Facebook

Facebook, WhatsApp e Instagram per 6 ore down, ma cosa è successo davvero?

Facebook si è scusato dopo aver smesso di funzionare per gli utenti di tutto il mondo per diverse ore lunedì

Naviga tra i contenuti

Facebook si è scusato dopo aver smesso di funzionare per gli utenti di tutto il mondo per diverse ore lunedì, ma anche WhatsApp e Instagram, di proprietà dell’azienda, erano down. Quale è stato il problema? In poche parole, i sistemi di Facebook hanno smesso di comunicare con Internet in generale.

Era come se “qualcuno avesse estratto i cavi dai propri data center tutti in una volta e li avesse disconnessi da Internet“, ha spiegato la società di infrastrutture web Cloudflare. La spiegazione di Facebook è stata un po’ più tecnica e decisamente più complessa.

Ha affermato che “le modifiche alla configurazione sui router della dorsale, che coordinano il traffico di rete tra i nostri data center, hanno causato problemi che hanno interrotto questa comunicazione”. Questo ha avuto un “effetto a cascata… portando i nostri servizi a una battuta d’arresto”.

Zuckerberg si è scusato personalmente per l’interruzione di Facebook di sei ore.

Allora perché le persone non potevano accedere a Facebook?

facebook

Internet si suddivide in centinaia di migliaia di reti. Le grandi aziende come Facebook hanno le proprie reti più grandi, note come sistemi autonomi. Quando vuoi visitare Facebook o Instagram o WhatsApp, il sistema di back-end che consente ai computer di connettersi alla loro rete utilizza il Border Gateway Protocol (BGP), una sorta di servizio postale per Internet.

Per indirizzare le persone ai siti Web che desiderano visitare, BGP esamina tutti i percorsi disponibili che i dati potrebbero percorrere e sceglie il percorso migliore. Lunedì Facebook ha improvvisamente smesso di fornire le informazioni necessarie al sistema per funzionare. Significava che nessun computer aveva modo di connettersi a Facebook o ai suoi altri siti.

Il fallimento di tali attori chiave di Internet ha avuto un effetto a catena su individui e aziende in tutto il mondo. Downdetector, che tiene traccia delle interruzioni, ha affermato che sono stati segnalati circa 10,6 milioni di problemi in tutto il mondo, il numero più grande mai registrato.

Per molti, perdere l’accesso ai servizi di Facebook è stato solo un inconveniente. Ma per alcune piccole imprese nei paesi in via di sviluppo senza altri modi affidabili per comunicare con i clienti, potrebbe essere stato un problema serio.

Allo stesso modo, alcune organizzazioni in cui il personale lavora ancora in remoto dopo la pandemia, ora si affidano a WhatsApp per mantenere i contatti con i colleghi. Ma come è stato possibile che ciò accadesse?

Una raffica di segnalazioni è iniziata intorno alle 16:45 BST di lunedì secondo cui Facebook, Instagram e WhatsApp non funzionavano. All’inizio, questo ha causato le solite battute su come le persone se la sarebbero cavata e le beffe di rivali come Twitter. Ma presto è diventato chiaro che si trattava di un problema più serio, con segnalazioni di caos nella sede di Facebook in California.

Sheera Frenkel, una giornalista tecnologica del New York Times, ha detto che parte del motivo per cui ci è voluto così tanto tempo per risolverlo era perché “le persone che cercavano di capire quale fosse questo problema, non potevano nemmeno entrare fisicamente nell’edificio” .

Non sappiamo ancora se il problema fosse dovuto a un bug del software o a un semplice errore umano. Tuttavia, le teorie della cospirazione stanno già circolando: il gioco scorretto deliberato da parte di un membro di Facebook è solo uno dei tanti.

Le scuse di Facebook, piuttosto imbarazzanti, sono state pubblicate sul network rivale Twitter.  Mike Proulx, analista della società di ricerca Forrester, afferma che l’incidente solleva interrogativi sul modo in cui Facebook ha riunito molte delle sue operazioni tecniche negli ultimi anni. Dice che li ha resi più efficienti, ma significa che se qualcosa va storto può esserci “un effetto a cascata, come le luci di Natale della vecchia scuola in cui una si spegne, e si spengono tutte”.

Facebook ha già sperimentato interruzioni, ma generalmente sono state risolte entro un’ora circa. Un blackout più lungo e dirompente come questo dimostra il problema di gran parte delle comunicazioni mondiali concentrate nella Silicon Valley. E questo a sua volta solleva dubbi sul fatto che il funzionamento di Internet debba essere nelle mani di poche grandi aziende.

Forse il problema più grande per Facebook stesso sarà stato l’effetto che ha avuto sulle sue entrate e sul prezzo delle azioni. La chiusura ha significato che gli annunci non sono stati pubblicati per oltre sei ore sulle sue piattaforme. Secondo alcuni, l’interruzione avrebbe potuto cancellare fino a $ 6 miliardi dalla ricchezza personale di Zuckerberg, con le sue azioni in calo di quasi il 5%.

Altri stimano che la perdita di entrate per l’azienda potrebbe ammontare a più di 60 milioni di dollari. E questo colpo alla reputazione di Facebook arriva in un momento difficile, Frances Haugen  responsabile della fuga di molti documenti interni, prende posizione oggi in un’audizione al Senato degli Stati Uniti.

È anche sotto esame da parte dei regolatori di tutto il mondo che si sono chiesti se stia rispondendo in modo appropriato a questioni come disinformazione, incitamento all’odio e gestione dei dati degli utenti o se, come dice l’informatore, stia mettendo “la crescita davanti alla sicurezza”, ma ora sono in discussione anche le capacità tecniche.

Che ne pensi di questo disastro tecnico? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI