Vitamina D, vitamine e minerali

Dieta “pochi cibi” allevia i sintomi dell’ADHD?

Un team di scienziati dell'Università e ricerca di Wageningen nei Paesi Bassi si è interrogato sulla possibilità che un intervento dietetico sui bambini ADHD possa alleviare i sintomi del disturbo. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Scientific Reports

Seguire una “dieta di pochi cibi” altamente restrittiva può alleviare i classici sintomi del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) nei bambini?

Dieta pochi cibi

Una nuova ricerca suggerisce che un intervento nutrizionale a breve termine, che verifica se determinati alimenti sono un fattore scatenante per i sintomi dell’ADHD attraverso il processo di eliminazione, potrebbe fare la differenza.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Scientific Reports.

Dieta “pochi cibi” e ADHD: ecco cosa dice la ricerca

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo dello sviluppo neurologico caratterizzato da disattenzione, iperattività e impulsività e spesso si manifesta con altri disturbi psichiatrici come il disturbo oppositivo provocatorio (ODD).

Dieta pochi cibi

 I farmaci generalmente prescritti per l’ADHD non sono efficaci 24 ore al giorno e possono causare problemi di sonno, diminuzione dell’appetito, mal di testa e mal di stomaco, con conseguente interruzione del farmaco. Pertanto, sono necessari nuovi trattamenti, preferibilmente mirati ai fattori scatenanti o alle cause sottostanti dell’ADHD.

Gli interventi dietetici possono modulare il comportamento e la salute mentale. L’integrazione o la restrizione di alcuni nutrienti o alimenti ha generalmente mostrato piccoli effetti nell’alleviare i sintomi dell’ADHD

L’ADHD può provocare disattenzione, iperattività e impulsività e l’alimentazione può svolgere un ruolo nella gestione dei sintomi, hanno affermato i ricercatori europei.

Nel caso di questo studio, le diete più rigorose consistevano in riso, tacchino, verdure (cavolo, barbabietola, cavolfiore, germogli, lattuga), pere, olio d’oliva, burro chiarificato, sale e bevande con aggiunta di calcio e acqua. Durante le prime due settimane di dieta sono stati aggiunti altri alimenti, tra cui agnello, burro e piccole porzioni di grano, mais, patate, alcuni frutti e miele.

Gli autori hanno spiegato che il piano alimentare alla fine si traduce in una dieta personalizzata che esclude solo gli alimenti a cui il paziente reagisce, che potrebbero essere alimenti con allergeni o qualsiasi cibo quotidiano. Altri studi hanno dimostrato che i bambini spesso reagiscono a più di un alimento.

Dieta pochi cibi

“Questa conoscenza sottolinea l’importanza di applicare una dieta di pochi cibi come intervento standardizzato in ulteriori ricerche sugli effetti del cibo sull’ADHD“, hanno scritto gli autori Saartje Hontelez e Tim Stobernack, dell’Università e ricerca di Wageningen nei Paesi Bassi, e il loro colleghi.

Lo studio ha incluso 79 ragazzi di età compresa tra 8 e 10 anni che avevano l’ADHD. I genitori hanno completato la scala di valutazione dell’ADHD prima e dopo che i ragazzi praticassero la dieta di pochi cibi per diverse settimane. I ricercatori hanno anche eseguito scansioni cerebrali con risonanza magnetica prima e dopo la dieta.

Il team ha scoperto che il 63% dei bambini ha avuto una diminuzione di almeno il 40% dei sintomi dell’ADHD dopo la dieta di pochi cibi. Alcuni dei sintomi che hanno esaminato includevano:

Evitare incarichi o avere problemi a concludere i dettagli di un progetto, interrompendolo o essendo distratto da altre cose o persone; avere difficoltà a ricordare appuntamenti o obblighi.

Oltre a vedere un allentamento dei sintomi, i ricercatori hanno riferito che un’analisi dell’intero cervello ha mostrato un’associazione tra i miglioramenti dei sintomi dell’ADHD e una maggiore attivazione in una regione del cervello associata all’elaborazione visuospaziale.

Gli esperti di ADHD negli Stati Uniti hanno valutato le sfide di un piano alimentare così restrittivo: “Il miglioramento dei sintomi dell’ADHD è commisurato a quello riportato in precedenti studi della dieta a pochi cibi, che hanno indicato un importante risultato”, ha affermato Mary Solanto, professoressa di pediatria e psichiatria presso il Cohen Children’s Medical Center di New Hyde Park, NY.

Dieta pochi cibi

Solanto ha notato la mancanza di un gruppo di controllo nello studio e ha affermato di non aver raggiunto il suo obiettivo principale di scoprire i biomarcatori critici di questo miglioramento del comportamento.

La dieta è anche lunga e faticosa per genitori e figli, ha aggiunto, e potrebbe non essere fattibile nella pratica generale: “Ulteriori studi sui biomarcatori potenzialmente critici possono consentire un’identificazione più rapida e diretta e l’eliminazione degli alimenti sconsigliati”, ha affermato Solanto.

La scienziata ha notato che i risultati di questo studio sono coerenti con una precedente revisione di sei meta-analisi della dieta a pochi cibi nel rivelare un effetto significativo nel ridurre i sintomi principali dell’ADHD.

I farmaci stimolanti e non stimolanti, la terapia comportamentale e la combinazione dei due rimangono i trattamenti di scelta per l’ADHD, ha detto Solanto. Lo studio ha suggerito che i farmaci prescritti non sono efficaci 24 ore al giorno e possono causare problemi di sonno, diminuzione dell’appetito, mal di testa e mal di stomaco, quindi è importante trovare trattamenti alternativi.

Carey Heller, una psicologa del Maryland che lavora con persone con diagnosi di ADHD, ha affermato di essere sempre scettica sugli studi che considerano la dieta per il trattamento dell’ADHD.

“Mangiare nel modo più sano possibile per la maggior parte delle persone renderà le cose almeno un po’ migliori, ma penso che quando ci si concentra su questa dieta o quella dieta per l’ADHD a volte si crea questa falsa comprensione di ciò che causa l’ADHD, o quella dieta può essere un meccanismo collaudato per il trattamento senza nient’altro”, ha detto.

Tuttavia, il modo in cui i genitori aiutano a gestire l’ADHD nella loro prole e il loro ambiente può avere un impatto sui loro sintomi, ha detto Heller.

Le migliori pratiche includono il trattamento comportamentale, come la psicoterapia o il coaching per l’ADHD, abbinato ai farmaci, ha affermato. I trattamenti comportamentali possono aiutare alcuni a ottenere strumenti importanti per la gestione dei loro sintomi, ha spiegato Heller.

Dieta pochi cibi

La psicologa ha suggerito che i genitori abbiano una buona comunicazione con il medico curante del loro bambino, parlando sempre prima di iniziare un nuovo trattamento o approccio: “Ognuno è diverso in termini di ciò che è meglio per sé stesso“, ha concluso Heller.

Cosa ne pensi di una strategia alimentare per alleviare i sintomi dell’ADHD? Saresti disposto, sotto controllo medico, a provare la dieta “pochi cibi”? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI