intel

Intel si scusa con la Cina per la dichiarazione del fornitore dello Xinjiang

Intel si è scusata in Cina giovedì dopo che la sua lettera in cui diceva ai fornitori di non rifornirsi di prodotti o manodopera dalla regione dello Xinjiang ha innescato un contraccolpo

Naviga tra i contenuti

Il produttore di chip statunitense Intel ha recentemente pubblicato quella che ha descritto come una lettera annuale ai fornitori, datata dicembre, secondo cui era “necessario garantire che la sua catena di approvvigionamento non utilizzasse manodopera o approvvigionasse beni o servizi dalla regione dello Xinjiang”, a seguito delle restrizioni imposte da “più governi”.

Gli Stati Uniti hanno accusato la Cina di diffuse violazioni dei diritti umani nello Xinjiang, patria degli uiguri prevalentemente musulmani del Paese, compreso il lavoro forzato. Ma Pechino ha ripetutamente negato le affermazioni.

La lettera di Intel, sul sito Web dell’azienda e in diverse lingue, ha suscitato critiche in Cina da parte dello stato e dei social media, con richieste di boicottaggio. In una dichiarazione in lingua cinese giovedì sui suoi account ufficiali WeChat e Weibo, Intel ha affermato che il suo impegno a evitare le catene di approvvigionamento dallo Xinjiang era un’espressione di conformità alla legge degli Stati Uniti, piuttosto che una dichiarazione della sua posizione sulla questione.

“Ci scusiamo per i problemi causati ai nostri rispettati clienti cinesi, partner e pubblico. Intel si impegna a diventare un partner tecnologico affidabile e ad accelerare lo sviluppo congiunto con la Cina”, ha affermato Intel.

Intel non ha risposto immediatamente alle richieste di commento della stampa, prendendo tempo per nascondere la mano che ha lanciato il sasso. Altre grandi multinazionali sono state messe sotto pressione per i loro obiettivi di rispettare le sanzioni relative allo Xinjiang pur continuando ad operare in Cina, un enorme mercato e base di approvvigionamento.

Intel incastrata da un errore di politica estera

intel

Su Weibo, simile a Twitter, in Cina, il cantante Karry Wang ha dichiarato che non avrebbe più lavorato come ambasciatore del marchio per Intel, aggiungendo in una dichiarazione che “gli interessi nazionali superano tutto”.

Molti utenti di Weibo hanno deriso le scuse di Intel come un tentativo di proteggere le vendite in Cina, con un utente che diceva “un errore è un errore! Ritira la dichiarazione sullo Xinjiang!”L’hashtag “Le scuse di Intel sono sincere?” era di tendenza su Weibo giovedì pomeriggio.

Intel, che ha 10.000 dipendenti in Cina, ha affermato nelle sue scuse di “rispettare la delicatezza del problema in Cina”. Il ministero degli Esteri cinese ha affermato che “le accuse di lavoro forzato nello Xinjiang sono bugie inventate dalle forze americane anti-cinesi” volte a destabilizzare la Cina e ostacolarne lo sviluppo.

“Prendiamo nota della dichiarazione e speriamo che la società interessata rispetti i fatti e distingua il bene dal male”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian durante un briefing quotidiano a Pechino.

La presenza di Intel in Cina include siti di assemblaggio e test a Shanghai e Chengdu. A luglio, il rivenditore di moda svedese H&M ha registrato un calo del 23% nelle vendite in valuta locale in Cina per il trimestre marzo-maggio dopo aver espresso preoccupazione per i diritti umani nello Xinjiang.

Viene da chiedersi se le politiche restrittive statunitensi, non siano davvero volte a mirare ad una distrazione dal problema più grande, l’incompetenza dimostrata durante questa crisi del silicio, che sta letteralmente indebolendo il mercato USA. Di certo la colpa non può essere delle aziende cinesi che già a settembre 2020 presero provvedimenti per garantire gli approvvigionamenti di chip coassiali.

Che ne pensi di questa caduta di Intel? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI