facebook

Facebook sotto accusa per l’impatto sulla salute mentale dei giovani

Facebook ha difeso l'impatto dei suoi prodotti, affermando che Instagram ha "aiutato in modo positivo" i giovani.

Naviga tra i contenuti

Dopo che una fuga di notizie da Facebook ha rivelato, come la ricerca di Instagram aveva scoperto, che la piattaforma potrebbe danneggiare il benessere dei bambini, il suo capo della sicurezza globale, Antigone Davis, ha testimoniato al Senato degli Stati Uniti sulla protezione dei bambini. In precedenza, il boss di Instagram Adam Mosseri aveva affermato che l’effetto dell’app sulla salute mentale degli adolescenti era “abbastanza piccolo”.

Facebook sotto tiro per la ricerca segreta sugli adolescenti

facebook

Il comitato ha aperto ribadendo la ricerca di Facebook, riportata per la prima volta dal Wall Street Journal, secondo cui Instagram potrebbe avere un impatto negativo sull’immagine corporea e sull’autostima. Gli adolescenti “incolpano Instagram per l’aumento del tasso di ansia e depressione”, ha affermato.

Ma la signora Davis ha poi detto al comitato: “Conduciamo questa ricerca, per migliorare la nostra piattaforma, per ridurre al minimo il male e massimizzare il bene e per identificare in modo proattivo dove possiamo migliorare.

“Vogliamo che le nostre piattaforme siano un luogo per interazioni significative con amici e familiari e non possiamo raggiungere questo obiettivo se le persone non si sentono al sicuro”.

Ma Richard Blumenthal, che presiede la sottocommissione del Senato per il commercio, la scienza e i trasporti per la protezione dei consumatori, la sicurezza dei prodotti e la sicurezza dei dati, ha evidenziato come Facebook, ad agosto, abbia negato di essere a conoscenza di qualsiasi ricerca che mostrasse una correlazione negativa:

“Sappiamo che preferisce la crescita dei suoi prodotti al benessere dei nostri figli. E ora sappiamo che è indifendibilmente delinquente agire per proteggerli. Non riesce a ritenersi responsabile e la domanda che mi perseguita è come possiamo noi, i genitori o chiunque altro fidarci di Facebook”.

Durante l’udienza, la signora Davis ha ripetutamente omesso di rispondere alle domande del comitato e ha affermato che avrebbe dovuto verificare con i team di Facebook competenti.
Immagine del corpo

Facebook contesta la segnalazione del WSJ: “Semplicemente non è esatto che questa ricerca dimostri che Instagram è “tossico” per gli adolescenti“, ha scritto il capo della ricerca Pratiti Raychoudhury.

“La ricerca ha effettivamente dimostrato che molti adolescenti di cui abbiamo sentito parlare ritengono che l’uso di Instagram li aiuti quando stanno lottando con i tipi di momenti difficili e i problemi che gli adolescenti hanno sempre affrontato”.

Ma Facebook, pubblicando diapositive per illustrare la sua ricerca, ha ammesso: “Un’eccezione è stata l’immagine corporea”. Una ragazza adolescente su tre che aveva già avuto problemi di immagine corporea ha detto a Facebook che l’uso di Instagram le ha fatte sentire peggio. In particolare le immagini filtrate, la pubblicazione di selfie e la visualizzazione di contenuti con hashtag influiscono sul benessere, suggeriscono le slide.

Arriva pochi giorni dopo che la società ha sospeso il lancio programmato di Instagram Kids, che doveva essere lanciato quest’anno per gli utenti di età inferiore ai 13 anni. “Come ogni genitore sa quando si tratta di bambini e preadolescenti, sono già online”, ha detto la signora Davis al comitato.

“Riteniamo che sia meglio per i genitori avere la possibilità di dare ai ragazzi l’accesso a una versione di Instagram progettata per loro in cui i genitori possono supervisionare e gestire la loro esperienza, piuttosto che far loro mentire sulla loro età per accedere alla piattaforma che non era costruita per loro.”

La Davis ha affermato che Instagram stava anche testando una funzione chiamata Take a Break che “incoraggerebbe a prendersi una pausa” dal proprio schermo. Questo verrebbe visualizzato “quando pensiamo che gli utenti possano essere nella tana del coniglio e in alcuni tipi di contenuti o che siano nell’app troppo a lungo”. L’informatore che ha fatto trapelare i documenti al Wall Street Journal testimonierà in un’udienza separata la prossima settimana.

Che ne pensi dell’influenza di facebook sui giovani? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI