Noci

Mangiare noci: prevalenza più bassa di malattia renale cronica

Una nuova ricerca ha dimostrato che inserire le noci nella dieta quotidiana abbassa notevolmente il rischio di essere colpiti dalla malattia renale cronica (CKD). I risultati dello studio American Journal of Nephrology

Un team di ricercatori della Huazhong University of Science and Technology di Wuhan, in Cina, coordinati da Koushu Wang, ha dichiarato, in un recente studio, che introdurre le noci nella dieta quotidiana riduce in modo importante il rischio di incorrere nella malattia renale cronica (CKD) ed è collegato ad una minore mortalità per tutte le cause con o senza CKD.

Noci

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica American Journal of Nephrology.

Mangiare noci: ecco tutti i benefici

Per poter sviluppare la ricerca, gli scienziati hanno studiato attentamente i  dati di 6.072 adulti statunitensi (di età pari o superiore a 20 anni) grazie ai quali hanno valutato l’associazione tra il consumo di noci, la prevalenza e la mortalità associate all’insufficienza renale cronica.

Noci

I ricercatori hanno rivelato che il consumo di noci da una a sei volte a settimana è stato associato a una minore prevalenza di CKD (odds ratio, 0,67). Anche un maggiore consumo di noci nella popolazione non affetta da insufficienza renale cronica è stato significativamente associato a una minore mortalità per tutte le cause e cardiovascolare. C’era un’associazione inversa consistentemente significativa tra il consumo di noci da una a sei volte a settimana e la mortalità per tutte le cause nella popolazione di CKD (hazard ratio, 0,63).

Raccomandiamo alla popolazione con insufficienza renale cronica di assumere un’adeguata assunzione di noci da una a sei volte a settimana, mentre la frequenza di consumo può essere più flessibile per i non affetti da insufficienza renale“, hanno spiegato gli autori: “Ulteriori studi prospettici dovrebbero essere condotti per confermare questa conclusione”.

Altre ricerche hanno dimostrato che mangiare noci almeno due volte a settimana è associato a un rischio inferiore del 17% di morte per malattie cardiovascolari.

Le noci sono una buona fonte di grassi insaturi e contengono pochi grassi saturi“, ha affermato l’autore dello studio, il Dottor Noushin Mohammadifard dell’Istituto di ricerca cardiovascolare di Isfahan, Iran: “Hanno anche proteine, minerali, vitamine, fibre, fitosteroli e polifenoli che avvantaggiano la salute del cuore. Studi europei e statunitensi hanno correlato questo frutto a guscio con la protezione cardiovascolare, ma ci sono prove limitate dalla regione del Mediterraneo orientale“.

La ricerca ha studiato l’associazione tra consumo di noci, rischio di malattie cardiovascolari e morte nella popolazione iraniana. Un totale di 5.432 adulti di età pari o superiore a 35 anni senza storia di malattie cardiovascolari sono stati selezionati casualmente dalle aree urbane e rurali delle contee di Isfahan, Arak e Najafabad. L’assunzione di frutta a guscio, comprese mandorle, pistacchi, nocciole e semi, è stata valutata nel 2001 con un questionario di frequenza alimentare convalidato.

Noci

I volontari che hanno partecipato allo studio o i familiari sono stati intervistati ogni due anni fino al 2013 per il verificarsi di eventuali eventi cardiovascolari e morte. Gli esiti specifici studiati sono stati l’ictus, la malattia cardiovascolare totale, la morte per qualsiasi causa e la morte per malattia cardiovascolare. Durante un follow-up mediano di 12 anni, si sono verificati 751 eventi cardiovascolari (594 malattie coronariche e 157 ictus), 179 decessi cardiovascolari e 458 decessi per tutte le cause.

Mangiare frutta a guscio due o più volte a settimana è stato associato a un rischio di mortalità cardiovascolare inferiore del 17% rispetto al consumo di frutta a guscio una volta ogni due settimane. La connessione si è dimostrata concreta anche dopo aver aggiustato i fattori che potevano influenzare la relazione come età, sesso, istruzione, fumo e attività fisica. L’assunzione di noci era inversamente associata agli altri risultati, ma ha perso significato dopo l’aggiustamento.

Le linee guida ESC elencano 30 grammi di noci non salate al giorno come una delle caratteristiche di una dieta sana, pur rilevando che la densità energetica delle noci è elevata:  “Le noci fresche crude sono le più sane”, ha aggiunto il dottor Mohammadifard: “Le noci dovrebbero essere fresche perché i grassi insaturi possono ossidarsi nelle frutto stantio, rendendole dannose. Puoi dire se il frutto è rancido dal suo odore simile alla vernice e dal sapore amaro o aspro”.

Un altro beneficio del mangiare noci è la loro potenzialità nel ridurre il rischio di incorrere in malattie cardiovascolari nei soggetti con diagnosi di diabete di tipo 2.

Il diabete di tipo 2 è associato a un aumentato rischio di colesterolo alto, malattie cardiache e ictus ed è un problema di salute pubblica diffuso che colpisce più di 30 milioni di americani. Le noci sono ricchissime di acidi grassi insaturi, sostanze fitochimiche, fibre, vitamine come vitamina E e acido folico, nonché minerali tra cui calcio, potassio e magnesio. Tuttavia, si sa poco sui benefici sulla salute, se del caso, che il frutto a guscio potrebbe offrire alle persone con diabete di tipo 2 che corrono un rischio maggiore di complicazioni per la salute del cuore.

Per verificare questo potenziale, i ricercatori hanno proposto questionari sulla dieta auto-riferiti da 16.217 uomini e donne prima e dopo che gli era stato diagnosticato il diabete di tipo 2 e hanno chiesto loro del loro consumo di arachidi e noci per un periodo di diversi anni. Durante il follow-up, ci sono stati 3.336 casi di malattie cardiovascolari (di cui 2.567 casi di malattie coronariche e 789 casi di ictus) e 5.682 decessi (di cui 1.663 decessi per malattie cardiovascolari e 1.297 decessi per cancro).

I nostri risultati forniscono nuove prove che supportano la raccomandazione di includere la frutta secca in modelli dietetici sani per la prevenzione delle complicanze delle malattie cardiovascolari e delle morti premature tra le persone con diabete“, ha affermato Gang Liu, ricercatore in scienze nutrizionali presso la Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, Massachusetts.

 Inoltre, anche quando le persone avevano l’abitudine di mangiare noci prima della diagnosi di diabete, l’aggiunta di più frutti a guscio alla propria dieta si è rivelata utile probabilmente a qualsiasi età o stadio. “Non sembra mai troppo tardi per migliorare la dieta e lo stile di vita dopo la diagnosi tra gli individui con diabete di tipo 2″.

I ricercatori hanno scoperto che mangiare tutti i tipi di frutta a guscio offriva alcuni benefici per la salute del cuore, con le noci degli alberi che mostravano l’associazione più forte. I risultati hanno anche mostrato che mangiare anche una piccola quantità del frutto ha avuto un effetto.

Gli studiosi hanno rivelato che rispetto alle persone con diabete di tipo 2 che mangiavano meno di una singola porzione da 28 grammi al mese, mangiare cinque porzioni di noci a settimana aveva un rischio inferiore del 17% di incidenza totale di malattie cardiovascolari, un rischio inferiore del 20% di malattia coronarica, un 34% in meno di rischio di morte per malattie cardiovascolari e un 31% in meno di rischio di mortalità per tutte le cause.

Noci

Rispetto alle persone che non hanno cambiato le loro abitudini alimentari dopo la diagnosi di diabete, coloro che hanno aumentato l’assunzione di frutta secca dopo che è stato diagnosticato il diabete avevano un rischio inferiore dell’11% di malattie cardiovascolari, un rischio inferiore del 15% di malattia coronarica, un rischio inferiore del 25% di morte per malattie cardiovascolari e un rischio inferiore del 27% di morte prematura per tutte le cause.

Ogni porzione aggiuntiva per settimana è stata associata a un rischio inferiore del 3% di malattie cardiovascolari e del 6% in meno di morte per malattie cardiovascolari. L’associazione positiva è continuata indipendentemente dal sesso, dalle abitudini al fumo o dal peso corporeo di una persona.

Frutta a guscio come mandorle, noci del Brasile, anacardi, pistacchi, pecan, macadamia, nocciole e pinoli è stata fortemente associata a un rischio cardiovascolare ridotto rispetto alle arachidi, con in realtà sono legumi perché  crescono sottoterra.

Sebbene gli esatti meccanismi biologici delle noci sulla salute del cuore non siano chiari, i ricercatori riferiscono che sembrano migliorare il controllo della glicemia, la pressione sanguigna, il metabolismo dei grassi, l’infiammazione e la funzione delle pareti dei vasi sanguigni. Inoltre, i ricercatori spiegano che possono offrire maggiori benefici perché contengono livelli più elevati di questi nutrienti rispetto alle arachidi.

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte e una delle principali cause di infarto, ictus e disabilità per le persone che convivono con il diabete di tipo 2″, ha affermato Prakash Deedwania, Professore di medicina presso la University of California-San Francisco School of Medicine a Fresno e membro del comitato consultivo Know Diabetes by Heart science: “Gli sforzi per comprendere il legame tra le due condizioni sono importanti per prevenire le complicanze cardiovascolari del diabete di tipo 2 e aiutare le persone a fare scelte informate sulla propria salute”.

Noci

Deedwania ha anche affermato che i risultati dello studio sono molto incoraggianti perché la semplice abitudine alimentare quotidiana di mangiare frutta a guscio come mandorle, noci, pistacchi, ecc., Può avere un effetto così profondo sugli eventi coronarici, sulla morte cardiaca e sulla mortalità totale: “Questi risultati si aggiungono ulteriormente alla crescente evidenza che alcuni cambiamenti nello stile di vita, un esercizio fisico regolare e una dieta prudente possono avere un impatto favorevole significativo sul rischio di malattie cardiovascolari e sul rischio di eventi cardiaci nei pazienti con diabete“, ha concluso Deedwania.

Consumi quotidianamente noci? Eri a conoscenza di tutti i benefici che apportano alla nostra salute? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI