Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Uno studio randomizzato controllato su 2.275 donne in Kenya ha dimostrato che un nuovo vaccino HPV monodose è altamente efficace nel combattere il papillomavirus. A dichiararlo è stato un gruppo di esperti del Center for Clinical Research presso il Kenya Medical Research Institute di Nairobi che ha presentato gli esiti della ricerca alla 34a Conferenza internazionale sul papillomavirus a Toronto questa scoperta che potrebbe dare la spinta giusta per debellare il cancro del collo dell'utero a livello globale

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Un vaccino HPV monodose contro il papillomavirus umano (HPV) è altamente efficace. L’attuale standard per le donne è un regime a tre dosi. A dimostrarlo è uno Uno studio randomizzato controllato su 2.275 donne in Kenya.

Vaccino HPV monodose

A tal proposito i ricercatori hanno fornito notizie promettenti il ​​17 novembre alla 34a Conferenza internazionale sul papillomavirus a Toronto.

Vaccino HPV monodose: qualche dettaglio sulla sua sperimentazione

Il vaccino monodose è stato altamente efficace a 18 mesi per la vaccinazione HPV, ha affermato Ruanne Barnabas, ricercatore principale dello studio e professore di salute globale presso la School of Medicine dell’Università di Washington. “L’efficacia di una singola dose era la stessa di dosi multiple”.

Questa notizia potrebbe accelerare notevolmente il ritmo delle vaccinazioni e dare la spinta giusta per debellare il cancro del collo dell’utero a livello globale. Ad ogg, solo il 15% delle donne è vaccinato contro l’HPV, secondo un’analisi pubblicata a marzo su Preventive Medicine, che ha delineato una linea d’azione per eliminare la malattia.

Barnabas ha affermato che lo studio KEN-SHE potrebbe aiutare l’Organizzazione mondiale della sanità a raggiungere il suo obiettivo di vaccinare il 90% delle ragazze di 15 anni contro l’HPV entro il 2030. Ha affermato che un vaccino monodose semplificherebbe la logistica e diminuirebbe i costi. L’abstract è stato presentato lo stesso giorno in cui l’OMS celebra il primo anniversario del suo impegno per eliminare un cancro.

Questi risultati sono un punto di svolta che può ridurre sostanzialmente l’incidenza del cancro cervicale attribuibile all’HPV e posiziona la vaccinazione HPV monodose come un intervento di salute pubblica di alto valore e ad alto impatto che è alla nostra portata“, ha affermato il direttore generale ff, il professor Sam Kariuki del Kenya Medical Research Institute (KEMRI )

Vaccino HPV monodose

Come molti paesi africani, il lancio del programma di vaccino HPV in Kenya ha affrontato le sfide della consegna del vaccino, il basso assorbimento della seconda dose di HPV insieme alla carenza globale di vaccini HPV Nello studio, alle donne di età compresa tra 15 e 20 anni è stata assegnata in modo casuale una terapia e sono state seguite da dicembre 2018 a giugno 2021:

760 hanno ricevuto un vaccino bivalente che copriva due ceppi di HPV (16/18), che rappresentano il 70% dei casi;758 hanno ricevuto un vaccino non avalente che copriva sette ceppi di HPV (16/18/31/33/45/52/58), che rappresentano il 90% dei casi;757 hanno ricevuto un vaccino che protegge dalla meningite meningococcica.

Dopo 18 mesi, il vaccino bivalente era efficace al 97,5% contro l’HPV 16/18 e il vaccino nonavalente era efficace al 97,5% contro l’HPV 16/18. Il vaccino nonavalente era efficace all’89% contro l’HPV 16/18/31/33/45/52/58. Anche se le donne sono risultate positive a un ceppo di HPV, il vaccino le ha protette da altri ceppi del virus.

La maggior parte dei partecipanti (57 percento) aveva tra i 15 ei 17 anni e la maggior parte ha riportato un partner sessuale a vita (61 percento). Per essere idonei, i partecipanti dovevano essere sessualmente attivi, non avere più di cinque partner per tutta la vita, essere negativi all’HIV e non avere una storia di vaccinazione contro l’HPV.

I ricercatori hanno affermato che sono necessari ulteriori studi per testare la durata del vaccino.

Vaccino HPV monodose

Questo studio porta nuova energia all’eliminazione del cancro cervicale. Porta grande speranza alle donne che vivono in paesi come il Kenya, che hanno un alto carico di malattia”, ha affermato la dott.ssa Nelly Mugo, co-ricercatrice principale dello studio e senior principale ricercatrice clinica presso il Center for Clinical Research presso il Kenya Medical Research Institute di Nairobi. È anche professoressa associata di ricerca UW di salute globale.

I ricercatori hanno affermato che un impulso per il processo è stato il reparto per il cancro della cervice uterina presso il Kenyatta National Hospital di Nairobi. Gli espositori hanno detto che vogliono il reparto vuoto: “Credo che vedrò il cancro del collo dell’utero eliminato nel corso della mia vita”, ha affermato la dott.ssa Maricianah Onono con KEMRI. “Allora, facciamo questo: un vaccino per ogni donna!”.

Secondo l’OMS, la maggior parte delle donne e degli uomini sessualmente attivi saranno infettati dall’HPV ad un certo punto della loro vita e alcuni saranno ripetutamente colpiti. Il momento di punta per contrarre l’infezione sia tra le donne che tra gli uomini è poco dopo essere diventati sessualmente attivi. Mentre nove infezioni da HPV su 10 scompaiono da sole in due anni, altre portano al cancro del sistema riproduttivo, principalmente il cancro del collo dell’utero. L’HPV può anche causare tumori della cervice, della vagina, della vulva, del pene e dell’orofaringe (gola, lingua e tonsille).

Vaccino HPV monodose

In tutto il mondo, il cancro del collo dell’utero uccide una donna ogni due minuti, secondo il direttore generale dell’OMS, il dottor Tedros Ghebreyesus. Secondo l’OMS, la maggior parte di questi decessi si verifica in Africa, che sostiene l’80 per cento del carico del cancro cervicale .

Questo studio arriva 15 anni dopo che la Food and Drug Administration statunitense ha approvato il primo vaccino HPV. Merck ha prodotto Gardasil nel 2006, che ha impedito quattro tipi di HPV (6/11/16/18). Da allora, sono stati introdotti altri due vaccini HPV: Cervarix (che previene l’HPV 16/18) è stato approvato nel 2009 e Gardasil-9, che previene altri cinque tipi di HPV ad alto rischio, è stato approvato nel 2014. Tuttavia, a causa di costo e fornitura limitata di vaccini, la copertura è stata bassa nelle aree con il più alto carico di cancro cervicale.

Barnabas ha affermato che alle donne sono state somministrate dosi multiple del vaccino HPV a causa delle lacune nelle prove dell’efficacia di un vaccino a dose singola e delle preoccupazioni sulle differenze clinicamente significative nell’efficacia.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Demenza: 5 cambiamenti nello stile di vita per prevenirla

Scienze

Calcio: importante sia per le ossa che per il cuore

Scienze

Gene Mcr-9: rende i batteri resistenti agli antibiotici

Scienze

Cuore di maiale trapianto in un essere umano

Samsung Galaxy A52

Android 12 su Samsung Galaxy A52: update in arrivo

Honor Magic V

Honor Magic V: il pieghevole firmato Honor è in arrivo

Cosa ne pensi del vaccino HPV monodose? Saresti disposta a farti vaccinare, dopo aver letto i risultati signicativi su un test di più di 2700 donne? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0