunto placebo in aperto hanno riportato miglioramenti in più rispetto a quelli che non lo hanno fatto. Quando Bingel ha sentito parlare di questi risultati, ricorda di aver pensato: “È pazzesco! È troppo bello per essere vero.” Ma poi ha creato il suo studio. Il suo team ha lavorato con 127 persone che soffrivano di mal di schiena cronico. Con sua grande sorpresa, i placebo in aperto hanno funzionato per alleviare i sintomi anche in queste persone.

Rispetto ai pazienti che non hanno avuto cambiamenti nel trattamento, i pazienti del placebo hanno riportato meno dolore. Avevano anche meno difficoltà con le routine quotidiane e si sentivano meno depressi per la loro condizione. La gamma di movimento per le loro spalle, tuttavia, non è cambiata. Non erano stati curati. Si sentivano solo meglio. Il suo team ha condiviso i suoi risultati nel numero di dicembre 2019 della rivista Pain.

Nel frattempo, la squadra di Kaptchuk aveva organizzato un processo molto più ampio. Comprendeva 262 adulti con IBS. Anthony Lembo ha co-diretto questo studio presso il Beth Israel Deaconess Medical Center. Come gastroenterologo a Boston, Lembo è un medico specializzato nell’intestino. Il suo team ha incontrato i pazienti per spiegare lo studio. Tutti i pazienti hanno continuato a ricevere il loro tipico trattamento per l’IBS.

Un gruppo non ha fatto altro. Un secondo gruppo ha aggiunto il placebo in aperto. Un terzo gruppo ha preso parte a un tipico studio in doppio cieco. In questo gruppo, durante la sperimentazione nessuno sapeva chi stava assumendo un placebo rispetto all’olio di menta piperita. L’olio di menta piperita è un principio attivo che può aiutare ad alleviare i sintomi dell’IBS.

I ricercatori li hanno fatti compilare un sondaggio sulle loro aspettative. Molti pazienti erano scettici, dice Lembo. Molti pensavano che i placebo non avrebbero fatto nulla. Alla fine, “non importava davvero se dubitavi del processo”, afferma Lembo. Gli scettici avevano le stesse probabilità di migliorare il placebo in aperto come chiunque altro.

Quasi la metà dei pazienti che hanno ricevuto il placebo in aperto ha manifestato sintomi molto più lievi del solito. Anche una porzione simile di pazienti che hanno ricevuto il placebo in doppio cieco è migliorata. Solo circa un terzo del gruppo che ha continuato il trattamento tipico ha sperimentato questo livello di sollievo. Non importava se il placebo fosse camuffato o meno. I risultati sono apparsi questa primavera su Pain del 12 febbraio.

Alcuni di coloro che hanno partecipato “volevano continuare il placebo”, afferma Lembo. È complicato perché non può ancora prescrivere un placebo in aperto. Questi sono realizzati appositamente in una farmacia di ricerca. È importante assicurarsi che la pillola non sia realmente attiva.

“Non possiamo semplicemente distribuirlo come una TicTac o qualcosa del genere”, afferma John Kelley. È uno psicologo che lavora con Lembo e Kaptchuk nel programma di studi sul placebo. Presto, tuttavia, il team spera di reclutare medici per aiutarli a testare le prescrizioni di placebo in aperto per l’IBS o altre condizioni simili nel mondo reale.

Il cervello e il dolore

placebo

La più grande barriera per rendere i placebo parte del trattamento è convincere altri medici che è una buona idea, afferma Lembo. “Siamo formati alla scuola di medicina per somministrare farmaci attivi”, spiega. I placebo non hanno alcun ingrediente attivo. Possono, tuttavia, stimolare il cervello a fare cose piuttosto interessanti.

Durante una risposta placebo al dolore, il cervello rilascia sostanze chimiche antidolorifiche chiamate endorfine. Se i ricercatori danno a qualcuno un farmaco che impedisce a queste sostanze chimiche di svolgere il loro lavoro, un placebo non può ridurre il dolore. La risposta al placebo induce anche il cervello a rilasciare dopamina. Questa sostanza chimica è coinvolta ogni volta che il tuo cervello è stato portato ad aspettarsi una ricompensa. Può anche ridurre la tua sensibilità al dolore.

Il dolore è un’esperienza complessa. Inizia con segnali che viaggiano sui nervi attraverso la colonna vertebrale e fino al cervello. Segnali più forti dal corpo generalmente equivalgono a più dolore. Ma altri fattori possono alterare il modo in cui qualcuno prova dolore. Se sei annoiato e solo e una zanzara ti punge, il morso ti pruderà e ti farà male. Ma se vieni morso mentre guardi Star Wars, sei così distratto che “probabilmente non te ne accorgerai nemmeno”, dice Bingel. Anche lo stress di una partita sportiva o di una situazione pericolosa può a volte ridurre il dolore.

Tor Wager è un neuroscienziato al Dartmouth College di Hannover, N.H. Lui e Bingel volevano sapere quanto profondamente si estende l’effetto placebo nel sistema del dolore del cervello. Nel 2021, hanno analizzato i dati di 20 diversi rapporti. Ogni studio aveva scansionato il cervello delle persone mentre sperimentavano un effetto placebo.

I placebo possono attutire i segnali di dolore provenienti dai nervi, hanno appreso. Per alcune persone, è come se il cervello “chiudesse il rubinetto”, dice Wager. La maggior parte dell’azione, dice, sembra avvenire all’interno dei sistemi cerebrali che gestiscono la motivazione e la ricompensa.

Questi sono i sistemi che gestiscono la tua convinzione sul tuo dolore.

placebo

I placebo non attivano il cervello allo stesso modo in tutte le persone. Capire perché è il fulcro della ricerca di Hall al Brigham and Women’s Hospital. Alcuni geni rendono le persone più o meno propense a rispondere al trattamento con placebo, secondo la sua ricerca. Un gene produce sostanze che aiutano a controllare i livelli di dopamina nel cervello. Le persone con una certa variante di questo gene rispondono più fortemente al trattamento con placebo per l’IBS rispetto alle persone con altre varianti.

E l’effetto placebo non si verifica solo con farmaci o trattamenti falsi, succede anche durante il trattamento reale. Bingel lo ha studiato nel 2011. I volontari si sono alternati sdraiati in uno scanner cerebrale. Allo stesso tempo, ognuno indossava un dispositivo che diventava dolorosamente caldo su una gamba. In primo luogo, i volontari hanno sperimentato il dolore da soli. Quindi, hanno ricevuto un farmaco antidolorifico.

Gli è stato detto che dovevano aspettare che il farmaco funzionasse (in realtà era già attivo). Più tardi, è stato detto loro che il farmaco stava funzionando e che avrebbe dovuto alleviare il loro dolore. Alla fine, è stato detto loro che il farmaco si era fermato e che il loro dolore poteva peggiorare. In effetti, per tutto il tempo avevano ricevuto la stessa quantità di farmaco (e la stessa quantità di dolore).

Il cervello ha risposto più fortemente al farmaco quando i pazienti se lo aspettavano. Quando è stato detto loro che avrebbero potuto sentirsi peggio, l’effetto del farmaco nel cervello è scomparso. Era come se non ricevessero alcuna medicina. Chiaramente, le aspettative di qualcuno contano molto quando si tratta di esperienze dolorose.

I medici possono svolgere un ruolo importante nel plasmare le aspettative dei loro pazienti. Kaptchuk usa la frase “l’incontro terapeutico” per parlare del modo in cui un medico tratta un paziente e del tempo che trascorrono insieme. I migliori medici costruiscono un forte senso di fiducia. I loro pazienti si sentono ascoltati e apprezzati. Soprattutto se combinato con un placebo in aperto, tale relazione può essere importante per la guarigione quanto l’uso di farmaci o interventi chirurgici per riparare il corpo.

Una cosa semplice che i medici dovrebbero fare, afferma Kelley, collega di Kaptchuk, è chiedere ai pazienti qualcosa di più della semplice malattia. “Scopri una cosa su chi sono come esseri umani”, dice Kelley.

Un’altra cosa che aiuta è ancora più semplice: sedersi. In uno studio, i medici si sono seduti o si sono alzati per una visita con i pazienti dopo un’operazione. Hanno trascorso la stessa identica quantità di tempo con tutti i pazienti. Ma quando si sono seduti, i pazienti hanno avuto la sensazione che il dottore fosse lì da più tempo.

Quando i pazienti hanno un buon incontro terapeutico, sperimentano alcuni degli stessi effetti positivi di chi prende una pillola falsa. È vero anche il contrario. Se qualcuno si sente ignorato o sminuito, potrebbe sperimentare un effetto nocebo. La loro malattia o i loro sintomi potrebbero peggiorare.

Hall sottolinea che questo potrebbe essere parte del motivo per cui le persone di colore sperimentano risultati di salute peggiori negli Stati Uniti rispetto ai bianchi. La ricerca ha dimostrato che i medici tendono a trascorrere meno tempo con le persone di colore. Potrebbero anche non guardarli negli occhi. Oppure possono respingere i sintomi dei pazienti. “Questo è tremendamente dannoso”, afferma Hall. I medici dovranno lavorare sodo per superare eventuali pregiudizi che potrebbero avere.

Baruch Krauss è un pediatra a Boston presso la Harvard Medical School. Ha trascorso anni a lavorare su come comunicare al meglio con i suoi pazienti. Una cosa che fa è inviare segnali non verbali per stabilire fiducia e far sentire a proprio agio i suoi pazienti.

Quando entra in una stanza per vedere un paziente, dice che lavora per sembrare “calmo, interessato, curioso e attento”. Si è anche posto l’obiettivo di eliminare gli effetti nocebo. Dice la verità ai suoi pazienti, ma enfatizza gli aspetti positivi rispetto a quelli negativi.

Ha sempre sentito che la malattia e la guarigione non sono le uniche cose che possono avere un impatto sul corpo. Anche il modo in cui ti senti riguardo al tuo medico e al tuo trattamento è importante. Più positive sono le tue interazioni e aspettative, migliori saranno i risultati che avrai. Questo è il potere dell’effetto placebo.

 

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Che ne pensi dell’effetto placebo? Lo hai mai sperimentato su di te? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0