Listeriosi neonatale, pretermine

Listeriosi neonatale: dovuta alla prematurità?

Un nuovo studio ha fatto luce sulle ragioni che possono causare la listeriosi prenatale

La listeriosi neonatale materno-fetale è una malattia grave che può portare ad aborto spontaneo, parto prematuro o gravi infezioni neonatali. Ma quali sono le conseguenze a lungo termine della listeriosi neonatale sulla salute dei bambini sopravvissuti?

Listeriosi neonatale

Per la prima volta, un team di scienziati e medici dell’Institut Pasteur, dell’Università Paris Cité, della Rete degli ospedali pubblici di Parigi (AP-HP) e dell’Inserm ha monitorato lo sviluppo di bambini infetti dal batterio Listeria monocytogenes fino all’età di 5 anni. e hanno confrontato il loro sviluppo con quello di bambini non infetti della stessa età gestazionale.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista The Lancet Child & Adolescent Health.

Listeriosi neonatale: ecco cosa ha riscontrato il nuovo studio

Lo studio ha dimostrato che gli esiti a lungo termine della listeriosi neonatale erano dovuti principalmente alla prematurità. I risultati consentiranno ai genitori di essere meglio informati su come potrebbe svilupparsi la salute dei loro figli e aiuteranno ad anticipare la potenziale insorgenza di sequele dello sviluppo neurologico.

Listeriosi neonatale

Le donne incinte oggi sono fin troppo consapevoli del rischio di contrarre la listeriosi, un’infezione di origine alimentare , durante la gravidanza, e si consiglia loro di evitare formaggi non pastorizzati, salumi e cibi pronti che non sono stati completamente riscaldati. E a ragione, poiché le conseguenze possono essere gravi: il batterio Listeria monocytogenes può causare aborti spontanei, parto prematuro e/o gravi infezioni nei neonati (setticemia o infezione polmonare/neurologica).

In Francia, ogni anno ne vengono colpiti circa 40 neonati.

“Dal 2009, stiamo studiando tutti i ceppi di Listeria e tutti i pazienti affetti da listeriosi in Francia, poiché la listeriosi è una malattia soggetta a denuncia, per chiarire le caratteristiche della malattia. Una delle nostre domande era come i bambini affetti da listeriosi neonatale, che si sono ripresi dopo trattamento antibiotico , continuano a crescere e a svilupparsi,” spiega Marc Lecuit, direttore del Centro nazionale di riferimento per la listeria e dell’Unità di biologia delle infezioni (Institut Pasteur/Università Paris Cité/Inserm), professore di malattie infettive all’Università Paris Cité e Necker -Enfants Malades Hospital e co-ultimo autore dello studio.

Il team di scienziati e medici ha utilizzato la coorte francese MONALISA, che recluta tutti i casi confermati di listeriosi, per studiare le conseguenze neurologiche e sullo sviluppo neurologico a lungo termine dell’infezione nei bambini sopravvissuti.

Questo approfondito follow-up, reso possibile grazie alla partecipazione attiva delle famiglie dei bambini, ha fornito un quadro senza precedenti delle conseguenze della listeriosi neonatale sullo sviluppo neurocognitivo dei bambini in un’età chiave in cui entrano nella scuola primaria.

Il team multidisciplinare, composto da esperti di malattie infettive, pediatri, neuropsicologi ed epidemiologi, ha seguito circa 50 bambini nati da madri che avevano contratto la listeriosi in diverse fasi della gravidanza e ha condotto una valutazione sanitaria completa all’età di 5 anni.

Lo sviluppo cognitivo è stato valutato utilizzando la versione francese della Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence, e lo sviluppo motorio e visivo è stato valutato utilizzando un esame fisico progettato per individuare la paralisi cerebrale e il disturbo della coordinazione dello sviluppo. Sono state utilizzate anche interviste ai genitori e test clinici per valutare l’udito, la comunicazione funzionale e la socializzazione.

I risultati ottenuti sono stati confrontati con quelli di bambini non infetti della stessa età gestazionale provenienti da due grandi coorti nazionali contemporanee: EPIPAGE-2 (neonati prematuri) ed ELFE (neonati a termine).

Questo approccio comparativo ha rivelato che due terzi dei bambini nati con listeriosi presentavano sequele (disfunzione cognitiva, problemi di coordinazione motoria, deficit visivo o uditivo) all’età di 5 anni, principalmente attribuibili alla loro prematurità.

Listeriosi neonatale

“Ora possiamo confermare che gli esiti a lungo termine della listeriosi neonatale sono principalmente il risultato della prematurità piuttosto che dell’infezione. Questi risultati consentiranno ai medici di fornire una guida scientifica ai genitori di neonati affetti da listeriosi e di informarli sullo sviluppo della loro malattia. salute del bambino.

Sostengono inoltre l’attuazione di uno screening sistematico a lungo termine per possibili sequele in modo da poter offrire un trattamento precoce adeguato, insieme a un sostegno educativo su misura ,” conclude Caroline Charlier, scienziata dell’Unità di biologia delle infezioni (Institut Pasteur/Université Paris Cité/Inserm), professore di malattie infettive presso l’Università Paris Cité e l’Ospedale Cochin, e primo autore e coordinatore dello studio.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI