Vaccino HPV monodose

HPV: rischio aumentato di morte per malattie cardiovascolari 

Nuove ricerche hanno confermato la correlazione tra HPV e rischio aumentato di morire a causa di malattie cardiovascolari

Secondo una ricerca pubblicata oggi sull’European Heart Journal, le donne corrono un rischio quattro volte maggiore di morire di malattie cardiovascolari se hanno un’infezione da un ceppo ad alto rischio del papillomavirus umano (HPV), un’infezione molto comune ed è noto che i ceppi ad alto rischio causano il cancro cervicale . Precedenti ricerche avevano suggerito che potesse anche contribuire all’accumulo di pericolose placche nelle arterie. Tuttavia, questo è il primo studio a dimostrare un legame tra infezione da HPV ad alto rischio e decessi per malattie cardiovascolari.

Vaccino HPV monodose

HPV: alto rischio e decessi per malattie cardiovascolari

La ricerca è stata condotta dai professori Seungho Ryu, Yoosoo Chang e Hae Suk Cheong della Scuola di Medicina dell’Università Sungkyunkwan, Seoul, Corea. Il Prof. Ryu ha affermato: “Nonostante i notevoli progressi nel controllo dei fattori di rischio ben noti per le malattie cardiache, come il fumo, il colesterolo alto, l’ipertensione e il diabete, le malattie cardiache continuano a essere una delle principali cause di morte.

“È interessante notare che questi fattori di rischio convenzionali non spiegano tutti i casi di malattie cardiache; circa il 20% si verifica in persone che non presentano questi problemi. Ciò evidenzia la necessità di indagare su altri fattori di rischio variabili. La nostra ricerca si concentra sull’esame dell’impatto dell’infezione, in particolare in relazione alla mortalità cardiovascolare , come potenziale fattore di rischio per le malattie cardiache.”

La ricerca ha coinvolto 163.250 donne coreane giovani o di mezza età che non avevano malattie cardiovascolari all’inizio dello studio. Le donne sono state sottoposte a una serie di test di screening sanitario, compreso lo screening cervicale per 13 ceppi di HPV ad alto rischio. Le donne tornavano per i controlli sanitari ogni anno o due per una media di otto anni e mezzo.

I ricercatori sono stati in grado di combinare i dati sui risultati del test sulle donne con i dati nazionali sui decessi per malattie cardiovascolari, comprese malattie cardiache e ictus.

Trattandosi di un gruppo di donne relativamente giovani e sane, il rischio di morte per malattie cardiovascolari era generalmente basso (9,1 su 100.000 in totale).

Dopo aver preso in considerazione altri fattori noti per aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, tuttavia i ricercatori hanno scoperto che le donne con HPV ad alto rischio avevano un rischio 3,91 volte maggiore di arterie bloccate, un rischio 3,74 volte maggiore di morire di malattie cardiache e un rischio 3,74 volte maggiore di morire di malattie cardiache. Il rischio di morire di ictus è 5,86 volte maggiore rispetto alle donne che non avevano un’infezionead alto rischio. I ricercatori hanno anche scoperto che il rischio era ancora più elevato nelle donne che avevano un’infezione ad alto rischio e obesità.

Il Prof. Cheong ha affermato: “Sappiamo che l’infiammazione gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella progressione delle malattie cardiovascolari e che le infezioni virali sono potenziali fattori scatenanti dell’infiammazione. L’HPV è noto per il suo collegamento con il cancro cervicale, ma la ricerca sta iniziando a dimostrare che questo virus può essere trovato anche nel flusso sanguigno ed è possibile che il virus stia creando infiammazione nei vasi sanguigni, contribuendo a bloccare e danneggiare le arterie e aumentando il rischio di malattie cardiovascolari.

“Questo studio evidenzia l’importanza di un’assistenza completa per i pazienti con HPV ad alto rischio. I medici dovrebbero monitorare la salute cardiovascolare nei pazienti ad alto rischio, in particolare quelli con obesità o altri fattori di rischio. È importante che le persone con HPV ad alto rischio siano consapevoli del potenziale rischio sia di malattie cardiache che di cancro cervicale. Dovrebbero impegnarsi in controlli sanitari regolari e adottare uno stile di vita sano per mitigare il rischio di malattie cardiovascolari”.

I ricercatori affermano che è necessario ulteriore lavoro per scoprire se l’infezione da HPV ad alto rischio ha effetti simili sugli uomini e per vedere se il vaccino HPV può prevenire le morti per malattie cardiache. Il Prof. Ryu ha aggiunto: “Se questi risultati fossero confermati, potrebbero avere implicazioni sostanziali per le strategie di sanità pubblica. L’aumento dei tassi di vaccinazione HPV potrebbe essere una strategia importante per ridurre i rischi cardiovascolari a lungo termine”.

Sindrome del cuore rigido, aneurisma aortico, Ventricolo singolo, terapia genica, HPV

In un editoriale di accompagnamento, il Prof. James S. Lawson dell’Università del Nuovo Galles del Sud, Sydney, Australia, e colleghi hanno affermato: “L’evidenza che i virus in generale e l’HPV in particolare aumentano il rischio di esiti avversi derivanti dalla malattia cardiovascolare aterosclerotica è diventata convincente abbastanza da aggiungere alle già forti ragioni a favore della vaccinazione contro il virus dell’influenza, SARS-CoV-2 e HPV.

“L’evidenza che l’HPV sia causale nell’inizio o nella progressione della malattia cardiovascolare aterosclerotica è altamente indicativa, ma diventerebbe definitiva se i risultati degli studi randomizzati che valutavano i vaccini HPV per la prevenzione del cancro cervicale mostrassero una riduzione della malattia cardiovascolare aterosclerotica.

“Questi risultati, se aggiunti ad altre prove che collegano l’HPV e altri virus a una maggiore mortalità per malattie cardiovascolari, costituiscono un valido motivo per accettare i virus come fattori di rischio per esiti avversi della malattia cardiovascolare aterosclerotica”.

L’infezione da ceppi ad alto rischio del papillomavirus umano (HPV), che sono stati collegati al cancro, potrebbe aumentare il rischio di malattie cardiache e vascolari o di malattie cardiovascolari, soprattutto tra le donne con obesità o altri fattori di rischio cardiovascolare.

Sebbene le malattie cardiovascolari abbiano fattori di rischio noti , come il fumo di sigaretta; colesterolo alto , pressione alta , inattività fisica, cattiva alimentazione, obesità e diabete: per prevenire le malattie cardiovascolari, è importante scoprire altri potenziali fattori che contribuiscono.

Un potenziale contributore è la malattia sessualmente trasmissibile più comune in tutto il mondo: il papillomavirus umano . Alcuni ceppi sono considerati ad alto rischio perché possono aumentare il rischio di alcuni tipi di cancro, soprattutto cervicale, ma anche vaginale, vulvare, penieno e della bocca e della gola. Un Pap test può rilevare cellule anomale nella cervice, ma l’infezione spesso non presenta sintomi finché non si sviluppano cellule cancerose. Precedenti ricerche tra donne statunitensi hanno collegato l’infezione ad alto rischio a diagnosi auto-riferite di infarto e ictus pregressi.

I ricercatori hanno esaminato la relazione tra l’HPV ad alto rischio e le malattie cardiovascolari diagnosticate nel corso dello studio. Dopo aver aggiustato per altri fattori, come l’indice di massa corporea o BMI, il rapporto peso-altezza, il fumo, il consumo di alcol, l’esercizio fisico, il livello di istruzione e la storia familiare di malattie cardiovascolari, le donne ad alto rischio avevano il 22% in più di probabilità rispetto alle donne con l’infezione ad alto rischio donne non infette a sviluppare malattie cardiovascolari.

La probabilità di malattie cardiovascolari aumentava ancora di più quando l’infezione ad alto rischio si verificava in concomitanza con l’obesità o la sindrome metabolica. Confrontando le donne ad alto rischio positive con quelle ad alto rischio negative, le donne obese avevano quasi due terzi di probabilità in più di sviluppare malattie cardiovascolari, e quelle con sindrome metabolica e HPV ad alto rischio avevano quasi il doppio delle probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari.

Sindrome del cuore rigido, insufficienza cardiaca, terapia genica, HPV

I fattori associati a una maggiore probabilità di HPV ad alto rischio includevano il fumo e il consumo di alcol. È interessante notare che le donne che hanno riferito di essere fisicamente attive avevano anche maggiori probabilità di avere l’infezione ad alto rischio. Al contrario, l’istruzione superiore, definita come una laurea o più, era associata a una ridotta probabilità di avere l’infezione ad alto rischio.

“Una migliore comprensione dell’infezione ad alto rischio come fattore di rischio per le malattie cardiovascolari e dei possibili effetti combinati dell’HPV ad alto rischio, dell’obesità e della sindrome metabolica nell’aumento del rischio di malattie cardiovascolari può aiutare a migliorare le strategie preventive e gli esiti per i pazienti”, ha affermato Seungho Ryu, MD. , Ph.D., coautore senior dello studio e professore al Kangbuk Samsung Hospital, Sungkyunkwan University School of Medicine, a Seoul, Corea del Sud.

“Sono necessari ulteriori studi per identificare specifici genotipi di HPV ad alto rischio che possono contribuire alle malattie cardiovascolari ed esaminare se le strategie vaccinali per ridurre l’infezione ad alto rischio per la prevenzione del cancro possono anche aiutare a ridurre le malattie cardiovascolari”.

Dal 2011 al 2016, hanno aderito allo studio 63.411 donne coreane di età pari o superiore a 30 anni senza malattie cardiovascolari. La loro età media era di 40 anni e il loro indice di massa corporea medio era di 22. Poco più del 7% delle donne aveva infezioni ad alto rischio.

Tutti i partecipanti hanno ricevuto un Pap test standard con test del DNA per 13 ceppi di HPV ad alto rischio, come parte di un esame medico completo per il grande Kangbuk Samsung Health Study a Seoul e Suwon, in Corea del Sud. I partecipanti hanno inoltre fornito il consenso informato per partecipare al servizio di revisione e valutazione assicurativa una volta all’anno o una volta ogni due anni per circa quattro anni. L’Insurance Review & Assessment Service è un ampio database di costi sanitari, compresi quelli relativi alle malattie cardiovascolari .

Diverse limitazioni potrebbero aver influenzato i risultati dello studio, inclusa la possibilità che lo stato dell’infezione possa essere cambiato nel corso dello studio, poiché le infezioni a volte scompaiono da sole. Inoltre, lo studio non è stato in grado di determinare la durata delle infezioni e per più di un terzo dei partecipanti mancavano informazioni sull’infezione ad alto rischio.

Alcuni ceppi di HPV sono noti per causare il cancro cervicale e altri tipi di tumori. Ora, un nuovo studio solleva la possibilità che possano anche contribuire alle malattie cardiache.

I ricercatori hanno scoperto che tra oltre 63.000 donne , quelle infettate da ceppi “ad alto rischio” di papillomavirus umano avevano una maggiore probabilità di sviluppare malattie cardiache o subire un ictus negli anni successivi.

La connessione è stata osservata principalmente tra le donne obese o affette da sindrome metabolica, un insieme di fattori di rischio per malattie cardiache e ictus che include ipertensione e livelli elevati di zucchero nel sangue.

I risultati non dimostrano che l’HPV ad alto rischio contribuisca direttamente alle malattie cardiovascolari , ha affermato la dott.ssa Ann Bolger, cardiologa e professoressa presso l’Università della California, a San Francisco.

Con studi come questo, “c’è sempre la possibilità” che altri fattori possano spiegare la connessione, ha detto Bolger, che non è stato coinvolto nella ricerca. “Ma penso che questi siano dati affascinanti”, ha aggiunto. “Questo dovrebbe essere esplorato ulteriormente.”

L’HPV è un gruppo di oltre 200 virus correlati. Alcuni di essi vengono trasmessi sessualmente e possono causare verruche genitali. In alcune persone l’infezione diventa persistente; e l’infezione persistente con ceppi di HPV ad alto rischio può eventualmente scatenare il cancro.

Secondo il National Cancer Institute degli Stati Uniti, tali infezioni sono praticamente la causa di tutti i casi di cancro cervicale . E spesso causano alcuni tumori più rari, compresi i tumori della vagina, del pene, dell’ano e della gola.

Non vi è alcuna prova tuttavia che i ceppi di HPV ad alto rischio possano danneggiare direttamente le arterie e contribuire ad infarti e ictus. Ciò che serve ora è una maggiore ricerca di laboratorio, ha affermato il ricercatore senior Dr. Seungho Ryu.

Una possibilità è che l’infezione alimenti direttamente le placche che ostruiscono le arterie infettando le cellule nelle pareti dei vasi sanguigni, secondo Ryu, professore alla Scuola di Medicina dell’Università di Sungkyunkwan, a Seoul, in Corea del Sud. Oppure, ha detto Ryu, il virus potrebbe avere effetti più “indiretti” stimolando un’infiammazione sistemica e cronica nel corpo.

Trapianti cuore battente, aneurisma aortico, trapianto cardiaco parziale, terapia genica, HPV

Questa, tuttavia, è una speculazione per ora. I risultati, pubblicati il 7 febbraio su Circulation Research , si basano su 63.411 donne coreane che non avevano problemi cardiaci all’inizio dello studio. Tutti sono stati sottoposti al test HPV e poco meno dell’8% è risultato portatore di un ceppo ad alto rischio.

Negli anni successivi, poco più di 1.100 donne svilupparono malattie cardiache o subirono un ictus. Tale rischio era più alto del 22% tra coloro che erano risultati positivi all’HPV ad alto rischio, anche dopo aver preso in considerazione fattori quali l’età, l’istruzione, il fumo e l’abitudine all’esercizio fisico.

Il team di Ryu ha poi esaminato la connessione basata sul peso delle donne. Si è scoperto che l’associazione era in gran parte limitata alle donne obese: quelle con un’infezione da HPV ad alto rischio avevano il 71% in più di probabilità di sviluppare problemi cardiovascolari, rispetto alle donne obese senza tali infezioni. Un modello simile è emerso quando i ricercatori hanno confrontato le donne con sindrome metabolica con quelle senza.

Il team di Ryu ipotizza che l’infiammazione e altre conseguenze cardiovascolari dell’obesità e della sindrome metabolica potrebbero essere esacerbate dall’infezione da HPV .Bolger ha sottolineato che i risultati non dovrebbero “allarmare” le donne che sono state infettate e ad alto rischio.

Anche se il virus aumenta il rischio di malattie cardiache , ci sono molti passi che le donne possono intraprendere per contrastarlo. “Guarda le cose fondamentali”, ha detto Bolger. “Fumi? Ti alzi e ti muovi tutti i giorni? Sai qual è la tua pressione sanguigna? La tieni sotto controllo?”

Ryu ha sottolineato lo stesso punto. Questi risultati, ha affermato, suggeriscono che le donne con una storia di HPV ad alto rischio possono proteggersi mantenendo un peso sano e una pressione sanguigna, glicemia e colesterolo normali. Poi c’è il fatto che ora le infezioni ad alto rischio possono essere prevenute attraverso la vaccinazione.

Secondo Bolger, questo studio solleva la questione se la vaccinazione HPV potrebbe in definitiva avere un impatto anche sui tassi di malattie cardiovascolari. Negli Stati Uniti, gli esperti raccomandano che tutte le ragazze e i ragazzi ricevano il vaccino HPV a partire dall’età di 11 o 12 anni. È consigliato anche ai giovani adulti che non lo hanno ricevuto da bambini.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI