Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Hiv: parte la sperimentazione di 2 nuovi vaccini

Lo studio, guidato dall’African-led PrEPVacc, ha l'obiettivo di misurare il livello di protezione contro il virus che le nuove terapie farmacologiche possono garantire nei soggetti più a rischio di infezione

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La lotta contro l’AIDS procede con una nuova importante sperimentazione: in Africa, ha avuto inizio il test di 2 nuovi vaccini combinati contro l’hiv. Lo studio, guidato dall’African-led PrEPVacc, ha l’obiettivo di misurare il livello di protezione contro il virus che le nuove terapie farmacologiche possono garantire nei soggetti più a rischio di infezione.

Hiv

Hiv: come di svolgono le fasi del test

I test sono stati lanciati circa due giorni fa, in Masaka, Uganda. Lo studio interesserà presto anche la Tanzania, il Mozambico e il Sudan e nei prossimi tre anni saranno eseguiti su 1.600 persone. Durante la sperimentazione, i volontari assumeranno una nuova forma di profilassi orale pre-vaccinale, nota come PrEP, che dovrebbe massimizzare l’efficacia del vaccino. La combinazione dei due farmaci è già stata impiegata con risultati soddisfacenti durante lo svolgimento di altri test clinici eseguiti sia in Africa, che in Europa e negli Stati Uniti.

Hiv

Pontiano Kaeebu, il direttore della ricerca, ha spiegato che: ” [Il PrEPVacc] Da una parte consente agli africani di partecipare e condurre la prima sperimentazione di prevenzione dell’Hiv, testando due modi di proteggersi. Dall’altra quella di accrescere le capacità dei siti africani di fare prove future e di promuovere i nostri futuri leader. Nel caso in cui il vaccino prevenga l’infezione da Hiv, saremo molto sotto soddisfatti. In caso contrario, avremo comunque imparato qualcosa che ci permetterà di migliorare e di avere dei vaccini migliori”.

Alla sperimentazione in Uganda stanno collaborando oltre 35 scienziati, medici, ufficiali di collegamento della comunità e personale di supporto presso l’Uganda Virus Research Institute e la London School of Hygiene & Tropical Medicine. Come confermato dall’Uganda Aids Commission, l’epidemia di Hiv è tuttora una delle principali minacce per la salute pubblica nazionale nello stato africano.

Lo studio è finanziato dal Partenariato per i test clinici dei Paesi sviluppati ed europei, con il sostegno dell’Unione europea.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Cosa ne pensi di questo ulteriore passo avanti nella lotta contro l’AIDS? Parlacene nei commenti.

 

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0