Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Lee Jae-yong

Lee Jae-yong, l’erede dei Samsung rilasciato, ed è polemica

L'erede dei Samsung Lee Jae-yong è stato rilasciato da una prigione sudcoreana ed è ora in libertà vigilata.

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Lee Jae-yong è stato rilasciato dopo aver scontato solo 207 giorni di carcere, poco più della metà della pena che ha ricevuto dopo essere stato condannato per corruzione e appropriazione indebita a gennaio dalla corte suprema.

Il caso ha coinvolto l’ex presidente del paese Park Guen-hye, anche lui in carcere per concussione e corruzione. Samsung Electronics è stata fondata dal nonno di Lee ed è stato il capo de facto dal 2014. Lee ha rilasciato una breve dichiarazione ai giornalisti fuori dalla prigione.

“Ho causato molta preoccupazione per le persone. Mi scuso profondamente. Sto ascoltando le preoccupazioni, le critiche, e le grandi aspettative per me. Lavorerò sodo”.

Il 53enne Lee Jae-yong è stato mandato in prigione per due anni e mezzo dalla corte suprema a gennaio. È stato accusato di aver pagato 43 miliardi di won (31,3 milioni di euro) a due fondazioni senza scopo di lucro gestite da Choi Soon-sil, un amico di Park, in cambio di sostegno politico, presumibilmente incluso il sostegno a una controversa fusione Samsung che ha spianato il modo per Lee di diventare l’eventuale capo del conglomerato.

L’accordo aveva bisogno del sostegno del fondo pensione nazionale gestito dal governo. Al momento del suo verdetto, la corte ha affermato che Lee “ha attivamente fornito tangenti e ha chiesto implicitamente al presidente di usare il suo potere per aiutare la sua successione a capo di Samsung senza problemi o intralci”.

La corte ha dichiarato Lee Jae-yong colpevole di corruzione, appropriazione indebita e occultamento di proventi criminali per un valore di circa 8,6 miliardi di won (6,2 milioni di euro). Il ministero della Giustizia ha dichiarato di aver preso la decisione di rilasciare Lee dopo aver considerato gli effetti della pandemia sull’economia della Corea del Sud e sui mercati globali.

In una dichiarazione, l’ufficio del presidente Moon Jae-in ha affermato che il suo rilascio è stato effettuato nell’interesse nazionale e ha chiesto comprensione.

“Siamo ben consapevoli che ci sono opinioni di sostegno e opposte sulla libertà vigilata del vicepresidente Jay Y Lee. Anche le opinioni delle persone che si oppongono sono giuste”, ha affermato.

“D’altra parte, ci sono state molte persone che hanno chiesto la sua libertà vigilata in questa grave crisi, sperando che aiuti il ​​Paese per quanto riguarda i semiconduttori e i vaccini”.

 

Lee Jae-yong non è fuori dai guai, non si esclude la reincarcerazione per altri crimini

Lee Jae-yong

Tuttavia, le condizioni per la libertà vigilata di Lee Jae-yong includono cinque anni di restrizioni commerciali: non è chiaro se sarà in grado di gestire l’azienda a meno che non ottenga un’esenzione. Avrà anche bisogno dell’approvazione per eventuali viaggi all’estero.

Lee è anche indagato per frode e aggiotaggio e se ritenuto colpevole potrebbe essere nuovamente incarcerato. Questa sembra essere una decisione nell’interesse economico del paese, del ministero della Giustizia della Corea del Sud. Libera l’erede di Samsung e aiuta la ripresa Covid del Paese, ma tutto questo ha un costo politico, e non con poche ripercussioni dell’opinione pubblica.

“Rilasciarlo non segue la pratica ordinaria delle forze dell’ordine”

Vladimir Tikhonov, Università di Oslo

Il presidente Moon Jae-in è salito al potere con la ferma promessa di spezzare il legame tra grandi imprese e governo. Milioni di persone hanno protestato per mesi per mettere sotto accusa il suo predecessore Park Geun-hye e più di mille gruppi civici legati a queste proteste hanno scritto una lettera chiedendo, che il cosiddetto “Principe ereditario di Samsung” non fosse perdonato.

Ma la pressione per liberare Lee Jae-yong è arrivata dalla Camera di commercio degli Stati Uniti insieme a Samsung. Le aziende americane hanno sostenuto che il suo rilascio era vitale per aiutare a combattere una carenza di chip per computer. Samsung sta attualmente valutando investimenti multimiliardari in impianti di semiconduttori negli Stati Uniti, che è parte di una strategia incrociata degli Stati Uniti e Samsung, per riportare in auge il “Made in USA”.

Vale anche la pena notare che all’inizio di quest’anno la legge è stata modificata per consentire ai prigionieri di essere considerati per la libertà vigilata dopo aver scontato il 60% della pena. Ciò ha permesso al signor Lee Jae-yong di essere rilasciato oggi. Non gli è stato concesso il perdono.

Ma, mentre ci avviciniamo a pieno ritmo alla stagione delle elezioni presidenziali in Corea del Sud, il calcolo effettuato dall’attuale amministrazione è che gli elettori ricompenseranno il partito al governo per le sue decisioni economiche, più che se si fosse attenuto alle sue precedenti promesse di escludere le aziende dalla politica.

A quanto pare i coreani preferiscono l’oligarchia alla crisi economica, e questo dimostra che è uno stato che accetta la corruzione e l’appropriazione indebita, a patto di mantenere il tenore di vita dei cittadini.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Che ne pensi di questa decisione dei giudici coreani? Facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0