Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Disfunzione diastolica: nuovo approccio per curarla nei pazienti AR

Secondo uno studio sviluppato dal team di ricercatori della Queen Mary University di Londra e pubblicato sulla rivista scientifica PNAS la disfunzione diastolica diagnosticata in pazienti con artrite reumatoide potrà essere curata con nuovi approcci terapeutici

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La disfunzione diastolica associata agli individui colpiti da artrite reumatoide potrà essere curata con nuovi approcci terapeutici. A dichiararlo è stato un team di ricercatori della Queen Mary University di Londra.

Disfunzione diastolica

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica PNAS.

Disfunzione diastolica e artrite reumatoide: ecco cosa dice la ricerca

Ad oggi gli individui colpiti da artrite reumatoide sono particolarmente predisposti ad un tipo di deficit cardiaco chiamato disfunzione diastolica, che può portare a insufficienza cardiaca, con conseguente aumento del tasso di mortalità nei soggetti con AR.

Disfunzione diastolica

Dopo diversi tentativi, il team di ricercatori del William Harvey Research Institute (WHRI) della Queen Mary ha identificato con successo il modello giusto caratterizzando gli animali da esperimento con l’artrite. Gli animali hanno sviluppato disfunzione diastolica cardiaca, manifestando i sintomi presentati dai pazienti con AR. La disfunzione diastolica significa che il cuore è in grado di contrarsi normalmente ma incapace di dilatarsi correttamente, portando nel tempo a soffrire di insufficienza cardiaca.

Il professor Mauro Perretti, autore principale dello studio e professore di immunofarmacologia presso la Queen Mary University di Londra, ha dichiarato: “Come spesso accade, la descrizione di un valido modello di malattia può aprire nuove prospettive sui meccanismi patogenetici e su nuovi approcci terapeutici. Attualmente, la cardiomiopatia dei pazienti affetti da artrite reumatoide non viene trattata e, per di più, i farmaci antireumatici non curano la cardiomiopatia dei pazienti affetti da artrite reumatoide”.

“L’ampia area dell’infiammazione cardiaca è in gran parte inesplorata. Al WHRI abbiamo diversi gruppi che si occupano di lavori sperimentali e traslazionali su diverse sindromi cardiache. Quindi, c’è lavoro sulla miocardite, sulla cardiomiopatia indotta dal diabete e ora con questo studio, la disfunzione diastolica nell’artrite infiammatoria. Il WHRI della Queen Mary University di Londra è un luogo di eccellenza per studiare l’infiammazione cardiaca in tutte le sue molteplici facce, grazie anche alla nostra partnership con il Barts Heart Center presso il Barts Health NHS Trust “, ha concluso l’esperto.

La disfunzione diastolica si individua quando la parte diastole del cuore è anormale. I ventricoli non si rilassano adeguatamente e si irrigidiscono, il che significa che non possono riempirsi adeguatamente di sangue. Questo fa sì che il sangue si accumuli in altre parti del corpo.

Disfunzione diastolica

La pressione nei ventricoli aumenta quindi quando il sangue del battito cardiaco successivo cerca di entrare. Ciò porta a una pressione extra e all’accumulo di liquidi nei vasi dei polmoni (denominati congestione polmonare) o nei vasi che riconducono al cuore (denominati congestione sistemica).

La congestione polmonare provoca la fuoriuscita di liquido o trasudato da questi vasi negli alveoli polmonari, causando edema polmonare. Questa condizione ostacola l’ossigenazione del sangue nei polmoni, causando mancanza di respiro e (in alcuni casi) persino la morte se la patologia non viene scoperta e trattata rapidamente.

La congestione sistemica ha effetti dannosi su altri organi del corpo come il rene e il fegato, a causa della scarsa perfusione degli organi. Gonfiore e congestione possono verificarsi anche nelle gambe e all’interno dell’addome.

La disfunzione diastolica è un problema comune, con molte persone di età superiore ai 70 anni che sono state colpite da questa mattina. Nella maggior parte dei casi, la condizione non è abbastanza grave da portare a insufficienza cardiaca diastolica,.La stessa disfunzione diastolica spesso non causa alcun sintomo.Tuttavia, se il problema progredisce al punto che inizia a interessare altri organi e parti del corpo, viene diagnosticata l’insufficienza cardiaca diastolica. In queste situazioni i sintomi comuni includono:

  • Difficoltà a respirare e mancanza di respiro. Inizialmente, ciò può verificarsi solo durante l’esercizio, ma con il progredire della malattia, la respirazione può diventare problematica durante qualsiasi attività, compreso il riposo o lo sdraiarsi;
  • Aumento di peso insolito o gonfiore (edema) alle caviglie, alle gambe e all’addome;
  • Battito cardiaco irregolare o accelerato.

La disfunzione diastolica è un fattore prognostico sfavorevole precoce nell’ipertensione ed è una condizione reversibile. La diagnosi precoce e il trattamento sono necessari per evitare complicazioni cardiache. L’obiettivo di questo studio era di valutare l’insorgenza di disfunzione diastolica in pazienti ipertesi inviati per la valutazione ecocardiografica della funzione ventricolare sinistra in un ospedale secondario.

Disfunzione diastolica

Sono stati valutati anche diversi fattori quali età, sesso, pressione sistolica e diastolica, durata dell’ipertensione , pregresso infarto miocardico o cardiopatia ischemica e infine a scelta di farmaci antidepressivi che influenzano lo sviluppo della disfunzione diastolica nei pazienti ipertesi.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Cosa ne pensi di questo nuovo risultato ottenuto dalla ricerca scientifica? Se la terapia fosse già disponibile, ti candideresti per sperimentarlo? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0