Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Diabete di tipo 1

Chinasi: obiettivo terapeutico per il diabete di tipo 2

Secondo una ricerca di un team di studiosi del Massachusetts General Hospital, pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Cell Reports, La chinasi, regolata da siero e glucocorticoidi SGK, rappresenta un promettente obiettivo nella cura del diabete di tipo 2

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La chinasi, (regolata da siero e glucocorticoidi SGK), è un enzima che guida la resistenza all’insulina nel fegato e secondo un team di ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) rappresenta un promettente obiettivo terapeutico nel trattamento del diabete di tipo 2.

Chinasi

Infatti una caratteristica centrale del diabete di tipo 2 è l’incapacità delle cellule del corpo di rispondere all’insulina, un ormone che mantiene normali i livelli di glucosio nel sangue. Fondamentale per questo equilibrio è il fegato, che immagazzina e produce glucosio a seconda del fabbisogno del corpo.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Cell Reports.

Chinasi: qualche dettaglio sulla ricerca

Abbiamo deciso di studiare il ruolo di SGK nell’azione e nel metabolismo dell’insulina perché il campo ha assunto, poiché sembra molto simile a un’altra chinasi attivata dall’insulina chiamata Akt, che SGK avrebbe fatto la stessa cosa di Akt“, afferma l’autore senior Alexander A. Soukas, MD, Ph.D., ricercatore principale nel Center for Genomic Medicine and Diabetes Unit di MGH e professore associato di medicina presso la Harvard Medical School. 

Chinasi

 

Astratto grafico. Credito: DOI: 10.1016/j.celrep.2021.109785

Avevamo l’idea, basata su alcuni primi esperimenti, che potesse effettivamente funzionare in opposizione ad Akt e che potesse rappresentare un modo per colpire la resistenza all’insulina nel diabete in un modo molto diverso, promuovendo la salute metabolica e la sensibilità all’insulina, ha continuato l’esperto.

In effetti, gli esperimenti del team hanno rivelato che quando i topi venivano nutriti con una dieta malsana, Sgk (la versione murina della chinasi) ostacolava l’azione dell’insulina inibendo gli effetti metabolici benefici di una molecola epatica chiamata protein chinasi attivata dall’AMP (AMPK). Il blocco dell’attività di Sgk ha rilasciato i freni all’AMPK, rendendo il fegato più sensibile all’insulina e bruciando i grassi: “In questo modo, prendere di mira Sgk può essere un modo per indirizzare i cambiamenti metabolici nel diabete di tipo 2 in un modo che non si pensava prima possibile”, afferma Soukas.

I risultati indicano che l’inibizione dell’attività della chinasi nel fegato potrebbe prevenire la resistenza all’insulina tipica del diabete di tipo 2. “In sostanza, il blocco di SGK nel fegato ripristina un’azione più normale dell’insulina , contribuendo nel processo a bloccare l’accumulo di grasso nel fegato e l’aumento ponderale che così frequentemente accompagnano una dieta occidentale”, ha spiegato Soukas.

Chinasi

Anche se non ci aspetteremmo che questo dia alle persone il potere di mangiare impunemente al fast food, se combinato con l’esercizio e i tentativi di mangiare in modo più sano, trattamenti come questo potrebbero rivoluzionare il modo in cui trattiamo il diabete di tipo 2″.

Le diagnosi crescenti del diabete di tipo 2 è una delle principali preoccupazioni nell’assistenza sanitaria in tutto il mondo. Si prevede infatti che la prevalenza globale della patologia aumenterà di 7079 individui ogni 100.000 entro il 2030, riflettendo un aumento continuo in tutte le regioni del mondo. La tendenza più preoccupante riguarda tendenze l’aumento della prevalenza nei paesi a basso reddito: l’incidenza raggiunge il picco intorno ai 55 anni di età.

Il rapido sviluppo economico e l’urbanizzazione hanno portato a un aumento del carico di diabete in molte parti del mondo. Il diabete colpisce le capacità funzionali degli individui e la qualità della vita, portando a significativa morbilità e mortalità prematura. Recentemente, sono state sollevate preoccupazioni sul fatto che più di un terzo dei decessi correlati al diabete si verificano in persone di età inferiore ai 60 anni.

L’aumento del consumo di diete malsane e di stili di vita sedentari, con conseguente aumento dell’indice di massa corporea (BMI) e glicemia a digiuno, sono le principali cause delle impennate delle diagnosi di diabete di tipo 2. In particolare, le persone con un BMI più elevato hanno maggiori probabilità di essere colpiti dalla patologia.

Chinasi

L’invecchiamento della popolazione umana è un altro fattore che contribuisce, poiché il diabete tende a colpire gli individui più anziani. Il controllo costante della glicemia, della pressione sanguigna e di altri obiettivi come il controllo dell’aumento ponderali sono gli obiettivi fondamentali che aiutano a tenere sotto controllo la malattia.

In Italia la prevalenza del diabete di tipo 2 risulta leggermente in crescita dal 2012 (7,5%), con valori sempre maggiori negli uomini rispetto alle donne (8,8% vs 7,2% nel 2017). Anche nel Bel Paese la malattia si manifesta maggiormente nella classe di età 80-84 anni: quasi un soggetto su 4 (23,4%) in questa fascia di età ha una diagnosi di diabete di tipo 2. Le Regioni con una prevalenza superiore al dato nazionale sono: Calabria (10%), Sicilia (9,4%), Puglia e Abruzzo/Molise (pari merito 8,8%), Lazio (8,7%), Campania (8,5%) e Basilicata (8,6%).

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Pensi che la ricerca menzionata nell’articolo meriti di essere portata avanti o conosci ricerche accreditate che secondo te meritano più considerazione? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0