La cannabis influisce sul numero e la motilità degli spermatozoi

Un gruppo di scienziati della Washington State University ha dimostrato come l'esposizione alla cannabis causa riduzione e rallentamento degli spermatozoi non solo nei padri, ma anche nella prole, con danni al DNA e interruzioni legate allo sviluppo degli spermatozoi. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Toxicological Sciences

Usare la cannabis con un’esposizione intensa ma a breve termine vaporizzata della sostanza ha ridotto il numero di spermatozoi e ha rallentato il movimento degli spermatozoi, o motilità, non solo nei topi maschi direttamente esposti, ma anche nella loro prole. A dichiararlo in una loro ricerca è stato un gruppo di esperti della Washington State University.

La cannabis

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Toxicological Sciences.

La cannabis e la fertilità maschile: ecco cosa ha svelato la ricerca

Lo studio si basa su altri studi sull’uomo e sugli animali, dimostrando che la cannabis può ostacolare la funzione riproduttiva maschile. L’attuale studio utilizza circostanze più controllate rispetto agli studi sull’uomo, che spesso devono fare affidamento su sondaggi, ed è il primo studio riproduttivo noto a utilizzare cannabis intera vaporizzata sui topi, che è la forma più comune utilizzata dagli esseri umani.

Precedenti studi sugli animali utilizzano altri metodi di somministrazione come le iniezioni di tetraidrocannabinolo (THC), il principale componente psicoattivo della cannabis.

La cannabis
Cannabis sativa al microscopio

Sono necessarie ulteriori ricerche, ma i risultati generazionali dello studio dovrebbero far riflettere chi consuma la cannabis, ha affermato Kanako Hayashi, l’autore corrispondente dell’articolo: “Questa è una bandiera di avvertimento. Puoi prendere la cannabis per qualche tipo di stress momentaneo, ma potrebbe influenzare la tua prole“, ha detto Hayashi, che è professore associato presso la School of Molecular Biosciences della WSU.

Secondo alcune stime, il numero di spermatozoi umani è diminuito del 59% negli ultimi decenni. Ci sono probabilmente molte ragioni per questo declino, ha detto Hayashi, ma questo studio aggiunge all’evidenza che l’uso di cannabis può essere dannoso per la funzione riproduttiva maschile.

Per questo studio, i ricercatori hanno studiato 30 topi maschi adulti. Hanno esposto 15 di loro al vapore di cannabis tre volte al giorno per dieci giorni, una quantità intensa ma che imita l’assunzione di cannabis dei consumatori abituali di cannabis.

 I ricercatori hanno quindi confrontato la conta e la motilità degli spermatozoi in quei topi con il gruppo di controllo non esposto. Gli scienziati hanno scoperto che subito dopo il periodo di esposizione, la motilità degli spermatozoi dei topi è diminuita e, dopo un mese, il numero di spermatozoi ha subìto un calo.

La cannabis

I ricercatori hanno allevato molti dei topi maschi con topi femmine non esposti. La progenie maschile del gruppo esposto ha anche mostrato una diminuzione del numero e della motilità degli spermatozoi. La prole che ha vissuto la cannabis involontariamente ha anche mostrato prove di danni al DNA e interruzioni legate allo sviluppo degli spermatozoi.

“Non ci aspettavamo che lo sperma sarebbe sparito completamente o che la motilità sarebbe stata completamente compensata, ma la riduzione del numero di spermatozoi e della motilità della prole, i figli, è probabilmente un effetto diretto dell’esposizione alla cannabis del padre“, ha spiegato Kanako.

Una terza generazione, i nipoti dei topi maschi esposti, non hanno mostrato gli stessi impatti, tuttavia, il che suggerisce che l’esposizione alla cannabis ha avuto un impatto sui topi di seconda generazione in una fase di sviluppo.

Hayashi e i suoi colleghi stanno attualmente testando la teoria secondo cui l’esprre in utero la cannabis ai topi avrebbe effetti generazionali più profondi, poiché il farmaco influenzerebbe la formazione del sistema riproduttivo dei topi che potrebbe essere tramandato.

La cannabis

Attualmente ci sono oltre 200 milioni di individui che consumano la cannabis in tutto il mondo. Il maggior numero di consumatori di cannabis si trova in Asia, seguita dalle Americhe e poi dall’Africa. L’uso della cannabis varia a seconda del paese e della regione poiché le leggi che circondano la vendita e l’uso della droga differiscono notevolmente.

Alcuni paesi e regioni mantengono dure sanzioni per la vendita e l’uso della cannabis, mentre altri l’hanno depenalizzata e, più recentemente, anche completamente legalizzata per la vendita e l’uso ricreativo.

La cannabis è di gran lunga la droga illecita più utilizzata al mondo.La cannabis produce effetti fisici e mentali che modificano la percezione del consumatore, migliorano l’umore e aumentano l’appetito, ma possono anche causare ansia e paranoia.

 C’è stato un aumento di interesse de negli ultimi anni sugli scopi terapeutici della cannabis, con un certo numero di paesi che l’hanno legalizzata per questo scopo. Come medicinale è stato scoperto che riduce la nausea e il vomito durante la chemioterapia, riduce il dolore cronico e migliora l’appetito.

La cannabis

Allo scopo di legalizzare la cannabis anche un Italia, sono state raccolte più di 500 mila firme. Questo darà il via al referendum sulla questione, lasciando agli italiani l’ultima parola sull’argomento.

Sei favorevole all’uso legalizzato della cannabis per scopi terapeutici? Ritieni che le persone sfavorevoli alla legalizzazione della cannabis siano poco informate o condizionate da determinati retaggi socio-culturali? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI