Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
cancro

Cancro: un vaccino ispirato dalle ricerche sul Covid-19

Il cancro potrebbe finalmente avere un vaccino. I primi esperimenti sui topi sono molto positivi

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Il cancro potrebbe avere un nemico temibile, il team dietro il vaccino Oxford-AstraZeneca COVID-19 ha utilizzato le stesse tecniche per creare un vaccino che potrebbe potenzialmente “rivoluzionare” il trattamento del cancro.

I ricercatori hanno progettato un vaccino contro il cancro a due dosi utilizzando la stessa tecnologia del vettore virale utilizzata nel vaccino Oxford COVID per aumentare i livelli di cellule T antitumorali e ridurre i tumori nei topi. Il vaccino mira a strutture specifiche, note come proteine ​​MAGE, che si trovano sulla superficie di molti tumori.

“Sapevamo dalla nostra precedente ricerca che le proteine ​​di tipo MAGE agiscono come bandiere rosse sulla superficie delle cellule tumorali per attirare le cellule immunitarie che distruggono i tumori. Le proteine ​​MAGE hanno un vantaggio rispetto ad altri antigeni del cancro come bersagli vaccinali poiché sono presenti su un’ampia gamma di tipi di tumore “, ha affermato Benoit Van den Eynde, professore di immunologia dei tumori all’Università di Oxford.

“Ciò amplia il potenziale beneficio di questo approccio alle persone con molti diversi tipi di cancro. Importante per la specificità del bersaglio, gli antigeni di tipo MAGE non sono presenti sulla superficie dei tessuti normali, il che riduce il rischio di effetti collaterali causati dal sistema immunitario che attacca le cellule sane”.

 

Cancro combattuto con le strategie AstraZeneca

cancro

Quando combinato con i trattamenti immunoterapici anti-PD-1 esistenti, il vaccino ha mostrato una maggiore riduzione delle dimensioni del tumore e ha migliorato la sopravvivenza dei topi.

L’immunoterapia anti-PD-1 è un metodo promettente di trattamento del cancro che agisce “frenando” le cellule T antitumorali e incitandole a uccidere le cellule tumorali. Tuttavia, finora si è dimostrato in gran parte inefficace grazie in parte ai bassi livelli di cellule T nella maggior parte dei malati di cancro.

È qui che entra in gioco la tecnologia presa in prestito dal vaccino Oxford-AstraZeneca: un trattamento a due dosi può aiutare ad aumentare i livelli di cellule T CD8 + che combattono il cancro.

“I nostri vaccini contro il cancro provocano forti risposte delle cellule CD8 + T che si infiltrano nei tumori e mostrano un grande potenziale nel migliorare l’efficacia della terapia con blocco del checkpoint immunitario e migliorare i risultati per i pazienti con cancro”, ha affermato il prof. Adrian Hill, direttore del Jenner Institute, Università di Oxford .

Il team ora prevede di iniziare la prima sperimentazione clinica umana del vaccino utilizzato in combinazione con l’immunoterapia anti-PD-1 in 80 pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, entro la fine dell’anno come parte di una collaborazione tra Vaccitech Oncology Limited (VOLT) e Centro per lo sviluppo dei farmaci del Regno Unito per la ricerca sul cancro.

“Questa nuova piattaforma di vaccini ha il potenziale per rivoluzionare il trattamento del cancro. Il prossimo studio sul cancro del polmone non a piccole cellule segue uno studio di Fase 2a di un vaccino simile per il cancro alla prostata intrapreso dall’Università di Oxford che sta mostrando risultati promettenti “, ha affermato Collina.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Che ne pensi di questo sviluppo nella lotta contro il cancro? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Giuseppe

Speriamo bene

Aldo

Sembrerebbe una bella notizia, poi ti ricordi che siamo umani, e il vile denaro è diventato più potente dell’essere ricordati come eroi della scienza.

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0