Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
CVT

Glioblastoma multiforme: lo stress spinge le cellule ad adattarsi

Grazie ad una collaborazione tra UConn Health e The Jackson Laboratory (JAX) che interessa il glioblastoma multiforme, e che ha portato allo sviluppo di una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Nature Genetics, si è scoperto cosa rende le cellule cancerose così adattabili, pericolose e talvolta in grado di eludere i trattamenti terapeutici. Comprendendo questi metodi di evasione utilizzati dal tumore, è possibile neutralizzare il tumore stesso in modo più efficace

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

l glioblastoma multiforme è un tumore con un quadro diagnostico particolarmente severo. Grazie ad una collaborazione tra UConn Health e The Jackson Laboratory (JAX) si sta scoprendo cosa rende le cellule cancerose così adattabili, pericolose e talvolta in grado di eludere i trattamenti terapeutici.

Glioblastoma multiforme

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature Genetics.

Glioblastoma multiforme: qualche dettaglio sullo studio

Il glioblastoma multiforme o i gliomi sono tumori insidiosi che originano dalla glia, il tessuto di supporto nel cervello. Essi si sviluppano attraverso il cervello e talvolta il midollo spinale, intrecciandosi e attaccandosi alle normali cellule cerebrali e nervose in un modo che le rende difficili da tagliare. Il nome glioma significa “tumore della colla” in latino. Secondo il National Cancer Institute, circa tre persone su 100.000 negli Stati Uniti lo riceveranno, più comunemente dopo i 60 anni.

Glioblastoma multiforme

Il trattamento del glioblastoma multiformes di solito include chirurgia, radioterapia e poi chemioterapia. Sfortunatamente, questi tumori sono difficili da trattare con i farmaci, adattandosi inevitabilmente per eludere i farmaci antitumorali che in un primo momento sembravano ridurre il cancro.

Nuove prove riportate dai ricercatori JAX in collaborazione con UConn Health Neurosurgery mostrano che le cellule tumorali possono cambiare i geni che esprimono e quando, in risposta allo stress ambientale, come quando vengono attaccate con farmaci chemioterapici. Questi sono chiamati cambiamenti epigenetici perché le cellule tumorali non cambiano i geni stessi. Invece, sembrano modificare chimicamente i loro geni al volo, coprendoli o scoprendoli se necessario per sopravvivere.

Il capo della neurochirurgia di UConn Health Ketan Bulsara coordina la collaborazione di UConn Health su questo progetto, ha osservato campioni di pazienti appropriati per contribuire alla ricerca con il dott. Qian Wu della neuropatologia e il dott. Kevin Becker, direttore della neuro-oncologia medica. “Questo documento evidenzia un meccanismo attraverso il quale il tumore si adatta potenzialmente ai nostri metodi di trattamento”.

Comprendendo questi metodi di evasione utilizzati dal tumore, possiamo neutralizzarli in modo più efficace. Questo lavoro di trasformazione ci ha davvero fornito grandi intuizioni sul glioblastoma multiforme. Il lavoro condotto dal Dr. Verhaak presso il Jackson Laboratory, che è uno dei più, se non il più eminente, ricercatore nella ricerca sui tumori cerebrali, continuerà a fornirci nuove intuizioni su questo tumore devastante e, in definitiva, a migliorare la cura del paziente, ” ha spiegato Bulsara.

Glioblastoma multiforme

Il glioblastoma multiforme (GBM) è un cancro raro che interessa il cervello ed è il tumore cerebrale più comune negli adulti. Si tratta di un cancro a crescita molto rapida che tende a diffondersi al normale tessuto cerebrale vicino. I GBM sono un tipo di astrocitoma, cioè si sviluppano  in cellule chiamate  astrociti. Gli astrociti aiutano a sostenere le cellule nervose e portano loro i nutrienti.

I tumori cerebrali sono classificati su una scala da 1 (I) a 4 (IV) in base alla velocità con cui crescono. I tumori cerebrali di grado I crescono molto lentamente e raramente si diffondono nei tessuti vicini. Il grado IV è il più aggressivo. Il glioblastoma multiforme è un  astrocitoma di grado IV: crescono rapidamente e spesso invadono il tessuto cerebrale vicino. Raramente si diffondono ad altre parti del corpo, ovvero metastatizzano.

Questi tumori sono raramente curabili ma i trattamenti terapeutici disponibili possono aiutare le persone a vivere più a lungo controllando la crescita del tumore. I GBM tendono a manifestarsi tra i 45 ei 70 anni, ma possono verificarsi anche in altre età. Sono molto rari nei bambini.

Gli esperti stanno ancora cercando di capire cosa causa il glioblastoma multiformes. Gli astrociti sono generalmente cellule molto controllate e organizzate. Succede qualcosa che li induce a moltiplicarsi e a formare tumori. Non è chiaro cosa causi questo, ma i ricercatori hanno trovato una serie di cambiamenti, o mutazioni, nei geni all’interno delle cellule tumorali. Alcune di queste mutazioni influenzano la capacità delle cellule di autoregolarsi. Raramente, un tumore di grado inferiore si trasformerà in un GBM nel tempo.

Glioblastoma multiforme

Alcuni dei sintomi del GBM hanno a che fare con il punto in cui inizia il tumore. Ad esempio, se cresce in un’area che controlla i movimenti del braccio, il braccio potrebbe indebolirsi. Se cresce in un’area che controlla la facoltà di parlare, si potrebbero avere difficoltà a formulare un discorso.

Man mano che il tumore continua a crescere, inizia a occupare spazio. Questo aumenta la pressione all’interno del cranio. Alcuni dei sintomi del GBM sono causati dall’aumento della pressione nel cervello.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Ritieni importante investire risorse per portare avanti lo studio menzionato sull’articolo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
1+