Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Diabete di tipo 1

L’esposizione all’ozono causa il diabete di tipo 2?

Una ricerca pubblicata sulla rivista Environmental Health Perspectives ha dimostrato come i soggetti esposti ad inquinamento atmosferico particolarmente ricco di ozono hanno sviluppato il diabete di tipo 2: su quasi 1.800 individui osswrvati, 186 ha sviluppato il diabete

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

L’o sviluppo del diabete viene generalmente correlato all’obesità e all’inattività fisica, ma a quanto emerge da nuovi studi, le sue cause sono più complesse  Recenti ricerche hanno infatti suggerito che anche i fattori di rischio ambientale, come l’esposizione all’ozono, e all’inquinamento atmosferico in generale, svolgono un ruolo importante, così come ha spiegato la dott.ssa Beate Ritz, professoressa di epidemiologia e scienze della salute ambientale UCLA Fielding School of Public Health che ha studiato appunto l’impatto dell’ozono, un elemento comune dell’inquinamento atmosferico, sulla salute degli esseri umani.

Ozono

Sia nella sua forma pura che miscelato con altri prodotti chimici, l’ozono può essere dannoso per la salute.

Se inalato, l’ozono può danneggiare i polmoni. Quantità relativamente basse di ozono possono causare dolore al petto, tosse, mancanza di respiro e irritazione della gola. Può anche peggiorare le malattie respiratorie croniche come l’asma e compromettere la capacità dell’organismo di combattere le infezioni respiratorie.

Le prove scientifiche disponibili mostrano che, a concentrazioni che non superano gli standard di salute pubblica, l’ozono è generalmente inefficace nel controllare l’inquinamento dell’aria interna.

La concentrazione di ozono dovrebbe superare di gran lunga gli standard sanitari per essere efficace nella rimozione della maggior parte dei contaminanti dell’aria interna. Nel processo di reazione con le sostanze chimiche all’interno, l’ozono può produrre altre sostanze chimiche che a loro volta possono essere irritanti e corrosive.

“Il rischio correlato all’ ozono di sviluppare il diabete è 1,5 volte maggiore nel gruppo con attività all’aperto più elevate e, anche nel gruppo con attività più basse, c’è un rischio notevolmente più elevato rispetto a coloro che vivono in comunità meno inquinate”, ha affermato Ritz, un co-autore della ricerca, che è anche professore di neurologia presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA.

 “L’attività fisica è ben nota e ampiamente riconosciuta per i suoi benefici per la salute , ma gli effetti benefici che le attività fisiche all’aperto hanno sulla salute umana potrebbero dover essere valutati rispetto agli impatti dannosi dell’inquinamento atmosferico nelle aree colpite da alti livelli di inquinamento“, ha continuato l’esperto.

Ozono

Lo studio, è stato pubblicato sulla rivista rivista peer-reviewed Environmental Health Perspectives.

Esposizione all’ozono: quanto è realmente pericolosa?

I messicani americani sono il segmento in più rapida crescita della popolazione degli Stati Uniti, hanno un’alta prevalenza di diabete e sono anche tra le popolazioni più esposte all’inquinamento atmosferico in California“, ha affermato la dott.ssa Mary N. Haan, professoressa emerita presso l’Università di California, San Francisco, e ricercatrice principale dello studio SALSA, iniziato nel 1998.

Tuttavia, finora non siamo a conoscenza di studi negli Stati Uniti che abbiano esplorato la relazione tra esposizione all’ozono e diabete, o valutato se fuori -l’attività fisica alla porta modifica le associazioni tra ozono e diabete in questa popolazione“, ha specificato la scienziata.

Ozono

I ricercatori hanno esaminato le informazioni sulla salute registrate durante le indagini, che sono proseguite regolarmente fino al 2007, e l’inquinamento, la qualità dell’aria e i livelli di traffico negli stessi quartieri. Hanno scoperto che su quasi 1.800 individui intervistati, 186 ha sviluppato il diabete.

Sebbene le prove epidemiologiche siano limitate, gli esperimenti suggeriscono che l’esposizione all’ozono può indurre resistenza all’insulina, che contribuisce al diabete“, ha affermato il dott. Yu Yu, ricercatore della Fielding School e coautore dello studio. “A loro volta, gli esperimenti di laboratorio hanno dimostrato che le persone impegnate in attività fisiche all’aperto, e quindi che respirano più pesantemente, mentre sono esposte all’ozono, possono essere influenzate negativamente a causa della maggiore inalazione dell’inquinamento atmosferico”.

Gli individui che hanno sviluppato il diabete vivevano in comunità con una maggiore esposizione all’ozono e quelli che avevano maggiori probabilità di esercitare all’aperto, che come attività lavorativa svolgevano giardinaggio e lavori comunque all’aperto, o che erano soliti camminare, nuotare o ballare, andare caccia, in campeggio o dedicarsi gite in barca o agli sport all’aria aperta, compreso il golf, erano a rischio più elevato.

Purtroppo, ciò che rende chiaro è che anche quei californiani che stanno facendo la cosa giusta quando si tratta di salute e benessere sono a rischio di diabete a causa della scarsa qualità dell’aria“, ha affermato il dott. Jason G. Su, coautore e ricercatore presso l’Università della California, Berkeley. “Questi risultati sono di grande rilevanza per la protezione della salute pubblica. Sono necessarie politiche e strategie per ridurre l’esposizione all’ozono nelle comunità per garantire che i benefici per la salute derivanti dall’attività fisica non siano diminuiti dall’esposizione all’inquinamento, specialmente nelle popolazioni vulnerabili”.

Ozono

Il team ha analizzato le storie di salute di oltre 1.000 partecipanti messicano-americani del Sacramento Area Latino Study on Aging (SALSA), condotto dal 1998 al 2007. I livelli di esposizione all’ozono ambientale sono stati modellati con una regressione dell’uso del suolo costruita con dati di monitoraggio della saturazione raccolti in 49 siti nell’area metropolitana di Sacramento.

Utilizzando modelli di rischio proporzionale, i ricercatori hanno stimato il rischio di sviluppare il diabete incidente sulla base dell’esposizione media all’ozono modellata per 5 anni prima della diagnosi di diabete incidente o dell’ultimo follow-up. Inoltre, il team ha studiato se livelli più alti rispetto a quelli più bassi modificassero l’associazione tra esposizione all’ozono e diabete.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Cosa ne pensi di questa nuova ricerca? Ritieni possibile che cause ambientali possano contribuire a sviluppare il diabete di tipo 2? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0