Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

HIV correlato al rischio di morte cardiaca improvvisa

Uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Journal of American Heart Association, ha dimostrato, valutando diversi fattori quali età, sesso, razza/etnia, presenza di malattie cardiache o renali, dipendenza o abuso di cocaina o alcol e vari fattori di rischio di malattie cardiache, che i soggetti che convivono con l'HIV sono più predisposti ad essere colpiti da morte cardiaca improvvisa

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Gli individui che convivono con il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) corrono un rischio maggiore di essere esposte a morte cardiaca improvvisa rispetto alle persone che non hanno l’HIV, soprattutto se il virus non è ben controllato o se hanno altri fattori di rischio di malattie cardiache.

Morte cardiaca improvvisa

La nuova ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Journal of American Heart Association.

HIV e morte cardiaca improvvisa: ecco cosa dice la ricerca

“Le persone che vivono con l’HIV sono già note per avere un rischio più elevato di infarto, ictus, insufficienza cardiaca, coaguli di sangue nei polmoni e malattie delle arterie periferiche”, ha affermato Matthew S. Freiberg, MD, M.Sc., autore principale del studio, titolare della cattedra di cardiologia, Dorothy e Laurence Grossman e professore di medicina presso la Vanderbilt University School of Medicine di Nashville, nel Tennessee.

Sappiamo che tra le persone con HIV, coloro che hanno un sistema immunitario compromesso, ad esempio un basso numero totale di cellule CD4 + T, sembrano avere un rischio maggiore di malattie cardiovascolari rispetto a coloro che hanno un alto numero di cellule CD4 + T“, ha continuato Freiberg. “Non è chiaro se un sistema immunitario compromesso sia un fattore di rischio per la morte cardiaca improvvisa”.

Morte cardiaca improvvisa

La morte cardiaca improvvisa si verifica quando il cuore smette inaspettatamente di battere, generalmente a causa di un improvviso malfunzionamento elettrico che causa un ritmo cardiaco letale, impedendo al flusso sanguigno di arrivare al cervello e agli organi vitali, con conseguente morte in pochi minuti se non si interviene adeguatamente. I ricercatori hanno utilizzato i criteri standard dell’Organizzazione Mondiale della Sanità oltre a una revisione dettagliata delle cartelle cliniche per definire la morte cardiaca improvvisa nella loro ricerca.

Un precedente studio monocentrico applicato su un campione di 2.800 persone in una clinica per l’HIV a San Francisco nel 2012, ha scoperto che il tasso di morte cardiaca improvvisa era 4 volte più alto nelle persone con HIV. L’attuale studio esamina il tasso di morte cardiaca improvvisa su scala nazionale, insieme all’influenza della carica virale dell’HIV e di altri fattori di rischio di malattie cardiache sul rischio di morte cardiaca improvvisa.

I ricercatori hanno valutato i partecipanti di uno studio nazionale su persone colpite da HIV che ha un gruppo di partecipanti abbinato senza HIV, il Veterans Ageing Cohort Study (VACS). VACS è uno studio nazionale in corso, a lungo termine, che segue i veterani con e senza HIV (due non infetti per ciascun partecipante sieropositivo) e abbinati per età, sesso, razza/etnia e sito VA in cui ricevono le cure. Lo studio esplora il ruolo dell’HIV e dello stato di malattia dell’HIV, insieme ad altre condizioni di salute.

Morte cardiaca improvvisa

Tra gli oltre 144.000 veterani dello studio VACS, al 30% è stato diagnosticato l’HIV e valutato negli ospedali VA in tutto il paese. Nel complesso, i partecipanti erano per il 97% maschi, il 47% erano afroamericani e l’età media era di 50 anni al momento dell’iscrizione. Ciascun partecipante è entrato nello studio ad un primo appuntamento medico a partire dall’aprile 2003 ed è stato seguito fino al 31 dicembre 2014 per il verificarsi di morte cardiaca improvvisa. Durante il follow-up mediano di 9 anni, la morte cardiaca improvvisa è stata citata come causa di morte per 3.035 dei veterani, il 26% (777) dei quali aveva l’HIV.

Dopo aver valutato numerosi fattori, tra cui età, sesso, razza/etnia, presenza di malattie cardiache o renali, dipendenza o abuso di cocaina o alcol e vari fattori di rischio di malattie cardiache, l’analisi ha rilevato che il rischio di morte cardiaca improvvisa era:

Non più alto nelle persone con HIV che avevano livelli sani di cellule T CD4 +  che combattono l’infezione o tra coloro che avevano un basso livello del virus HIV nel sangue;progressivamente più alto con ogni fattore di rischio di morte cardiaca improvvisa presente, comprese malattie cardiovascolari esistenti, ipertensione, fumo, infezione da epatite C, anemia, dipendenza o abuso di alcol e malattia polmonare ostruttiva cronica, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno l’HIV ;

Il 14% in più nelle persone con HIV;57% in più nelle persone con HIV i cui esami del sangue hanno mostrato bassi livelli di cellule T CD4+ nel tempo, un indicatore che l’HIV stava progredendo e il sistema immunitario era compromesso; e70% in più nelle persone con HIV i cui esami del sangue hanno mostrato che la terapia antiretrovirale non aveva soppresso la carica virale dell’HIV nel sangue nel tempo.

“Affrontare i fattori di rischio legati sia alle malattie cardiovascolari che all’HIV è essenziale per prevenire i più alti tassi di morte cardiaca improvvisa nelle persone con HIV”, ha affermato Zian H. Tseng, MD, MAS, autore senior dello studio e professore di medicina in residenza , Murray Davis Doted Professor presso l’Università della California, San Francisco. “I medici dovrebbero prendere in considerazione lo screening per segnali di avvertimento specifici di morte cardiaca improvvisa come svenimenti o palpitazioni cardiache. E, se indicato, i medici dovrebbero richiedere ulteriori test come ecocardiogrammi o monitoraggio continuo del ritmo”.

I risultati di questo campione prevalentemente maschile di partecipanti allo studio potrebbero non essere generalizzabili alle donne. Lo studio è anche limitato dal fatto che le autopsie erano raramente disponibili e le autopsie sono il modo definitivo per diagnosticare la morte cardiaca improvvisa.

 Tseng e colleghi hanno recentemente riferito che quando le persone con HIV e presunta morte cardiaca improvvisa (basata sui record dei paramedici) avevano autopsie dettagliate a livello di ricerca, è stato confermato che la metà aveva una causa cardiaca, tuttavia, molti sono stati trovati morti per non- condizioni cardiache, come un’overdose di farmaci, un coagulo di sangue nei polmoni o un ictus. Le persone con HIV avevano anche livelli più elevati di tessuto cicatriziale nel muscolo cardiaco (fibrosi miocardica) rispetto alle persone senza HIV, il che potrebbe spiegare il più alto tasso di morte a causa di aritmie letali tra le persone con HIV.

Oltre all’HIV e ai fattori di rischio cardiovascolare, è importante che gli operatori sanitari esaminino e trattino i disturbi da uso di sostanze, specialmente nelle persone con HIV perché hanno un tasso tre volte più alto di decessi per overdose che si presentano come arresto cardiaco nella nostra ricerca precedente”, ha concluso Tseng.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi dei risultati di questa nuova ricerca? Eri a conoscenza della correlazione tra HIV e morte cardiaca improvvisa? Icci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0