Donne con endometriosi

Donne con endometriosi più a rischio di ictus?

Una squadra di scienziati dell'Arizona si è interrogata, in una recente ed ampia ricerca, se esiste una correlazione tra donne con endometriosi e ictus.I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Ictus, giornale dell'American Stroke Association, che è una divisione dell'American Heart Association

Un’ampia ricerca prospettica ha studiato i dati di 112.056 donne in 28 anni, per verificare se le donne con endometriosi fossero più a rischio di avere un ictus. I ricercatori hanno però specificato che nonostante sia importante studiare una eventuale correlazione tra ictus e donne con endometriosi, le probabilità che un individuo sia colpito da ictus durante la sua vita sono molto basse.

Donne con endometriosi

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Ictus, giornale dell’American Stroke Association, che è una divisione dell’American Heart Association.

Donne con endometriosi: esiste una correlazione con l’ictus?

La comunità scientifica riconosce che circa il 10% delle donne in età riproduttiva è colpita da endometriosi, una condizione cronica e spesso dolorosa in cui un tessuto simile al tessuto che riveste l’utero cresce al di fuori di quell’organo. Studi pregressi, come una ricerca del 2016, ha rivelato che l’endometriosi è associata a un aumentato rischio di malattia coronarica.

Donne con endometriosi

“Precedenti ricerche del nostro team hanno osservato un’associazione tra endometriosi e aumento del rischio di ipertensione, colesterolo alto e infarto del miocardio”, ha dichiarato Leslie Farland, prima autrice della nuova ricerca e assistente Professoressa di epidemiologia e biostatistica presso l’Università dell’Arizona a Tucson: “Dato che queste condizioni sono associate al rischio di ictus, volevamo capire se anche le donne con endometriosi avessero un rischio elevato di ictus”, ha continuato la Professoressa Farland.

Il team di ricercatori ha sviluppato la nuova ricerca per superare i limiti riscontrati in altri studi sulle donne con endometriosi e il rischio aumentato di contrarre un ictus, che hanno incluso il follow-up dei partecipanti per brevi periodi e una contabilità limitata per il potenziale dei fattori di confondimento.

Per poter portare avanti il loro studio, i ricercatori hanno studiato attentamente le informazioni delle volontarie che hanno partecipato al Nurses’ Health Study II (NHSII): 116.429 donne che erano infermiere di età compresa tra 25 e 42 anni nel 1989. Ai partecipanti al NHSII sono stati proposti dei questionari con una cadenza di due anni fino al 2017. Tali questionari hanno riguardato domande su malattie e fattori di rischio.

In un secondo step, il team di ricerca ha escluso le partecipanti al NHSII che hanno avuto un ictus, infarto del miocardio, cancro (diverso dal cancro della pelle non melanoma) o un innesto di bypass coronarico prima del giugno del 1989 o che hanno ricevuto una diagnosi di endometriosi non confermata dal laparoscopio. Questa scrematura ha ridotto le volontarie che hanno partecipato alla ricerca a 112.056, delle quali 5.244 erano donne con endometriosi. Tra le partecipanti selezionate, ci sono state 893 episodi di ictus in 28 anni di follow-up.

I ricercatori hanno utilizzato modelli adattati per possibili fattori di rischio, tra cui l’assunzione di alcol da parte delle volontarie, il ciclo mestruale nell’adolescenza e l’attività fisica. Non solo, la squadra di scienziati ha valutato se il rischio di ictus potesse essere influenzato da altri fattori come l’ipertensione, l’isterectomia e la terapia ormonale postmenopausale, la cosiddetta TOS. Endometriosi, donne con endometriosi

Grazie a questa ricerca approfondita, il team di studiosi ha rivelato che le donne con endometriosi avevano un rischio di ictus maggiore del 34% rispetto alle donne senza una storia di endometriosi in modelli aggiustati per potenziali fattori di confondimento: “Questo è importante da notare, ma non un aumento del rischio eccezionalmente alto”, ha chiarito Stacey Missmer, coautrice dello studio e Professoressa di ostetricia, ginecologia e biologia riproduttiva presso il Michigan State University College of Human Medicine: “Inoltre, il rischio assoluto di ictus per qualsiasi individuo nella sua vita rimane ancora piuttosto basso”.

I ricercatori hanno altresì rivelato scoperto che l’associazione tra donne con endometriosi e aumento del rischio di ictus è parzialmente mediata da isterectomia (rimozione dell’utero) o ovariectomia (rimozione delle ovaie): “Siamo stati in grado di calcolare che circa il 40% potrebbe essere.causato dall’elevata prevalenza di isterectomia, con e senza ovariectomia, ma ciò significa che c’è un ulteriore 60% che non può essere attribuito a quello, deve essere altri fattori in gioco”, ha spiegato la Professoressa Missmer.

L’associazione è stata anche parzialmente mediata dalla terapia ormonale postmenopausale, dall’inizio della menopausa a 45 anni o prima e da una storia di ipertensione o colesterolo alto. Non sono state osservate differenze significative nella relazione tra endometriosi e ictus in più fattori tra cui età, indice di massa corporea o storia di infertilità. Per questo studio, la maggior parte dei partecipanti (93%) erano donne bianche. Tuttavia, la Professoressa Farland ha spiegato che “ci aspetteremmo che i risultati del nostro studio fossero generalizzabili ad altri gruppi razziali ed etnici”.

Il Dottor Ken Sinervo, direttore medico del Center for Endometriosis Care di Atlanta, ha specificato che l’endometriosi è troppo spesso: “mal gestita dall’isterectomia, che in molti casi potrebbe non essere necessaria. Il risultato è un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, che altrimenti potrebbero essere in gran parte evitate con un uso corretto dell’escissione laparoscopica”, ha aggiunto Sinervo, riferendosi alla procedura in cui un chirurgo esegue piccole incisioni nell’addome inferiore del paziente. Attraverso questi, i chirurghi inseriranno una telecamera per cercare le lesioni dell’endometriosi che successivamente verranno rimosse usando un laparoscopio.

Endometriosi, donne con endometriosi

La Professoressa Missmer spera che questo studio aumenterà la consapevolezza tra gli operatori sanitari e le donne con endometriosi sui rischi dell’isterectomia: “Poiché questa evidenza costruisce una relazione tra quel particolare intervento chirurgico e altri fattori di rischio aumentati per tutta la vita, le donne con endometriosi devono essere più consapevoli del fatto che possono esserci questi altri impatti di avere quegli interventi chirurgici e anche i medici che si prendono cura di loro devono essere consapevoli di anche di queste informazioni”.

Inoltre, la Professoressa Missmer ha sottolineato che è importante che gli operatori sanitari e i pazienti con endometriosi siano consapevoli del fatto che le donne cobendometriosi possonk avere un impatto sulla salute cardiovascolare e cerebrovascolare: “Significa che i medici di base, non solo i ginecologi, devono monitorare e prestare attenzione a tutti i sintomi e ai fattori di rischio di un paziente con endometriosi” ha concluso la Professoressa Missmer.

Sei una donna con endometriosi? Dopo aver letto l’articolo, ne parlerai con lo specialista che ti segue? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI