Effetto Mandela

Effetto Mandela: dopo 10 anni si tenta di spiegarlo

Uno degli eventi più discussi "misteriosi" degli ultimi dieci anni potrebbe aver finalmente avuto un riscontro scientifico che lo definirebbe reale, ma difficile da spiegare

Se hai passato troppo tempo su Internet (o su Internet da un universo parallelo prima di entrare in questo), potresti aver sentito parlare dell’effetto Mandela, il quale prende il nome da persone che ricordano in modo errato la morte di Nelson Mandela, pertanto il termine è dato a tutti i falsi ricordi collettivi.

Gli esempi includono film che non sono mai esistiti, come Shazaam con Sinbad, o il fatto che Fruit of the Loom non abbia mai usato una cornucopia nel suo logo, ed un team di psicologi dell’Università di Chicago, incuriosito dall’idea, ha deciso di metterla a un vero e proprio rigore scientifico.

Effetto Mandela

Oltre a testare se c’era davvero un effetto, miravano a scoprire perché si verificava questo effetto Mandela (VME), con i risultati sono stati davvero esasperanti, sotto ogni punto di vista.

Gli studi e gli esperimenti per spiegare l’effetto Mandela

Nel loro primo esperimento sull’effetto Mandela –attualmente disponibile come prestampa prima della pubblicazione sulla rivista Psychological Science– ai partecipanti è stato chiesto di guardare le immagini di un logo, personaggio o mascotte, inclusi esempi popolari dell’effetto Mandela e altri che erano stati aggiunti come controlli.

Oltre alla versione originale e “reale” dell’immagine, sono state incluse molte altre versioni con errori, realizzate per adattarsi il più possibile al design originale, e ciò includeva versioni popolari andate dimenticate.

Ai partecipanti è stato chiesto di selezionare l’immagine che credevano fosse l’originale, nonché di valutare quanto fossero sicuri che fosse corretta e di stimare il numero di volte in cui l’avevano vista. L’immagine è stata considerata un potenziale effetto Mandela  solo se è stata costantemente ricordata in modo errato, e le persone erano sicure della propria scelta e la stessa immagine sbagliata è stata costantemente selezionata.

Effetto Mandela

È interessante notare che nelle domande che utilizzavano esempi dell’effetto Mandela citati popolarmente su Internet, l’immagine comunemente ricordata male è stata selezionata “una proporzione significativamente più alta” del tempo rispetto all’originale.

“Questi risultati indicano che queste sette immagini (C3PO, Curious George, il logo Fruit of the Loom, l’Uomo del Monopoli, Pikachu, il logo Volkswagen e Waldo di Where’s Waldo?) non avevano solo precisioni inferiori al caso, ma anche specifiche versioni errate che sono stati erroneamente riconosciuti come l’originale, quindi queste sette immagini sono state etichettate come “apparenti VME””.

ha scritto il team nel loro articolo, i quali hanno poi in seguito aggiunto:

“Inoltre, la loro accuratezza è sorprendentemente bassa data la familiarità e la fiducia che le persone avevano con queste immagini”.

Successivamente, il team ha mostrato ai partecipanti le immagini corrette e ha chiesto loro di studiarle, senza spiegare che sarebbe stato chiesto loro di ricordare le informazioni sull’immagine che avevano visto. Quando è stato successivamente chiesto loro di scegliere tra la versione corretta e una versione manipolata, le immagini che presentavano l’effetto Mandela sono state comunque scelte in modo coerente rispetto alla versione corretta che avevano appena studiato.

Effetto Mandela

“Questa bassa precisione per il set di immagini VME è notevole, dato che i partecipanti avevano appena visto l’immagine corretta pochi minuti prima durante la fase di studio, ma hanno comunque scelto la versione falsa per indicare la loro memoria”

ha scritto il team.

Alla domanda sulla loro scelta, coloro che avevano selezionato l’immagine corretta hanno detto cose del tipo “hanno visto solo il frutto, non la cornucopia”, mentre le persone che hanno selezionato l’immagine con l’effetto Mandela hanno anche affermato di ricordare di aver visto la manipolazione pochi istanti fa (in questo esempio, la cornucopia) anche se non l’avevano fatto.

“In effetti, le risposte errate alle immagini apparenti VME sono state più spesso attribuite alla memoria della funzione manipolata (66,54%) rispetto a quelle a immagini non VME corrispondenti (44,92%), che invece tendevano a essere più basate su ipotesi”.

Da questa parte dell’esperimento, hanno concluso che un’immagine di origine popolare (ad esempio se c’era un’immagine popolare di Pikachu con una punta nera aggiunta alla coda, cosa che di solito non ha ma la gente considerava canonica) non era la spiegazione per l’effetto visivo Mandela “poiché è improbabile che la versione non canonica dell’esperienza precedente prevalga sulla loro recente esperienza dell’immagine canonica”.

Effetto Mandela

Un’idea che potrebbe spiegare perché le persone commettono gli stessi errori è la “teoria dello schema” che suggerisce che le persone riempiono le informazioni mancanti (diciamo, non riescono a ricordare esattamente che aspetto ha l’uomo del monopolio) con informazioni basate sulle nostre aspettative e associazioni ( schiaffeggiargli un monocolo nella nostra mente, poiché è noto per essere incredibilmente ricco).

Tuttavia, questa teoria cade con molti dei VME. In un esperimento (immagine principale) ai partecipanti è stato chiesto di selezionare il logo Fruit of the Loom corretto dalla versione VME, la versione corretta e uno con una manipolazione.

“Avrebbero potuto scegliere il logo Fruit of the Loom corretto, il logo Fruit of the Loom con la cornucopia o il logo Fruit of the Loom con una targa sotto”

ha detto il coautore Deepasri Prasad in un comunicato stampa, aggiungendo che il fatto che abbiano scelto la cornucopia sul piatto, quando i piatti sono più frequentemente associati alla frutta, è una prova contro l’idea che sia solo la teoria degli schemi a spiegarlo.

In modo deludente, o forse solo intrigante, la squadra non ha trovato una vera spiegazione per gli errori consistenti, ed in un altro esperimento, ai partecipanti è stato chiesto di disegnare loghi e personaggi, e ancora hanno riprodotto Curious George con una coda, Pikachu con una coda nera e il logo di Fruit of the Loom con una cornucopia.

Effetto Mandela

“Le prove suggeriscono che alcune persone potrebbero commettere errori di memoria coerenti, anche con una vasta esperienza visiva con l’icona e senza aver sperimentato varianti prima”

scrivono nella loro discussione, aggiungendo poi:

“In sintesi, abbiamo rivelato una serie di immagini che causano falsi ricordi coerenti e condivisi tra le persone, stimolando nuove domande sulla natura dei falsi ricordi. Dimostriamo che l’effetto Mandela non può essere universalmente spiegato da un singolo resoconto. Invece, forse immagini diverse causano un VME per diversi motivi.”

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

E tu avevi mai sentito parlare dell’effetto Mandela? Cosa ne pensi di questo studio e di come hanno cercato di spiegarlo? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI