Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

MicroRNA-210: la molecola correlata ai danni vascolari nel diabete t2

Un team di ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia ha scoperto una molecola nel sangue correlata ai danni vascolari nei soggetti con diagnosi di diabete di tipo 2. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Diabetes, ha individuato che livelli ridotti di microRNA-210 portano a danni vascolari. Grazie a questa scoperta sarà possibile sviluppare nuove terapie che aumentino i livelli di microRNA-210 dei globuli rossi e quindi prevengano lesioni vascolari nei pazienti con diabete di tipo 2

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La microRNA-210 è responsabile della funzione alterata dei globuli rossi porta a danni vascolari nel diabete di tipo 2a dichiararlo è stato un team di ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia che ha studiato le cellule sia dei topi che  dei pazienti con diabete di tipo 2 per individuare quali cambiamenti molecolari nei globuli rossi potessero spiegare questi effetti dannosi.

microRNA-210

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Diabetes.

Molecola microRNA-210: ecco la sua funzione

È noto che i pazienti con diabete di tipo 2 abbiano un aumentato rischio di malattie cardiovascolari. Nel tempo, il diabete di tipo 2 può danneggiare i vasi sanguigni, il che potrebbe portare a complicazioni potenzialmente letali come infarto e ictus. Tuttavia, i meccanismi patologici alla base delle lesioni cardiovascolari nel diabete di tipo 2 sono in gran parte sconosciuti e attualmente mancano trattamenti per prevenire tali lesioni.

microRNA-210

Negli ultimi anni, la ricerca ha dimostrato che i globuli rossi, il cui compito più importante è quello di trasportare l’ossigeno agli organi del corpo, diventano disfunzionali nel diabete di tipo 2 e possono agire come mediatori delle complicanze vascolari. Nell’attuale studio, i ricercatori del Karolinska Institutet hanno esaminato cellule di pazienti con diabete di tipo 2 per scoprire quali cambiamenti molecolari nei globuli rossi sono coinvolti nello sviluppo delle malattie cardiovascolari.

I ricercatori hanno scoperto che i livelli di una piccola molecola, la microRNA-210, erano notevolmente ridotti nei globuli rossi di 36 pazienti con diabete di tipo 2 rispetto ai globuli rossi di 32 soggetti sani. I micro-RNA appartengono a un gruppo di molecole che fungono da regolatori della funzione vascolare nel diabete e in altre condizioni.

 La riduzione del microRNA-210 ha causato alterazioni in specifici livelli di proteine ​​vascolari e compromissione della funzione delle cellule endoteliali dei vasi sanguigni. Negli esperimenti di laboratorio, il ripristino dei livelli di microRNA-210 nei globuli rossi ha impedito lo sviluppo di lesioni vascolari tramite specifici cambiamenti molecolari.

I risultati dimostrano una causa precedentemente non riconosciuta di danno vascolare nel diabete di tipo 2“, afferma Zhichao Zhou, ricercatore presso il Dipartimento di Medicina, Solna, Karolinska Institutet, che ha condotto lo studio in collaborazione tra gli altri con il professor John Pernow presso lo stesso dipartimento. “Speriamo che i risultati aprano la strada a nuove terapie che aumentino i livelli di microRNA-210 dei globuli rossi e quindi prevengano lesioni vascolari nei pazienti con diabete di tipo 2″.

microRNA-210

Il diabete mellito (DM), malattia cronica molto complessa ed eterogenea, è associato a complicanze croniche generate dall’alterazione dell’endotelio a tutti i livelli del territorio vascolare arterioso. Le complicanze micro e macro-vascolari interessano l’intero organismo; i loro meccanismi patogenetici sono intricati e coinvolgono molteplici percorsi e fattori di rischio.

I principali fattori di rischio sono insulino-resistenza/iperinsulinemia, iperglicemia, dislipidemia, ipercolesterolemia, ipertensione, fumo, obesità/sovrappeso, tutti fattori che causano disfunzione endoteliale. Di conseguenza, compaiono vasocostrizione, stress ossidativo, infiammazione subclinica, calcificazione vascolare e trombosi, elementi patogeni essenziali nel processo di aterogenesi/macroangiopatia e microangiopatia.

Le persone con diabete mellito di tipo 2 hanno un rischio cardiovascolare 2-3 volte superiore rispetto alle persone senza diabete. La malattia cardiovascolare aterosclerotica  è la principale causa di morbilità e mortalità nel diabete di tipo 2. Oltre il 30% di quelli con diabete di tipo 2 ha una malattia cardiovascolare e più della metà ne muore, principalmente per malattia coronarica. La presenza di diabete di tipo 2 riduce l’aspettativa di vita di 10-14 anni.

microRNA-210

La Società Europea di Cardiologia suddivide la malattia cardiovascolare in: moderata (pazienti giovani, con diabete di breve durata, nessun fattore di rischio); alta (durata del diabete >10 anni, nessun danno d’organo, più qualsiasi fattore di rischio aggiuntivo); molto alta ( pazienti con CVD accertata, danno dell’organo bersaglio tre fattori di rischio CVD: età, ipertensione, dislipidemia, obesità o diabete mellito di tipo 1 (T1DM) per una durata di 20 anni). 

L’Associazione americana degli endocrinologi clinici (AACE) ritiene che il diabete di per sé comporti un rischio elevato. L’insufficienza cardiaca è la seconda complicanza più comune dopo l’arteriopatia periferica ostruttiva. Il diabete di tipo 2 associa un rischio maggiore del 75% di mortalità cardiovascolare o ospedalizzazione per scompenso cardiaco. È necessario un approccio multifattoriale per ridurre la morbilità e la mortalità.

In Italia è stato redatto un documento congiunto SIC-SID che tratta della gestione del rischio cardiovascolare nel diabete. E’ possibile consultare il documento a questo link oppure puoi trovare le informazioni che ti servono al seguente indirizzo:
https://www.siditalia.it/clinica/linee-guida-societari

Potrebbe interessarti...

Scienze

Gene Mcr-9: rende i batteri resistenti agli antibiotici

Scienze

Cuore di maiale trapianto in un essere umano

Samsung Galaxy A52

Android 12 su Samsung Galaxy A52: update in arrivo

Honor Magic V

Honor Magic V: il pieghevole firmato Honor è in arrivo

Scienze

Gene MLL4: nuovo bersaglio per il cancro alla pelle

Realme GT 2 Pro

Realme GT 2 Pro: presentazione ufficiale il 20 dicembre

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Pensi che debba essere incoraggiata con ulteriori studi? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0