Alzheimer, Fli-1, litio, perdita dei neuroni

Introdotta nelle cellule umane mutazione genetica che protegge dall’Alzheimer

Gli scienziati della Facoltà di Medicina dell'Université Laval e del Centro di ricerca CHU de Québec–Université Laval hanno sviluppato una mutazione genetica in vitro ispirata ad una variazione del genoma presente nella popolazione islandese, che protegge contro il morbo di Alzheimer. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica The CRISPR Journal

I ricercatori della Facoltà di Medicina dell’Université Laval e del Centro di ricerca CHU de Québec–Université Laval hanno introdotto una mutazione genetica nelle cellule umane coltivate in vitro che fornisce protezione contro il morbo di Alzheimer.

Mutazione genetica

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica The CRISPR Journal.

Mutazione genetica: ecco quali sono i vantaggi nel trattamento del morbo di Alzheimer

Alcune mutazioni genetiche aumentano il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer, ma esiste una mutazione che riduce questo rischio”, ha dichiarato l’autore principale, il professor Jacques-P. Tremblay: “Questa è una mutazione genetica rara identificata nel 2012 nella popolazione islandese. La mutazione non presenta svantaggi noti per coloro che la portano e riduce il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer. Utilizzando una versione migliorata dello strumento di editing genetico CRISPR, siamo stati in grado di modificare il genoma delle cellule umane per inserire questa mutazione”.

Mutazione genetica

I cervelli di quelli con le attuali placche amiloidi di Alzheimer, che hanno un livello di tossicità che si ritiene causi la morte dei neuroni. Queste placche si formano quando la proteina percussore dell’amiloide viene scissa da un enzima chiamato beta-secretasi: “La mutazione islandese rende più difficile per questo enzima scindere la proteina precursore dell’amiloide. Di conseguenza, la formazione di placche amiloidi è ridotta”, ha spiegato il professor Tremblay.

In teoria, l’introduzione della mutazione genetica islandese nel genoma delle persone a rischio di sviluppare l’Alzheimer potrebbe prevenire o rallentare la progressione della malattia. “Purtroppo, non possiamo tornare indietro e riparare il danno che ha causato la morte dei neuroni“, afferma il ricercatore. “Il trattamento sarebbe quindi particolarmente indicato per le persone provenienti da famiglie affette dalla forma ereditaria della malattia, che si manifesta con problemi di memoria dai 35 ai 40 anni. In caso di successo, potrebbe essere potenzialmente utilizzato anche per curare le persone con più forma comune di Alzheimer, che si manifesta dopo i 65 anni, ai primi segni della malattia“.

La sfida ora è trovare un modo per modificare il genoma di milioni di cellule cerebrali“, ha continuato il professor Tremblay. “Stiamo esaminando diverse possibilità, compreso l’uso di virus non infettivi, per fornire il complesso di editing all’interno dei neuroni. Ora che la prova del concetto è stata stabilita in cellule umane in vitro, testeremo questo approccio nei topi che esprimono l’Alzheimer. Se i risultati saranno conclusivi, speriamo di poter condurre uno studio su piccola scala su persone con mutazioni che causano l’insorgenza dell’Alzheimer all’età di 35-40 anni”.

Quasi 30 milioni di persone convivono con il morbo di Alzheimer in tutto il mondo, un onere sanitario sbalorditivo che dovrebbe quadruplicare entro il 2050. Eppure i medici non possono offrire cure efficaci e gli scienziati non sono stati in grado di definire in modo definitivo il meccanismo alla base della malattia.

Mutazione genetica

La mutazione genetica, la prima in assoluto a proteggere dalla malattia, risiede in un gene che produce la proteina precursore dell’amiloide-β (APP), che ha un ruolo sconosciuto nel cervello ed è stata a lungo sospettata di essere al centro dell’Alzheimer.

L’APP è stata scoperta più di 30 anni fa in pazienti con forme ereditarie rare di Alzheimer che colpiscono nella mezza età. Nel cervello, l’APP viene scomposta in una molecola più piccola chiamata amiloide-β. I grumi visibili, o placche, di amiloide-β trovati nel cervello sottoposto ad autopsia dei pazienti sono un segno distintivo dell’Alzheimer, ma gli scienziati hanno a lungo dibattuto se le placche siano una causa della condizione neurodegenerativa o una conseguenza di altri cambiamenti biochimici associati alla malattia.

La variante è rara, ma ha un enorme impatto su chi ha la fortuna di ereditarne anche una sola copia. Circa lo 0,5% degli islandesi sono vettori, così come lo 0,2-0,5% di finlandesi, svedesi e norvegesi. Rispetto ai loro connazionali che non hanno la mutazione, gli islandesi che la portano hanno una probabilità cinque volte maggiore di raggiungere gli 85 anni senza che venga diagnosticato il morbo di Alzheimer. Vivono anche più a lungo, con una probabilità del 50% in più di celebrare il loro 85° compleanno.

Mutazione genetica

La mutazione genetica sembra porre un freno al deterioramento mentale più lieve che sperimenta la maggior parte delle persone anziane. I portatori hanno una probabilità circa 7,5 volte maggiore rispetto ai non portatori di raggiungere l’età di 85 anni senza subire un grave declino cognitivo, come la perdita di memoria. Hanno anche prestazioni migliori nei test cognitivi che vengono somministrati tre volte all’anno agli islandesi che vivono in case di cura.

Cosa ne pensi dello strumento delle mutazioni genetiche per curare le malattie neurodegenerative e non solo? Se la terapia fosse già fruibile sul mercato, saresti disposto a sperimentarla? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI