Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
made in america

Apple Made in America? Scordatelo

Il "Made in America" ​​è raro, anche se dai sondaggi sarebbe molto richiesto, ma è anche comico che molti utenti Apple credano che il loro iPhone sia Made in USA

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

 

Made in America: Il video di Apple di 15 minuti inizia con musica allegra con una diapositiva che recita come titolo “We Are Manufacturing”. Taglia su un’inquadratura di un cielo azzurro e limpido, con tre bandiere che sventolano nella brezza. Ci sono le stelle e strisce, la bandiera dell’orso della California e un colorato logo Apple.

La telecamera si sposta verso un edificio dall’aspetto high-tech e un narratore ci dice che siamo a Fremont, in California, a circa un’ora di macchina dal cuore della Silicon Valley.

“Persone e macchine lavorano insieme per costruire i personal computer della più alta qualità del settore”, afferma il narratore. Lo schermo scorre attraverso le immagini di microchip e schede che si muovono attraverso una catena di montaggio mentre i lavoratori le testano e le ispezionano.

“Questa struttura combina attrezzature all’avanguardia con una forza lavoro qualificata per raggiungere l’eccellenza nella produzione”.

Alla fine, le parti finiscono all’interno di un computer Macintosh, che viene imballato, inscatolato e caricato su un camion diretto a un negozio per essere venduto.

Questo non è un artefatto proveniente da un universo alternativo in cui Apple costruisce la sua tecnologia negli Stati Uniti. È un video di marketing che risale a più di tre decenni fa, dai giorni felici in cui il co-fondatore di Apple Steve Jobs era ossessionato dal mostrare che la sua azienda era abbastanza esperta da produrre la sua tecnologia negli Stati Uniti, così come la potente elettronica di consumo giapponese, i giganti del tempo, anche se il vero pioniere del personal computer fu Olivetti.

Piccolo spoiler, Apple non potrebbe. La fabbrica è stata chiusa nel 1992 e l’azienda ha spostato quei posti di lavoro in Asia.

Oggi, milioni di posti di lavoro nell’industria manifatturiera americana si sono spostati all’estero e molte aziende si affidano quasi interamente a fabbriche che si trovano su una barca, in aereo o in una macchina, molto più lontano dai loro clienti di quanto si creda.

La pandemia di COVID-19 ha mostrato quanto sia fragile l’intero sistema. Molte fabbriche in Cina sono state costrette a chiudere quando il virus ha iniziato a diffondersi. Ma non è tutto. Anche se le fabbriche cinesi hanno iniziato a riavviare lentamente la produzione, le aziende hanno dovuto affrontare interruzioni nelle spedizioni, negli autotrasporti e nei viaggi aerei. E abbastanza presto, gli scaffali nei negozi di tutto il paese hanno iniziato a svuotarsi.

Esperti e sostenitori della produzione affermano che l’anno scorso ha evidenziato come, anche in caso di difficoltà, le fabbriche americane non siano state in grado di colmare il divario. È anche in parte il motivo per cui a gennaio il presidente Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo che rafforza le regole del “Compra americano”, incoraggiando il governo federale a spendere il suo budget multimiliardario per l’acquisto di beni con un massimo del 75% di parti prodotte negli Stati Uniti.

made in america

L’aumento della domanda di prodotti americani, spera, farà sì che le aziende inizino a reinvestire nella produzione in casa per soddisfare tale domanda.

“Quei lavori non torneranno.”
Steve Jobs – Apple  2011

Biden non è il solo a cercare di risolvere questo problema. Il successore di Jobs, il CEO Tim Cook, ha promesso ad aprile che Apple spenderà $ 430 miliardi in investimenti statunitensi che aggiungeranno 20.000 posti di lavoro negli Stati Uniti nei prossimi cinque anni per lavorare su wireless 5G, intelligenza artificiale e chip di silicio.

Ma c’è un limite a quanto può andare lontano. Anche con questo investimento multimiliardario, è improbabile che Apple e Cook faranno della produzione statunitense la prossima grande novità per i prodotti chiave di Apple.

L’iPhone, la principale fonte di guadagno di Apple, molto probabilmente continuerà ad essere assemblato nelle fabbriche in Cina per molti anni a venire. Per apportare tale cambiamento, gli Stati Uniti dovrebbero investire per anni in nuove tecnologie di produzione, compensando al contempo salari più bassi e altri costi dall’estero, affermano esperti e sostenitori.

Gli Stati Uniti avrebbero anche bisogno di ricostruire i propri sistemi di apprendistato e istruzione (al momento l’università costra tra i $150mila ed i $500mila) per migliorare la pipeline dei lavoratori americani per i lavori di produzione e convincere le persone che è un campo di carriera utile a cui unirsi.

La catena di fornitura globale di componenti per i prodotti che gli americani amano: telefoni cellulari, automobili, computer, frigoriferi, posate, mobili da giardino, dovrebbe espandersi anche sulle coste americane.

Ma forse il più grande ostacolo alla produzione americana sono gli americani stessi, che scelgono solo con il loro portafogli. E anche se i sondaggi “Compra americano” sembrano andar bene, sembra che tutti continuino a comprare roba, senza fregarsene da dove provenga.

“Sono davvero disposta a fare il lavoro di ricerca, per trovare ciò che è prodotto negli Stati Uniti o trovare ciò che è stato prodotto localmente e acquistarlo per dare il mio segnale al sistema?” afferma Krystyn Van Vliet, professoressa, vicepresidente della ricerca e rettrice associata presso il Massachusetts Institute of Technology, che cerca modi per portare nel mondo reale i prodotti progettati dalla ricerca del MIT.

Aggiunge: “I consumatori segnalano ai produttori ciò che vogliono, quindi abbiamo una responsabilità se vogliamo che questo cambi”.

Decenni fa, le case automobilistiche, i produttori di farmaci e alcuni produttori di giocattoli fabbricavano i loro prodotti negli Stati Uniti (tranne le Barbie). Ma in questi giorni in tutto il mondo, molti dei vestiti che si tovano sugli scaffali dei negozi o negli armadi probabilmente provengono, almeno in parte, da paesi come Vietnam, Bangladesh e Colombia.

Le figurine di Mattel e altri giocattoli sono prodotti in Cina, Indonesia e Messico, tra gli altri luoghi. Stamattina per esempio, mi sono rasato con una lametta in acciaio cinese.

E se vuoi monitorare i prodotti dell’industria tecnologica, è ancora più difficile. Poiché i gadget e gli aggeggi sono diventati più piccoli, più avanzati e integrati nelle nostre vite, l’industria tecnologica si è trasformata in una vasta rete mondiale di fornitori e produttori. I minerali estratti dalle miniere in Africa, Australia, Sud America e Stati Uniti fanno viaggi in tutto il mondo per essere fusi, trattati, estrusi e modellati in microchip, sensori, batterie e persino speciali tipi di vetro.

Tutto sembrava funzionare bene, comunque fino alla pandemia. Poi la chiusura delle fabbriche in Asia ha contribuito alla carenza di automobili, farmaci vari e persino aglio (la Cina ne cresce l’80% dell’offerta mondiale). Gli esperti affermano che la mancanza di capacità produttiva americana significava che avrebbero lottato, anche in un’emergenza nazionale, per costruire tutto ciò di cui avrebbero avuto bisogno.

E anche Apple, nota da tempo come una delle aziende della catena di approvvigionamento più sofisticate al mondo, ha avvertito che la carenza di parti stava limitando il numero di tablet iPad e computer Mac che poteva costruire.

Da parte sua, Biden scommette che i trilioni di dollari di potere d’acquisto del governo federale aiuteranno a convincere le aziende a iniziare a reinvestire negli Stati Uniti, anche dopo che la minaccia della pandemia sarà passata. “Ci assicureremo che comprino americani e siano fatti in America”, ha detto Biden dopo aver firmato l’ordine “Compra americano”, affiancato da un cartello che mostrava il sigillo presidenziale e diceva “Il futuro sarà fatto in America.”

Il 28 luglio, Biden ha aggiunto al suo ordine aumentando la percentuale di parti che devono costituire un prodotto per essere considerato “Made in America”, dal 55% al ​​60% e infine al 75%. Parlando in uno stabilimento di produzione di Mack Trucks in Pennsylvania, Biden ha sottolineato che il governo federale possiede circa 600.000 auto e che non abbastanza parti dei veicoli sono prodotte negli Stati Uniti.

Made in America: Apple non è sola nel problema

made in america

Fare più prodotti in America è un’idea che i presidenti di entrambi i partiti hanno cercato a lungo di spingere. Donald Trump, il cui cappello, cravatte e altri oggetti MAGA sono realizzati in Cina, ha vinto la presidenza nel 2016 con l’aiuto di stati manifatturieri come Pennsylvania, Ohio, Michigan e Wisconsin.

Ha promesso di riportare a casa i lavori nelle fabbriche americane. Alcuni di questi lavori sono tornati negli Stati Uniti durante i suoi quattro anni in carica, ma all’incirca allo stesso ritmo che durante l’amministrazione di Barack Obama.

Biden spera di fare più progressi rispetto ai suoi predecessori creando un nuovo team “Made in America” ​​all’interno dell’Office of Management and Budget. Ad aprile ha incaricato Celeste Drake, sostenitrice dei diritti dei lavoratori di lunga data e collegamento con il governo in vari sindacati, di agire come primo direttore. Il ruolo di Drake è assicurarsi che il governo federale premi le aziende con sede negli Stati Uniti, comprese le piccole imprese, assegnando loro contratti governativi.

“Le leggi Made in America non sono un semplice esercizio di conformità”, ha scritto Drake in un post sul blog di giugno sul sito web della Casa Bianca, “ma un’opportunità per sostenere gli obiettivi del presidente per affrontare il cambiamento climatico, promuovere la giustizia dei lavoratori e ambientale e ricostruire un una base manifatturiera nazionale più forte”.

A dire il vero, ci sono ancora alcune cose che vengono prodotte in America, anche se non sono iPhone. Wahl produce i motori per i suoi tagliacapelli premium e Weber produce le sue griglie di prim’ordine. Il trailer Airstream è ancora realizzato in Ohio e il musicista jazz Doc Severinsen acquista i suoi strumenti da una piccola azienda del Massachusetts. Si può cuocere una torta con un robot da cucina KitchenAid di fabbricazione americana.

Corning produce vetro per auto, elettrodomestici da cucina e telefoni da fabbriche in luoghi come il Kentucky. E come dimenticare il famoso cappello in schiuma Wisconsin Cheesehead, ancora prodotto a Milwaukee.

“Se la tua motivazione sarà sempre quanto profitto posso realizzare, non potrai mai cambiare il sistema.”
Steven Yde, Wahl Clipper Corporation

Ma la verità è che, sebbene l’America produca alcuni prodotti premium a livello nazionale, acquistare prodotti completamente americani ogni giorno non è facile. Molte cose non vengono più prodotte in una singola città o fabbrica. Invece, è assemblato da parti riunite da tutto il mondo. Ciò è particolarmente vero per qualsiasi cosa con una batteria o un microchip.

made in america

Anche la mia crema per le mani screpolate dice che è “confezionata in Italia con prodotti di esportazione”. Immagina in America con la loro richiesta di mercato. Credo che questo problema vada risolto a livello globale con una maggiore sensibilizzazione dei consumatori.

“Questo è un problema, ma non irrisolvibile”, ha affermato Harry Moser, capo della Reshoring Initiative, un’organizzazione di advocacy il cui slogan è “riportare la produzione a casa” e che è supportato in parte dall’Association for Manufacturing Technology.

È d’accordo con gli analisti che affermano che non esiste una soluzione per riportare il “Made in America” ​​a quello che era una volta. Ci vorrebbe circa un decennio di investimenti concertati, dice, per laureare persone con le giuste competenze, certificati, formazione o titoli necessari per ricostruire la capacità produttiva americana. Ci vorranno anni anche per spostare le catene di approvvigionamento attualmente focalizzate sul portare parti in entrata e in uscita dall’Asia.

“Quando riporteremo indietro la produzione, metteremo più persone in quei lavori, e poi avremo tutta quell’esperienza”, dice Moser.

Supporta anche gli investimenti in apprendistati e centri di formazione, per aiutare le persone ad apprendere le competenze di cui hanno bisogno per entrare o cambiare carriera. E crede che il governo degli Stati Uniti debba imporre con attenzione tariffe e tasse sul valore aggiunto per “eliminare l’inclinazione dal campo di gioco”, riferendosi ai sussidi segnalati dal governo cinese alle sue industrie per mantenere bassi i prezzi.

“Non esiste una cosa sola che possa portare a termine queste cose”, aggiunge Moser.

A quanto pare, riportare indietro la produzione americana non sarà facile come “Buy American”, perché è difficile definire cosa significhi “Made in America”.

Cars.com, ad esempio, pubblica un elenco annuale di auto le cui parti sono state prodotte in Nord America, compilato utilizzando programmi di etichettatura governativi. Ma anche questo è difficile da rintracciare. “Questa nozione di essere ‘molto americani’ è diminuita nel corso degli anni”, ha affermato Kelsey Mays, editore di notizie per i consumatori.

L’anno scorso, il sondaggio ha rilevato che almeno 121 dei 344 veicoli passeggeri venduti negli Stati Uniti sono stati assemblati in america. Ciò include la Ford Mustang e la Jeep Cherokee, assemblate rispettivamente nel Michigan e nell’Illinois. In cima alla lista ci sono le berline Tesla Model 3 e Model Y, che sono assemblate a Fremont, non lontano dal vecchio sito di fabbrica Mac di Apple.

“In un mondo perfetto, compreresti un prodotto in cui tutta la ricerca e lo sviluppo, la produzione, la produzione e tutto il resto, provengano dalla tue parti”, ha detto Mays. Ma poiché le case automobilistiche hanno ampliato la loro portata, con auto realizzate per essere vendute allo stesso modo a Chattanooga e Chongqing, i posti di lavoro nella produzione americana e l’esperienza basata sulle competenze necessarie per lavorarli sono diminuiti.

Quello che deve succedere dopo, e non così tanto negli Stati Uniti, sono investimenti e più innovazione in nuovi tipi di produzione. Abbiamo bisogno di inventare cose come processi per riciclare i materiali usati in nuovi o inventare una tecnologia avanzata per fare la prossima grande cosa. “Si tratta di un’enorme opportunità di crescita della forza lavoro per noi”, ha affermato l’Associate Provost Van Vliet del MIT. “Ci vuole tecnologia e ci vogliono investimenti.”

Per le aziende che lo fanno bene, può esserci una grande ricompensa, ha detto. Ma in questo momento le aziende, le scuole e le famiglie statunitensi non sono concentrate sul fare in modo che ciò accada.

“Ci sono abilità associate alla produzione che hanno lasciato gli Stati Uniti”, ha detto Cook di Apple in un’intervista del 2012 con NBC. Non si tratta solo della manodopera a basso costo per avvitare, incollare e testare le parti mentre scendono lungo un nastro trasportatore. Gli esperti affermano che gli Stati Uniti non stanno insegnando a un numero sufficiente di persone le competenze complesse per aiutare a costruire e gestire queste complesse linee di produzione.

“E’ triste. Come possiamo recuperarlo?” ha chiesto il presentatore della NBC Brian Williams. Cook ha detto che ci vorrebbe “uno sforzo concentrato per riaverli indietro”.

Quando Obama fece questa domanda a Jobs durante una cena con i luminari della Silicon Valley un anno prima nel 2011, il New York Times riferì che il co-fondatore di Apple era meno ottimista e più schietto. “Quei lavori non torneranno”, disse Jobs.

Steven Yde ha lavorato nel mondo dei prodotti di consumo per tre decenni, ma continua a tornare a un’esperienza che ha avuto circa 20 anni fa. All’epoca, osservò da vicino l’acquisto dell’azienda di prodotti di consumo per cui lavorava e la chiusura dello stabilimento di Manitowoc, nel Wisconsin.

La sua esperienza è stata tutt’altro che unica; circa la metà dei posti di lavoro nella produzione di computer e prodotti elettronici negli Stati Uniti è scomparsa tra il 2000 e il 2005, secondo i dati raccolti dalla Brookings Institution.

made in america

Nel 2010 erano scomparsi più di 5 milioni di posti di lavoro nell’industria manifatturiera di ogni tipo. Molti di loro sono stati trasferiti in Cina o in Messico, dove Brookings ha affermato che gli stipendi sarebbero stati inferiori dell’80% rispetto agli Stati Uniti.

“Era semplicemente devastante e una cosa orribile con cui essere coinvolti”, ha ricordato Yde. “Ho sempre pensato che il nostro vantaggio competitivo fosse il fatto che potevamo costruire un prodotto proprio qui negli Stati Uniti”.

“Questo è un problema, ma non irrisolvibile.”
Harry Moser, l’Iniziativa di Reshoring

L’esperienza di Yde è arrivata in un momento in cui anche la produzione cinese era in piena espansione. Le aziende occidentali hanno appreso che negli anni trascorsi dalla visita del presidente Richard Nixon nel paese nel 1972, la Cina si stava trasformando in una potenza manifatturiera avanzata.

Non si trattava solo di manodopera a basso costo, che secondo gli esperti aiuta a compensare i costi associati alla spedizione di merci attraverso oceani e continenti. In un paese di oltre un miliardo di persone, i datori di lavoro potrebbero, rapidamente e con poco sforzo, assumere migliaia di persone disposte a lavorare in una catena di montaggio.

Il passaggio ai fornitori asiatici è accelerato man mano che aumentava anche la concorrenza tra di loro”, ha affermato Shane Rau, analista di IDC. Di conseguenza, i fornitori asiatici “sono diventati ancora migliori in quello che facevano”, spingendo i produttori statunitensi ancora più indietro.

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, dalla Duke University e da altri, la richiesta significava che entro il 2005 la Cina stava pompando almeno 200.000 ingegneri all’anno. Gli Stati Uniti, nel frattempo, si laureavano meno della metà di tanti, e la principale causa per noi europei è evidente, i costi dell’istruzione.

Nel 2004, Yde ha iniziato a lavorare presso Wahl Clipper Corporation, un’azienda a conduzione familiare a Sterling, Illinois, che produce tagliacapelli di alta qualità. A differenza dei suoi colleghi della Rust Belt, Wahl aveva resistito all’esternalizzazione di tutti i suoi lavori di produzione all’estero.

Invece, ha scelto di aprire fabbriche in posti come Vietnam, Ungheria e Cina, per servire i clienti in quelle aree. I clipper per i clienti statunitensi erano ancora in gran parte realizzati in Sterling. Yde chiama questo approccio produzione regionale”.

Il primo giorno, Yde è stato chiamato nell’ufficio del capo e gli è stato detto che aveva due responsabilità nel suo nuovo lavoro. Aveva bisogno di aumentare le vendite e il profitto, ovviamente, e di mantenere il lavoro in casa. “Queste furono le parole migliori che sentii dalla bocca di chiunque da quando ero in affari”, ricorda di aver detto al suo capo.

Ora, in qualità di responsabile del marketing dei prodotti di consumo presso Wahl, è un sostenitore del Made in Americaa. Yde sostiene che molte aziende pubbliche ossessionate dal profitto devono reinvestire nelle loro comunità con lavori di produzione, che in genere pagano più del lavoro nel settore dei servizi.

Ha detto che i sondaggi interni di Wahl indicano anche che le generazioni più giovani vogliono “acquistare dai locali”, tra le altre tendenze incentrate sulla comunità. Pew Research ha scoperto che i cambiamenti climatici e le questioni ambientali sono le principali preoccupazioni per i millennial e anche per la Generazione Z.

Ciò potrebbe essere una minaccia per l’immagine della Cina, considerando il suo storico record di inquinamento in un momento in cui le emissioni statunitensi sono in declino. Tutto ciò potrebbe essere un forte incentivo per un’azienda che fa il salto per produrre prodotti a casa.

“Se la tua motivazione sarà sempre quanto profitto posso realizzare, non potrai mai cambiare il sistema”, ha detto Yde. “Ci sono vantaggi come marketer nel dire, ‘Made in the USA'”.

Ma le parti coinvolte nei prodotti Wahl’s raccontano una storia più complessa. Yde dice che non ci sono aziende statunitensi che costruiscono i tipi di trasformatori, motori, schede di controllo e batterie necessari per alimentare un trimmer ricaricabile senza fili, e quindi questi sono realizzati all’estero e quindi importati negli Stati Uniti.

“Vorrei che qualcuno tornasse e gareggiasse”, ha detto. Anche se i costi aumentassero il prezzo di partenza di $ 15 per i suoi clipper, il premio di Wahl come marchio convincerebbe comunque le persone. “Ma non li trovi, non esistono.”

“La nostra attività è raddoppiata” a $ 10 milioni, ha detto, da persone che cercavano stoviglie più belle su cui mangiare perché cucinavano e mangiavano di più a casa.

Come Wahl’s, i prodotti Sherrill sono premium. Ma Owens ha affermato di essere in grado di mantenere i prezzi competitivi evitando i rivenditori, che si prendono una fetta della vendita. Invece, offre prodotti suoi e dei partner sul suo sito Web, nonché tramite Amazon. Di conseguenza, può competere con i grandi magazzini come Target e Walmart, anche se impiega 70 persone nella sua fabbrica di New York e si procura l’acciaio per le sue posate dalla Pennsylvania.

“Aziende come la nostra stanno iniziando a utilizzare i social media per raggiungere le persone in modo che le persone si identifichino e si innamorino del tuo marchio”, ha affermato. Alcune persone stanno rispondendo anche al suo messaggio ambientale, mettendo a confronto i prodotti di Sherrill con le cose più economiche che potresti dover sostituire in pochi anni. “Diciamo: ‘Compralo una volta e durerà una vita.'”

Parte di ciò che trattiene la produzione americana è culturale. Il Boston Consulting Group ha rilevato in un sondaggio del 2013 che oltre l’80% degli americani ha dichiarato di essere disposto a pagare di più per prodotti Made in America, il 93% dei quali afferma che è perché vogliono proteggere i posti di lavoro.

L’intervistato medio ha anche affermato di essere disposto a pagare fino al 60% in più per i giocattoli in legno per bambini prodotti negli Stati Uniti, ad esempio, e il 19% in più per le cucine a gas prodotte negli Stati Uniti.

Ma avanziamo velocemente di quasi un decennio e troviamo che l’impegno sta calando. Un sondaggio Reuters-Ipsos pubblicato a marzo ha rilevato che il 69% degli americani ha affermato che è almeno in qualche modo importante che un articolo sia prodotto negli Stati Uniti. Ma meno della metà sarebbe disposta a pagare più del 10% di premio.

Alcuni sostenitori dicono che sta ai consumatori votare per le aziende americane con i loro portafogli. “Noi come consumatori dobbiamo decidere da soli, e renderlo nostro dovere patriottico, spendere in prodotti americani per salvare posti di lavoro americani”, ha affermato Don Buckner, capo di MadeInAmerica.com, che gestisce un sito Web e una fiera incentrata sul collegamento dei produttori , fornitori e rivenditori.

“Se il consumatore vuole prodotti di fabbricazione americana, i rivenditori compreranno prodotti Made in America”.

Reuters ha affermato che i risultati del sondaggio non sono cambiati molto nei quattro anni dall’inizio del sondaggio, nello stesso periodo in cui Trump ha vinto le elezioni presidenziali del 2016. E anche con la presunta ondata di domanda da parte degli intervistati, il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti ha riferito che il settore manifatturiero non ha visto miglioramenti fuori misura nei posti di lavoro o nella produzione interna durante il mandato di Trump.

Ciò nonostante i suoi tagli spesso propagandati all’aliquota dell’imposta sulle società, i rollback dei regolamenti e l’aumento delle tariffe sui beni cinesi. La pandemia sembra aver cambiato le cose per alcune aziende almeno, poiché le persone hanno aumentato i loro acquisti online.

Greg Owens, capo della Sherrill Manufacturing, ha affermato che le vendite della sua azienda e delle sue posate Liberty Tabletop prodotte negli Stati Uniti sono aumentate durante la pandemia.

Made in America, in crescita, ma non quanto dovrebbe

made in america

Il settore manifatturiero americano ha goduto di una serie di buone notizie negli ultimi anni. I posti di lavoro nell’industria sono tornati costantemente dalla fine del 2009, il primo anno di Obama come presidente. La produzione, che è cresciuta costantemente di pari passo, ha finito per aumentare di circa il 50% anche in quel periodo, a oltre $ 6 trilioni, secondo i dati della Federal Reserve Bank di St. Louis e il censimento degli Stati Uniti.

Tuttavia, le dimensioni del settore manifatturiero non sono affatto vicine al picco di 19,5 milioni di posti di lavoro nel 1979. L’industria è stata colpita più duramente nel decennio successivo al 2000, perdendo più di 5 milioni di posti di lavoro, secondo i sondaggi del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti. La produzione americana ha perso 11,4 milioni di posti di lavoro durante la grande recessione e di nuovo durante la pandemia di coronavirus, segnando i totali più bassi da prima della seconda guerra mondiale.

Ora la pandemia, e i problemi con la catena di approvvigionamento globale che ha evidenziato, possono aiutare a convincere le aziende a investire di nuovo nel Made in America. Tre dei più grandi produttori di chip al mondo, Intel, TSMC e Samsung, hanno impegnato un totale di circa 42 miliardi di dollari in nuovi impianti di produzione di chip con sede negli Stati Uniti in Arizona e Texas, con voci che turbinano secondo cui il numero potrebbe crescere ancora di più.

Il produttore di utensili Stanley Black & Decker ha affermato che è in procinto di aprire un nuovo stabilimento da 90 milioni di dollari in Texas che utilizza un mix di automazione e lavori qualificati per mantenere i costi di produzione in linea con quelli della Cina.

Il processo è iniziato prima della pandemia, quando Black & Decker ha deciso di investire nella produzione al di fuori della Cina per proteggere le proprie catene di approvvigionamento da potenziali interruzioni. Dopo un anno e mezzo, l’azienda sta iniziando ad aprire i suoi nuovi stabilimenti negli Stati Uniti.

“Pensiamo che la produzione sia un grande vantaggio”, ha affermato Sudhi Bangalore, capo della tecnologia di Stanley Black & Decker e responsabile della produzione intelligente. La società sta investendo fondi per ricerca e sviluppo nell’automazione, nei robot che assistono il processo di produzione e nella stampa 3D.

In definitiva, Black & Decker spera che il 60% dei prodotti che vende in Nord America venga realizzato in America, rispetto a circa il 45% di oggi, ha affermato Bangalore. Ma gli investimenti aziendali negli stabilimenti americani e nelle persone che acquistano prodotti fabbricati in America vanno solo fino a un certo punto, ha aggiunto.

Le persone dovranno anche iniziare a incoraggiare i propri figli a lavorare nel campo. E coloro che già lavorano nel settore dovranno probabilmente abituarsi alla riqualificazione, applicando le competenze da un tipo di lavoro all’altro.

“Devi credere che c’è qualcosa nell’eccitare la nuova generazione di persone nella produzione”, ha aggiunto Bangalore. “Devi mostrare alle mamme e ai papà che questo può essere un posto eccitante in cui stare”.

Il lavoro di Black & Decker inizia a farsi notare. La società di consulenza PwC ha affermato che il produttore di utensili era una delle due società identificate tra 1.000 società quotate in borsa che hanno speso i loro dollari in ricerca e sviluppo in modo più efficiente rispetto ai loro colleghi del settore. L’altro era Apple.

Da parte sua, l’impegno di $ 430 miliardi del produttore di iPhone sarà in campi come la produzione di chip e la tecnologia wireless 5G. Uno di questi investimenti avviene attraverso il suo Advanced Manufacturing Fund, che ha assegnato 450 milioni di dollari a Corning, il produttore di vetro con sede nel Kentucky. (Corning ha recentemente aiutato Apple a produrre il suo scudo in ceramica resistente ai graffi per l’iPhone 12.)

Apple sta anche producendo di nuovo computer Mac negli Stati Uniti. Nel 2019, poco prima della pandemia, Apple ha annunciato che il suo computer Mac Pro da $ 5,999 sarebbe stato costruito in una struttura ad Austin, in Texas, espandendo gli sforzi iniziati nel 2013.

Vantando la sua capacità di reperire componenti da “produttori e fornitori in Arizona, Maine, New Mexico, New York, Oregon, Pennsylvania, Texas e Vermont”, la società ha dichiarato all’epoca che “il valore dei componenti fabbricati in America nel nuovo Mac Pro è 2,5 volte maggiore rispetto alla generazione precedente di Mac Pro di Apple”. Peccato però che non si possa dire lo stesso delle prestazioni.

Cook di Apple ha portato l’allora presidente Trump in un tour della struttura prima che il suo nuovo prodotto fosse ufficialmente in vendita a dicembre. Sebbene Apple abbia rifiutato di dire di cosa hanno discusso i due uomini, è una buona scommessa che il narratore di quel vecchio video Macintosh sarebbe stato comodamente a casa a descrivere ciò che i due uomini hanno visto mentre attraversavano il pavimento della fabbrica, incontrando i lavoratori e osservando i macchinari.

Qualunque cosa abbia detto Cook, Trump ne è uscito impressionato. “Parlerei sempre di Apple, che voglio vedere Apple che costruisce impianti negli Stati Uniti”, ha detto Trump. “Ed è quello che sta succedendo.”

Sì, anche se è piccolo. I computer Mac hanno rappresentato solo il 10% delle vendite annuali di Apple lo scorso anno e il potente Mac Pro, progettato per la grafica professionale, l’editing audio e video, non è tra i suoi computer più venduti se misurato rispetto alla domanda dei consumatori.

Cook e Trump hanno anche posato con una piastra metallica incisa simile a quelle sul retro di ogni nuovo computer Mac Pro che esce dalla struttura. Diceva: “Progettato da Apple in California. Assemblato negli Stati Uniti”.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Che ne pensi della produzione interna e del sostegno dei consumatori? Facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0