Samsung

L’erede di Samsung è stato graziato per esigenze economiche della Corea del Sud

L'ascesa di Lee alla posizione di presidente di Samsung è la chiave per "vitalizzare l'economia"

Il vicepresidente di Samsung Electronics Jay Y. Lee ha ricevuto la grazia presidenziale venerdì per il suo ruolo in uno scandalo politico del 2016, una mossa che il governo sudcoreano ritiene necessaria affinché il più grande chaebol del paese possa aiutare a stabilizzare l’economia nazionale.

“Nel tentativo di superare la crisi economica rivitalizzando l’economia, il vicepresidente di Samsung Electronics Lee Jae-yong… sarà reintegrato”, ha dichiarato il governo coreano in un comunicato stampa congiunto dei suoi ministeri, secondo Bloomberg News.

Lee, 54 anni, noto come Lee Jae-yong in Corea, è stato arrestato nel febbraio 2017 con l’accusa di essere stato complice del pagamento di milioni di tangenti da parte di Samsung a varie organizzazioni legate a un consigliere presidenziale.

Le tangenti avevano lo scopo di ottenere il favore di una proposta di fusione da 8 miliardi di dollari di due unità del gruppo Samsung.

Nell’agosto 2017, Lee è stato condannato per falsa testimonianza, appropriazione indebita, occultamento di beni al di fuori del paese ed essere uno dei cinque dirigenti Samsung che hanno pagato 6,4 milioni di dollari in tangenti all’ex presidente sudcoreano Park Geun-hye.

La rapida prova e la caduta in disgrazia non durarono a lungo. La sentenza di Lee è stata dimezzata in un’udienza d’appello nel febbraio 2018 e le accuse chiave di corruzione e appropriazione indebita sono state “sospese”, permettendogli di lasciare il carcere dopo soli sei mesi.

Un membro dell’Assemblea nazionale all’epoca ha affermato che la sentenza “ha confermato ancora una volta che Samsung è al di sopra della legge e della corte”.

All’inizio del 2021, gli appelli di Lee hanno portato a un nuovo processo, che lo ha condannato a 30 mesi. A Lee è stata concessa la libertà vigilata nell’agosto 2021 dopo aver scontato 18 dei 30 mesi. Ora quelle accuse sono sparite.

Ritorno al lavoro in Samsung come al solito

Samsung

Mentre era in libertà vigilata, Lee non poteva accettare ufficialmente un lavoro, anche se era chiaro che manteneva la sua statura nell’azienda di famiglia. Lee si è unito al presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol nel fornire al presidente Biden un tour di un impianto di chip Samsung a maggio.

Bloomberg ha riferito che Lee ha ricevuto rapporti sugli affari di Samsung, anche se non è stato in grado di agire di conseguenza. Ciò che questo perdono potrebbe fare, oltre a stabilizzare i mercati, è rendere ufficiale l’ascesa di Lee.

Era stato di fatto un leader dell’azienda dopo l’infarto e il ricovero in ospedale di suo padre nel 2014, ma il suo procedimento penale ha impedito una vera transizione dopo la morte di Lee Kun-hee nel 2020.

Lee Kun-hee è stato anche ampiamente graziato dalla Corea del Sud, senza mai essere stato formalmente arrestato o aver scontato il carcere per corruzione, evasione fiscale e violazione della fiducia nel 1996 e nel 2009. La posizione di presidente è rimasta vacante in Samsung dalla morte di Lee Kun-hee.

Con la sua stessa grazia, Lee è libero di prendere ufficialmente le redini di Samsung, se può anche superare accuse separate relative a una fusione di sussidiarie Samsung.

Questa settimana è stato graziato anche Shin Dong-bin, presidente del Lotte Group, il quinto conglomerato a conduzione familiare della Corea del Sud. Quel perdono era anche chiaramente focalizzato sul sostegno dell’economia contro l’inflazione, le crisi della catena di approvvigionamento e le tensioni globali.

“Con l’urgenza di superare la crisi economica nazionale, abbiamo selezionato con cura i leader economici che guidano il motore della crescita nazionale attraverso investimenti tecnologici attivi e creazione di posti di lavoro per essere graziati”, ha affermato il ministro della Giustizia Han Dong Hoon, secondo CNBC.

Uno dei primi progetti di Lee potrebbe essere la finalizzazione di un impianto di chip da 17 miliardi di dollari che Samsung vuole costruire a Taylor, in Texas, capitalizzando ampi finanziamenti statunitensi disponibili per la produzione nazionale di chip.

Gli analisti hanno anche affermato che si aspettano che Samsung si muova in modo più rapido e deciso su ricerca, acquisizione e strategie più ampie.

“Sono profondamente grato per l’opportunità di ricominciare”, ha dichiarato Lee in un comunicato dopo la sua grazia. “Lavorerò sodo per adempiere alla mia responsabilità di imprenditore”.

Ovviamente si dovrà aspettare una risposta del mercato globale a questa soluzione della giustizia coreana, che in gran parte dei paesi industrializzati potrebbe essere vista letteralmente come un’azione vergognosa. Potrebbe anche far perdere credibilità alla Corea del sud come governo.

Che ne pensi di queste decisioni del governo sud coreano? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI