Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
covid disturbi psicologici

Il Covid può innestare disturbi psicologici

Il Covid può infettare le cellule cerebrali, portando a una reazione che potrebbe scatenare disturbi neurologici e psicologici

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Il Covid può infettare le cellule cerebrali, portando a una reazione che potrebbe scatenare disturbi neurologici e psicologici, giovedì ricercatori olandesi lo hanno confermato. Sebbene la diffusione del coronavirus si fermi rapidamente, portando a danni limitati dopo essere entrati nel cervello attraverso il naso, innesca le citochine, piccole proteine ​​​​che agiscono come messaggeri all’interno del sistema immunitario, ha affermato lo studio pubblicato sulla rivista di microbiologia mSphere con sede negli Stati Uniti.

Covid e disturbi psicologici

covid disturbi psicologici

“Questi possono svolgere un ruolo nelle infezioni locali… che possono contribuire a disturbi neurologici e psicologici tra molti ex pazienti”, ha affermato lo studio, condotto dall’Erasmus University Medical Center di Rotterdam sul Covid.

“Ciò che abbiamo osservato era simile al fatto che l’infezione da Covid raramente porta a una grave encefalite in cui il virus si diffonde in modo incontrollabile attraverso il cervello”, ha affermato Debby van Riel, virologa dell’Università Erasmus.

“Ma il fatto che Covid possa entrare nel cervello attraverso il nervo olfattivo e infettare localmente le cellule, il che porta a una risposta infiammatoria, può certamente contribuire ai disturbi neurologici”, ha affermato in una nota.

Dall’inizio della pandemia di Coronavirus, i pazienti di tutto il mondo hanno riportato disturbi neurologici e psichiatrici come problemi di memoria, mal di testa, psicosi rare e in alcuni casi encefalite.

A una persona su tre che ha contratto il COVID sono stati diagnosticati questi disturbi entro sei mesi dall’infezione, secondo un ampio studio pubblicato ad aprile sulla rivista specializzata The Lancet Psychiatry.

Dati in crescita hanno indicato che il virus potrebbe entrare nel cervello attraverso il nervo olfattivo, ha aggiunto lo studio Erasmus. Tuttavia, ciò che accade quando il virus è entrato nel cervello è rimasto poco compreso, ha affermato.

“Oltre alle nostre scoperte, probabilmente anche il sistema immunitario gioca un ruolo, ma sono necessarie ulteriori ricerche”, ha detto Femke de Vrij del dipartimento di psichiatria dell’Erasmus. “Ora abbiamo osservato il virus nelle cellule per un breve periodo di tempo. Abbiamo anche esaminato un numero limitato di cellule cerebrali”, ha detto De Vrij, aggiungendo che ulteriori ricerche “ci diranno di più su cosa fa l’infezione virale con il cervello alle strutture nel breve e lungo termine.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

che ne pensi di questa ulteriore pericolosità a lungo termine del Covid? facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0