Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Fibrillazione atriale: l’A.I. ne prevede il rischio 

Un team di esperti guidato da studiosi del Massachusetts General Hospital (MGH) e del Broad Institute del MIT e di Harvard ha dato vita ad un metodo basato sull'intelligenza artificiale (A.I.) per identificare i pazienti a rischio di sviluppare fibrillazione atriale e potrebbe quindi beneficiare di misure preventive. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Circulation

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La fibrillazione atriale, una frequenza cardiaca irregolare e spesso rapida, è una condizione comune che spesso porta alla formazione di coaguli nel cuore che possono raggiungere il cervello per causare un ictus. Un gruppo di esperti capitanato da ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) e del Broad Institute del MIT e di Harvard ha sviluppato un metodo basato sull’intelligenza artificiale (A.I.) per identificare i pazienti a rischio di sviluppare fibrillazione atriale e potrebbe quindi beneficiare di misure preventive.

Fibrillazione atriale

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Circulation.

Fibrillazione atriale: ecco qualche dettaglio sulla nuova ricerca

I ricercatori hanno sviluppato il metodo basato sull’intelligenza artificiale per prevedere il rischio di fibrillazione atriale entro i prossimi cinque anni sulla base dei risultati degli elettrocardiogrammi (test non invasivi che registrano i segnali elettrici del cuore) in 45.770 pazienti che ricevono cure primarie al MGH.

Fibrillazione atriale: l'A.I. ne prevede il rischio 

Successivamente, gli scienziati hanno applicato il loro metodo a tre grqndi gruppi di informazioni provenienti da studi che includevano un totale di 83.162 individui. Il metodo basato sull’intelligenza artificiale prevedeva il rischio di fibrillazione atriale da solo ed era sinergico quando combinato con fattori di rischio clinici noti per la previsione della condizione. Il metodo si è anche mostrato altamente predittivo in sottogruppi di individui come quelli con precedente insufficienza cardiaca o ictus.

Vediamo un ruolo per gli algoritmi di intelligenza artificiale basati sull’elettrocardiogramma per aiutare con l’identificazione degli individui a maggior rischio di fibrillazione atriale“, afferma l’autore senior Steven A. Lubitz, MD, MPH, un elettrofisiologo cardiaco presso MGH e membro associato presso il Broad Institute. Aggiunge il co-autore principale Shaan Khurshid, MD, MPH, un ricercatore clinico e ricercatore di elettrofisiologia presso MGH.

L’applicazione di tali algoritmi potrebbe spingere i medici a modificare importanti fattori di rischio per la fibrillazione atriale che possono ridurre del tutto il rischio di sviluppare la malattia“, ha continuato lo scienziato.

Lubitz ha specificato che l’algoritmo potrebbe essere sfruttato come strumento di pre-screening per quegli individui che attualmente potrebbero essere affetti da fibrillazione atriale non rilevata, spingendo i medici a cercare la malattia utilizzando monitor del ritmo cardiaco a lungo termine, che a loro volta potrebbero portare a misure di prevenzione dell’ictus.

Fibrillazione atriale

I risultati dello studio dimostrano anche il potenziale potere dell’intelligenza artificiale, che in questo caso coinvolge un tipo specifico chiamato apprendimento automatico, per far progredire la medicina. “Con l’esplosione delle tecnologie di data science e la grande quantità di dati clinici ora disponibili, l’apprendimento automatico è pronto per aiutare medici e ricercatori a fare grandi passi avanti nel miglioramento delle cure cardiologiche”, ha specificato il coautore Anthony Philippakis, MD, Ph.D., Chief Data Officer presso il Broad e co-direttore dell’Eric and Wendy Schmidt Center dell’istituto.

Come data scientist ed ex cardiologo, sono entusiasta di vedere come i metodi basati sull’apprendimento automatico possono funzionare con i test e gli approcci clinici che utilizziamo ogni giorno per aiutarci a migliorare la previsione del rischio e prenderci cura dei pazienti con fibrillazione atriale“, ha specificato l’esperto.

La fibrillazione atriale è l’aritmia cardiaca più frequente. È stato stimato che 6-12 milioni di persone in tutto il mondo soffriranno di questa condizione negli Stati Uniti entro il 2050 e 17,9 milioni di persone in Europa entro il 2060. La fibrillazione atriale è un importante fattore di rischio per l’ictus ischemico e provoca un importante onere economico insieme a significativa morbilità e mortalità .

Nel 2017 sono stati registrati nel database un totale di 3.046 milioni di nuovi casi di fibrillazione atriale in tutto il mondo. Il tasso di incidenza stimato per il 2017 (403/milioni di abitanti) è stato del 31% superiore all’incidenza corrispondente nel 1997. La prevalenza mondiale di fibrillazione atriale è di 37.574 milioni di casi (0,51% della popolazione mondiale), aumentati anche del 33% negli ultimi 20 anni.

L’onere più elevato si osserva nei paesi con un indice socio-demografico elevato, sebbene il maggiore aumento recente si sia verificato nei paesi con un indice socio-demografico medio. Le proiezioni future suggeriscono che il carico assoluto di fibrillazione atriale potrebbe aumentare di >60% nel 2050.

l’incidenza e la prevalenza della fibrillazione atriale sono aumentate negli ultimi 20 anni e continueranno ad aumentare nei prossimi 30 anni, specialmente nei paesi con indice socio-demografico medio, diventando una delle più grandi epidemie e sfide per la salute pubblica.

Un’informazione che potrebbe essere interessante racconta che con l’invecchiamento mondiale della popolazione caratterizzato da un grande afflusso di “baby boomer” con o senza fattori di rischio per lo sviluppo della FA, si prevede un’epidemia entro i prossimi 10-20 anni. Sebbene non tutti gli studi supportino questa evidenza, è chiaro che la FA è in aumento e una quantità significativa di risorse sanitarie viene investita nella rilevazione e nella gestione della FA.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Gene Mcr-9: rende i batteri resistenti agli antibiotici

Scienze

Cuore di maiale trapianto in un essere umano

Samsung Galaxy A52

Android 12 su Samsung Galaxy A52: update in arrivo

Honor Magic V

Honor Magic V: il pieghevole firmato Honor è in arrivo

Scienze

Gene MLL4: nuovo bersaglio per il cancro alla pelle

Realme GT 2 Pro

Realme GT 2 Pro: presentazione ufficiale il 20 dicembre

Cosa ne pensi dell’integrazione dell’intelligenza artificiale come strumento di indagine diagnostica preventiva? Vorresti che la nuova tecnologia approdasse anche nel Servizio Sanitario italiano? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0